Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Vino

Rocca del Principe

MappaDove siamo

Rocca del Principe
Via Arianiello 9 Lapio (AV)
spacer
Telefono Telefono: 0825.982435
spacer
Indirizzo web Web: www.roccadelprincipe.it
spacer
Indirizzo Email E-mail: roccadelprincipe@libero.it
Comprare vini, birre e cose buone online con gli amici Comprare vini, birre e cose buone online in gruppo
L 'Azienda si trova a Lapio, un piccolo borgo sulle colline della verde Irpinia, il comune più vitato a Fiano di Avellino e considerato da sempre cru d'elezione. Il territorio è particolarmente vocato alla coltivazione del Fiano ed è favorito, dal punto di vista climatico, dalla presenza dei monti Picentini: una delle sue vette, il monte Tuoro (1400 mt.) si trova a brevissima distanza e fa da termoregolatore nel modulare il caldo e nell'accentuare le escursioni termiche di notte e d'inverno. La piccola azienda vitivinicola è nata nel 2004, per volontà di Ercole Zarrella, sua moglie Aurelia Fabrizio ed il fratello Antonio, i quali, figli di contadini e viticoltori da sempre, dopo lunghi anni trascorsi a conferire le uve a terzi, decidono di vinificare ed imbottigliare le uve autoprodotte.


Considerazioni di TigullioVino


Febbraio 2006
Un vino è poca cosa per poter valutare una realtà aziendale. Senz'altro si presenta bene con questo fiano in purezza che, nonostante la non perfetta fusione delle componenti morbido - dure, è comunque in grado di regalare un sorso di sicura piacevolezza. Curiosi del prosieguo, inviamo i migliori auguri di buon lavoro, la strada è quella giusta.

Febbraio 2012
L’ Avellinese è da sempre terra vocata per la vitivinicoltura. Molti dei vitigni che vi allignano fanno parte del grande patrimonio ampelografico italiano. Tra questi, l’Aglianico e il Fiano, da cui derivano i tre validi vini aziendali, rappresentati da due Fiano di annate diverse fra loro, e dal Taurasi. Il primo dei due bianchi, un 2009, denota una limitata freschezza. Mentre il secondo del 2010, pur giovane, ha già un discreto equilibrio. Il Taurasi è quasi un bambino, giovane ma intelligente. Di grande struttura e dal bouquet non ancora compiuto, ma già d’appagante beva.
Letto 5706 voltePermalink

Degustazioni vino