Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Eventi > Vino

L'arte di Giorgio Olivieri incontra il vino ad Anteprima Amarone 2007

DoveVeronafiere, Verona (VR) - Salone Margherita

Quandodal 29 gennaio 2011 al 30 gennaio 2011

di Mariella Belloni

MappaArticolo georeferenziato

L'artista veronese Giorgio Olivieri, uno tra i massimi esponenti della Pittura Analitica, ad Anteprima Amarone 2007, l'evento organizzato dal Consorzio Valpolicella nel Salone Margherita di Veronafiere il 29 e il 30 gennaio 2011, presenta la sua ricerca attraverso il ciclo "I Quattro elementi", prestato dalla Fondazione Domus

Così come il vino di qualità, anche l'arte è una scoperta, soprattutto se si tratta dell'arte contemporanea.
La presentazione ad Anteprima Amarone 2007 offre quest'anno l'opportunità di avvicinarsi al mondo dell'arte contemporanea attraverso i lavori di Giorgio Olivieri.

Una scelta, quella del Consorzio, che segue un progetto che si sta dipanando nel tempo diventando sempre più raffinata, e fatta per legare l'eccellenza enologica frutto dell'arte dei vignaioli con l'arte intesa nel senso nobile del termine, in uno stretto rapporto con il territorio di origine.

La ricerca di Giorgio Olivieri ha le sue radici nella pittura americana degli anni '50-60', che privilegia un'indagine sulla pittura stessa le sue coordinate strutturali, i suoi segni e i suoi materiali.  Distante dalla passionalità degli artisti informali, e, allo stesso tempo, lontano dalle algide tele figlie dell'astrazione, Olivieri cerca il rapporto tra lo spazio della tela e quello che la circonda.

A connotare la sua poetica sta proprio il valore di relazione che scaturisce dai diversi elementi tra loro accostati che disegnano di volta in volta un magico equilibrio: la superficie monocroma satura di colore, la struttura sagomata del telaio, le pennellate ai margini dell'opera, gli interventi con gli spaghi, ecc...

Nel ciclo de "I Quattro elementi", prestato dalla Fondazione Domus al Consorzio Valpolicella per l'evento di Anteprima Amarone, la riflessione si estende al cosmo e alle energie che lo sottendono attraverso un linguaggio semplice, fatto di segni essenziali, quasi fosse l'unica maniera per approcciare i misteri della Natura.
Le tele sono suddivise in due parti: la forma-contenitore raccoglie l'energia delle pennellate, mentre il flusso incalzante dei cromatismi viene interrotto dalle tinte piatte che fungono da elemento di rottura.

Olivieri in queste quattro tele - le uniche ad avere un vero e proprio titolo - mette alla prova l'autenticità del suo linguaggio, rapportandosi con uno dei soggetti più comuni alle rappresentazioni degli artisti; ma nel suo caso la pittura, al di là di qualsiasi intento mimetico, non può che raccontare se stessa: la magia del colore, le tensioni della forma, l'incontro della luce.

info: Consorzio Valpolicella - info@consorziovalpolicella.it

Letto 5183 voltePermalink[0] commenti

Tags


Warning: min() [function.min]: Array must contain atleast one element in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/tags_articolo.php on line 7

Warning: max() [function.max]: Array must contain atleast one element in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/tags_articolo.php on line 8

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Mariella Belloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti