Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 207

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 213
Come stare tranquilli e godersi le meraviglie della Sardegna, di Enzo Zappalà

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Food

Come stare tranquilli e godersi le meraviglie della Sardegna

di Enzo Zappalà

Alghero: una delle perle della Sardegna… ma che caos! Le spiagge cittadine sono intasate, il traffico congestionato e non sembra quasi di essere nella sublime e arcaica Sardegna. Eppure le meraviglie sono vicinissime. E non solo il celeberrimo e incombente Capo Caccia con le sue grotte di Nettuno. Anche lì fin troppi turisti. Basta spostarsi verso la suggestiva Bosa (calette mozzafiato) o verso la costa nord-occidentale tra Argentiera, Porto Ferro, Porto Palmas, Lampianu, sino a sfiorare Stintino (di nuovo invaso da un assembramento mostruoso) per sentirsi immersi nei profumi e nei silenzi della vera Sardegna.

Il mare vuole farla da padrone, proponendo una serie di calette e spiagge nascoste di un tale splendore da far restare a bocca aperta. Qualche chilometro di strada sterrata, una ventina di minuti a piedi e vi trovate a fare bagni da favola in completa solitudine. La trasparenza delle acque è totale e se il mare è calmo non vi è nemmeno bisogno di maschera per vedere le orate e le spigole che escono da sotto gli scogli.

I centri abitati sono piccoli e pochi, e gli alberghi non molto frequenti. Sembrerebbe necessario dirigersi verso i centri affollati di Alghero e Stintino per passare la notte e rilassarsi delle meravigliose fatiche diurne. E invece no. Poco a nord di Fertilia, a una manciata di chilometri da Alghero, sorge il minuscolo paese di Santa Maria La Palma, dove, tra parentesi, si trova la Cantina Sociale che propone ottimi vini a prezzi veramente interessanti. Più o meno un chilometro verso Capo Caccia ed ecco un agriturismo che già vi attira per l’aspetto esteriore: un curatissimo prato all’inglese, tanti fiori, ulivi, due linde casette, una spaziosa veranda. Siete arrivati al Bonsai. La calma, la gentilezza, la simpatia vi aspettano con entusiasmo. L’orto enorme e verdissimo dove crescono verdure rigogliose, l’uliveto, i cespugli di essenze dai profumi intensi e ammalianti fanno subito capire che siamo in un vero agriturismo, a cui manca solo il bestiame.

Si è accolti come amici di lunga data. Tanta cortesia, professionalità, ma anche semplicità e schiettezza. Il tutto è portato avanti da una simpatica e attiva famigliola: il papà ai fornelli, la mamma a dirigere le operazioni e i due giovani figli, sempre sorridenti e pronti ad aiutare o a spiegare cosa si può fare l’indomani. Una macchina perfetta ed estremamente efficiente, pronta a creare un soggiorno curatissimo nei particolari, ma ammantato di semplicità e amicizia. Le camere sono spaziose, con aria condizionata e frigobar. Nessun obbligo di fermarsi a cena, ma è difficile andarsene.

Sotto una spaziosa veranda sarete deliziati con i piatti della cucina sarda autentica e con quelli preparati con il pescato del giorno (sempre due primi, due secondi e un dolce). Ma è nelle sere in cui viene predisposto il buffet degli antipasti che si è letteralmente assaliti dall’ansia. Decine di piatti, essenzialmente vegetariani, dai mille colori e dai mille sapori. E’ difficile scegliere e altrettanto complicato decidere quali non assaggiare. Sicuramente si potrebbe cenare solo con quello che il buffet offre a piene mani. La fa da padrona la melanzana, alla “parmigiana”, fritta, in pastella, con peperoni e zucchini, pulita della buccia ed elaborata con peperoncino e altri aromi, ecc., ecc. Ma anche zucchini, pomodori, insalate, peperoni e via dicendo. Ogni cosa esposta sembra che insista per essere scelta e che vi indichi il luogo di provenienza: l’orto dietro la casa. L’unica cosa in comune a tutti i piatti è, infatti, la freschezza e la delicatezza delle preparazioni.

Il Bonsai sorge in un punto strategico: dodici chilometri da Capo Caccia, una decina da Alghero, pochissimi da Porto Ferro, una ventina da Stintino. Eppure si vive nella pace e nella tranquillità, circondati dal silenzio, dal verde e dai profumi.

Per sconfinare nelle cose più pratiche… la mezza pensione (con una cena sempre varia e luculliana) è offerta dai 50 ai 60 euro a seconda della stagione… Chi scopre il Bonsai non lo lascia più!

Bonsai Bed & Breakfast Agriturismo Alghero
Località Santa Maria La Palma, 55
07041 Alghero (SS) - Sardegna
Tel/Fax: +39 079999138
email: info@bonsaialghero.it
web: www.bonsaialghero.it
Cantina Sociale di Santa Maria la Palma
http://www.santamarialapalma.it/

Letto 8613 voltePermalink[1] commenti

1 Commenti

Inserito da Luciano Pavesio

il 26 luglio 2010 alle 10:42
#1
Grazie, Enzo!
Ottima segnalazione..scritta con la consueta cura e passione!

Luciano

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Enzo Zappalà

Enzo Zappalà

 Sito web
 e-mail

Astrofisico per 40 anni, ho da sempre coltivato la passione per il vino e per il mondo che lo circonda. Vedo di traverso la seriosità che...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area food

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti