Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

ais, alba, alessandria, anteprime, asti, banchi d assaggio, barbaresco, barbera, brunello di montalcino, camera di commercio di genova, cervim, concorsi, concorsi enologici, cuneo, eventi vino, firenze, fisar, francia, genova, gioacchino la franca, go wine, guglielmina costi monaci, liguria, manifestazioni sul vino, massimo corrado, onav, ovada docg, piatto di nettuno, piemonte, recco, roberto gaudio, savona, siena, silvano d orba, silvia pezzuto, star hotel president, toscana, valle d aosta, vini liguri

Home > Autori > Vino > Vocacibario

Vocacibario

Anteprima del Vino Nobile di Montepulciano 2021

di Virgilio Pronzati

L’evento La Toscana come gran parte d’Italia si potrebbe definire un museo a cielo aperto.  Antiche città patrie d’illustri personaggi di ogni forma di cultura. Nelle vaste e suggestive zone verdi, dominano la vite e l’ulivo.  Colline ornate da castelli, pievi e cipressi.  Un altro patrimonio storico paesaggistico che si coniuga con tutto il resto. Montepulciano ne è un validissimo esempio.  Poche città al mondo vantano simili preziosità.  Non solo. L’economia di questa città d’arte poggia sul vino e sul turismo.  Naturale quindi, che Montepulciano ospiti da anni, una delle maggiori manifestazioni internazionali legate al suo storico vino. L’edizione 2021 di Anteprima del Vino Nobile di Montepulciano malgrado le limitazioni imposte dalla pandemia, ha richiamato oltre 100 giornalisti ed altrettanti buyer provenienti da vari Paesi del mondo. L’evento, ideato e promosso dal Consorzio di tutela del vino omonimo, costituito nel 1965, col sostegno di Enti e Istituzioni, si è tenuto nei giorni 18 e 19  maggio di quest’anno, in un grande salone della storica...
Letto 274 volteLeggi tutto[0] commenti

Anteprima di Chianti Lovers & Rosso Morellino 2021

di Virgilio Pronzati

Pur con dei cambiamenti, le Anteprime Toscane, restano uno dei maggiori eventi internazionali del vino. Cambiamenti drastici ma necessari dovuti agli effetti nefasti della pandemia. In primis lo slittamento dal mese di febbraio a maggio, e un numero ridotto di giornalisti presenti. Di positivo la qualità dei vini e le vendite in aumento. Alla Fortezza dal Basso in Firenze, l'anteprima Chianti Lovers, con un centinaio di giornalisti impegnati nella degustazione di oltre centosessanta Chianti Docg prodotti da ottanta aziende, nelle tre tipologie. Annata 2020, Superiore 2019 e Riserva 2018 in commercio da quest'anno. Tre valide annate, in particolare la prima. Molto fruttati, freschi e sapidi, invitanti e di buon corpo i 2020; bouquetè, di decisa struttura e discreta armonia i  Superiore; al naso intensi e complessi, pieni e abbastanza persistenti in bocca i Riserva. Di ulteriore interesse i Chianti prodotti nelle sette menzioni aggiuntive. Complessivamente, un livello qualitativo che va dal buono all'ottimo. Pochi vini come i Chianti possiedono il dono di abbinarsi a innumerevoli piatti. In Italia era scontato; all’estero è necessario fare più...
Letto 552 volteLeggi tutto[0] commenti

Dalla scribilita alla farinata

di Virgilio Pronzati

La farinata o meglio a fainâ, per i zeneixi non è solo una ghiottoneria ma un simbolo di genovesità. Una focaccia salata morbida e sottile alcuni millimetri, fatta con farina di ceci, acqua, olio d’oliva e sale, cotta nel forno a legna e, appena tolta dal forno, condita con un pizzico di pepe nero. Le sue origini affondano le radici in un lontano passato. L’etimo del nome farinata è sempre più certo che derivi dalla voce dialettale scribilita, ossia una sorta di sottile focaccia citata da Catone nel suo De re rustica. In un decreto del 1447 emanato dal Governo di Genova si parla appunto della scribilita o scripilita, e delle norme che ne disciplinavano la produzione, la qualità dell’olio d’oliva, misura del testo e il prezzo: . Quale prezzo debbono esigere i fornai, per cuocere le scribilite… Le antiche botteghe dove si faceva la farinata si chiamavano sciammadde ed erano quasi tutte collocate nei carruggi del centro storico genovese. Il curioso nome, deriva dal genovese fiammata. Nei secoli scorsi, coloro che la preparavano era chiamati farinatarii, poi fainotti. Termini usati nel Medioevo e coniati...
Letto 803 volteLeggi tutto[0] commenti

Montalcino Off

di Virgilio Pronzati

Malgrado la pandemia che ha colpito e sconvolto il nostro pianeta, il Brunello di Montalcino continua a far parlare di se e, ancor più importante, è sempre richiesto all’estero. Dopo i video professionali su Montalcino realizzati dal Consorzio di Tutela e da noti giornalisti americani di settore, i frutti sono stati copiosi ed immediati.  Gli importatori USA hanno incrementato l’importazione di Brunello di Montalcino prendendo spunto da due grandi annate come 2015 Riserva e 2016, giudicate eccezionali da Wine Spectator e da altre importanti testate internazionali. Non solo: l’annata 2020 a Montalcino è da annoverare tra quelle eccezionali. Saltata l’Anteprima Benvenuto Brunello per l’emergenza Covid, il Consorzio ha promosso ben due manifestazioni di rilievo.    Benvenuto Brunello Off 2021 nei giorni 08-14-21-27-28-29 Marzo con le sessioni dalle 16 alle 18 del 13-15-20 Marzo, solo per gli operatori di settore.  Giornate dove la qualità delle due prestigiose annate, è emersa in tutti i Brunello di Montalcino degustati.  La seconda è l’assegnazione del prestigioso premio Leccio...
Letto 1218 volteLeggi tutto[0] commenti

Pasqua sulle tavole genovesi

di Virgilio Pronzati

Questo mese, in occasione delle festività pasquali, è d’obbligo preparare piatti di squisita saporosità, ottenuti da ricette di quasi un secolo fa, che superando l’usura del tempo e il variar delle mode, trovano ancor oggi – forse più che in passato – giusti consensi non solo tra i zeneixi ma anche tra i “foresti”. A quei tempi era consuetudine nel giorno di Pasqua, imbandire la tavola con la cima, delicata farcia ricca di effetti cromatici, racchiusa in tenera e sottile pancetta di vitello. Le agresti ma non meno buone e raffinate lattughe ripiene in brodo, vero “miracolo” d’equilibrio di ingredienti e di laboriosa creatività delle massaie nostrane, in particolare delle valli Fontanabuona e Graveglia, seguite poi trionfalmente dalla torta Pasqualina che, con la gran cupola di sfoglie, troneggiava sul desco. Addirittura confezionata un tempo, con 24 o 33 sfoglie (quest’ultima, in onore di Cristo), tanto da essere cotta per tal volume nei forni non di casa ma del fornaio, la Pasqualina resta un caposaldo della cucina genovese. Il piatto forte era costituito (come in altre regioni)...
Letto 984 volteLeggi tutto[0] commenti

Virgilio Pronzati

Virgilio Pronzati


 e-mail

Virgilio Pronzati, giornalista specializzato in enogastronomia e già docente della stessa materia in diversi Istituti Professionali di Stato...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss di questa rubrica

Pubblicità Ultimi Commenti