Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Eventi > Food

Ortinfestival: dalla gastronomia, al Design passando per l’Universo Green…

DoveVenaria reale (TO) - Giardini della Reggia di Venaria

Quandodal 30 maggio 2014 al 02 giugno 2014

di Mariella Belloni

MappaArticolo georeferenziato

Festival gastronomico degli orti contemporanei

Tutto il mondo a km 0 Potager Royal dei Giardini della Reggia di Venaria 30 maggio - 2 giugno 2014

 

Una green immersion nel fascino e nel piacere dei prodotti della Madre Terra, interpretati da talentchef e contadini "visionari" del nuovo millennio, per un lifestyle contemporaneo. Un nuovo evento che anticipa i grandi temi dell'Expo 2015, realizzato dalla Reggia di Venaria dichiarata dall'Unesco “Patrimonio Mondiale dell'Umanità”.

Dagli Orti “Reali”, all'orto reale… con Gusto! Questo è lo slogan della prima edizione di Ortinfestival che -nel lungo ponte primaverile di fine maggio, quando il paesaggio agricolo promette i primi frutti ed i Giardini si ammantano di un verde sontuoso- si inaugura negli orti della Reggia, recuperati e riprogettati in una visione "ortemporanea", con specie rare, antiche varietà, prodotti tipici e vegetali esotici di tutto il mondo a km 0.

Ortinfestival mette in mostra -in uno spazio di circa 10 ettari che nell'Ottocento ospitava l'Azienda Agricola della Real Casa e dove oggi è riproposto il Potager Royal, realizzato secondo i principi dell'Agro-ecologia- i migliori frutti della terra e le più innovative esperienze ispirate da un'agricoltura rispettosa dell'ambiente e dal design, per un'alimentazione "sana, gustosa, creativa e sostenibile", attenta alla salute, sensibile alla salvaguardia delle risorse idriche ed energetiche.

Ortinfestival racconta l'agri-cool-tura contemporanea, ovvero l'inscindibile legame tra natura, ambiente, orticoltura, gastronomia, creatività e design: attraverso produzioni orticole locali e esotiche, varietà recuperate e folies-gourmandes, panieri del territorio e orti etnici, specchio di una società multiculturale; pratiche agricole millenarie e le tecniche più innovative; orti idroponici, orti verticali, orti urbani, orti creativi e orti social; una rassegna di gastronomia orticola tra km 0 e kilometraggio illimitato.

Ortinfestival è un percorso espositivo e gastronomico indoor e open-air, multi-target, con cento spazi espositivi dove si potranno vedere, provare, acquistare prodotti di pregio, spaziando dalla gastronomia al benessere, dal florovivaismo orticolo al design.

Saranno quattro giorni di festa all'insegna dei prodotti della Terra e del buon cibo, della creatività e del green design, tra incontri, musica, workshops e showcooking. Gli antichi orti di casa Savoia si sono rifatti il trucco e sono pronti ad accogliere le migliaia di visitatori con un percorso espositivo ricco e originale, con tante cose belle da vedere e buone da gustare.

Anticipando di un anno i temi dell'Expo 2015 di Milano, Ortinfestival ha chiamato a raccolta circa duecento realtà tra espositori, ospiti e relatori. Sono agricoltori del nuovo millennio, chef stellati e non, botanici e naturalisti, architetti paesaggisti e giovani designer, artisti e creativi che ci racconteranno attraverso le proprie esperienze e testimonianze come oggi sia possibile, oltre che auspicabile, un ritorno alla terra.

 

Il percorso di Ortinfestival inizia con la scoperta di un inedito edible garden, che rappresenta idealmente l'orto contemporaneo, allestito con centinaia di piante commestibili. Un potager unico nel suo genere, che accoglie antiche varietà di frutti recuperati (400 piante), centinaia di erbe aromatiche mediterranee e asiatiche, peperoncini, piante acquatiche, radici, bulbi e tuberi di tutto il mondo, fiori eduli (“da mangiare”) e circa 50 nuovi ortaggi esotici, oggi coltivati con successo anche in Italia.

 

Dalla orto alla tavola il passo è breve… e poiché non esiste una buona cucina senza buoni prodotti abbiamo voluto sottolinearlo dedicando un'ampio spazio alla gastronomia.

Ortinfestival sarà preceduta da una mini rassegna gastronomica che coinvolge un numero selezionato di ristoranti torinesi e non, che hanno elaborato un menu ispirato ai temi della manifestazione. Partecipano ristoranti stellati Michelin come Magorabin e il Gardenia (Caluso), ma anche trattorie contemporanee come il Consorzio di Torino e due locali di Venaria: Passami il Sale e il Convito della Venaria. Chi ama le cucine del mondo e i sapori esotici potrà dilettarsi con la fusion di KIDO-ism e il cinese Zheng Yang.

A celebrare questo connubio indissolubile tra l'orto e la buona tavola ci penserano i 13 ospiti degli showcooking di Ortinfestival, sezione sponsorizzata da Guardini. Durante la manifestazione, ogni mattina spetterà agli chef stellati Marcello Trentini, Pietro Leeman e Mariangela Susigan e al talent chef novo andino Rafael Rodriguez, in rappresentanza del Perù, paese ospite di questa prima edizione.

Al pomeriggio si alterneranno ottimi cuochi come Sergio Maria Teutonico e Riccardo Ferrero del Marchesino alla Scala del Maestro Marchesi. Poiché da sempre la cucina è affare di donne e non solo di grandi chef, come vuol farci credere la televisione, abbiamo invitato l'85enne Alfonsina Trucco, campionessa mondiale di pesto al mortaio 2014 che ci svelerà i segreti della sua arte e Lucia Papponi, naturalista e botanica, esperta di erbe spontanee e fiori eduli… anche in padella.

Il compito di elaborare i prodotti esotici oggi coltivati in Italia è stato affidato a chef nativi: Silvia Ling si cimenterà con gli ortaggi cinesi, Takashi Kido di KIDO-ism con quelli giapponesi forniti dai contadini orientali piemontesi, anch'essi presenti a Ortinfestival. Il giovane Gabriele Faggionato, allievo di Carlo Cracco proporrà la sua cucina fusion, fatta con intelligenza e gusto. Cristiano Bonolo presenterà le sue squisitezze veggie, il mastro panificatore Luca Scarcella, farà lievitare i suoi “pani di una volta”.

Nella corte di Cascina Medici del Vascello verrà allestita una food court con una dozzina di chioschi. Si spazia dalla cucina di strada, con le bombette pugliesi, proposte dalla condotta Slow Food di Alberobello, al suino nero bio di Cal Bianchino arrostito a legna sull'aia, dalle salad bowl di fiori eduli e spontanee di Eatable. Una menzione speciale meritano i cibi on the road serviti da ristoratori nomadi, a cominciare dallo stellato Michelin Gardenia che propone in anteprima a Ortinfestival il suo orto fritto-piemontese versione easy going. E ancora… le zuppe contadine su ciclo pedale di Yanquam, il food truck di cucina piemontese di Cucinando su ruote, lo street design mediterraneo di Q-Cina Momang. Gli amanti delle cucine del mondo potranno deliziarsi con le specialità russe di Skaski, argentine di Empanadas Hilda, latinoamericane di Amerrica 1492, indiane del ristorante Gandhi, iraniane di Persian Food.

Un'ampia selezione dei migliori “vini fatti nella terra” sono stati selezionati e verranno proposti al grande pubblico dal wine bar gestito dalla rivista Civiltà del Bere.

In rappresentanza dello spumeggiante fermento birrario che attraversa il nostro paese sono stati selezionati alcuni tra i migliori agro birrifici italiani: Almond (Abruzzo), Foglie d'Erba (Friuli), BI-DU (Lombardia), e dal Piemonte: Le Baladin, Croce di Malto, La Piazza, Soralamà. Il beershop BirFlut spalancherà invece una finestra sulle birre artigianali del mondo.

Ogni giorno, verso le ore 18.30, in collaborazione con la comunità peruviana di Torino, Ortinfestival organizza il banchetto della Pachamanca tradizionale, con degustazione dei prodotti e dei piatti tipici della regione andina, che vengono cucinati interrati in una buca arroventata, ricoperta di terra, nel ventre della Madre Terra.

Per mettere a proprio agio i visitatori di Ortinfestival e godere appieno di un bel ponte all'aria aperta, verrà attrezzata un'area pic-nic per il pubblico, che potrà accomodarsi nei prati della Reggia con tanto di plaid, forniti da Ferrino contemporary outdoor. Coldiretti ha progettato in esclusiva per Ortinfestival il sinoira-lunchBox: un kit ecologico che ciascuno può riempire con prodotti del farmer market per fare pranzo, cena o una tradizionale “merenda sinoira”.

 

Ortinfestival ospita un'ampia sezione,dedicata allo shopping, con 100 espositori selezionati che proporranno le proprie specialità in esposizione, degustazione e vendita, suddivise per aree tematiche. Dai farmer markets, gestiti dalle associazioni di categoria (Cia, Coldiretti, Confagricoltura), allo shopping di prodotti di prodotti green, garden house, benessere, food & beverage.

 

Ispirato alla versione arcaica dell'Agorà, l'OrtoDotto Ferrino nasce come spazio per la raccolta di idee e confronti su temi trasversali all'agricoltura e all'orticoltura.

In un salottino allestito con balle di fieno, un ricco cartellone di appuntamenti e incontri con ospiti illustri, come Michelangelo Pistoletto e Luca Mercalli, condotti sotto forma di talk show dalla giornalista Barbara D'Amico. Ad alternarsi sul palco, in un clima informale, non solo produttori e orticoltori ma anche ricercatori, designer, architetti e appassionati di cibo capaci di integrare le proprie competenze con il mondo dell'agricoltura. Altri incontri tematici saranno organizzati a cura del Centro studi della Venaria Reale.

L'OrtoDotto diventa così un laboratorio aperto al pubblico, un luogo di partecipazione animato da interventi di esperti che avranno modo di far conoscere le loro idee, i loro approcci, le loro storie ma soprattutto le ultime novità nel settore dell'agricoltura urbana e dell'edilizia sostenibile. Il tutto accompagnato da una selezione di film e documentari a tema a cura di Piemonte Movie.

Nel potager l'installazione del Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto offrirà una riflessione sull'urgenza di rigenerare le nostre città a partire dall'uomo e dal rapporto con la natura.

Cascina Medici del Vascello accoglierà nelle sue Green Galleries, nella corte e nella serra le creazioni di alcuni artisti-designer e artigiani. Sono installazioni capaci di coniugare il design e la progettazione con l'amore per il giardino, il desiderio di realizzare un orto anche in piccoli spazi e di produrre da soli erbe aromatiche e ortaggi. Saranno designer come Caterina Crepax o Barbara Uderzo, artisti tessili come Silvia Beccaria, interior designers come Oriana Leporace, Ortisgreen, studi di architettura e paesaggisti: AIAPP, Studio999, ViaBava36, Suingiardino, FarWaste.

 

Ortinfestival ospita una serie di workshops per grandi e piccini, dedicati alla ri-scoperta della terra e a tutto ciò che gravita intorno all'universo agricolo, all'ecologia, all'ambiente. Saranno brevi incontri e/o ateliers di alfabetizzazione orticola, open air & indoor, tenuti da fattorie didattiche, etnobotanici, esperti, in grado di coinvolgere ed appassionare il pubblico. Si impara, divertendosi, a coltivare un orto in vaso sul balcone o nei cassonetti su un terrazzo urbano, a costruire uno spaventapasseri, allevare api in città per autoprodursi il miele.

Ortinfestival ospita ogni giorno un ricco cartellone con momenti di spettacolarizzazione itinerante artisti di strada, performers e performances elettro-acustiche musicali a tema...

Ortinfestival ha scelto Carl Warner per la propria immagine. L'artista-fotografo inglese realizzerà l'immagine ufficiale dell'Edizione 2015 di Ortinfestival, nell'anno dell'EXPO di Milano.

 

Ortifestival organizza un'area riservata ai blogger ospiti della manifestazione, allestita con le confortevoli tende eco-chich di Ferrino contemporary outdoor.

 

Ortinfestival è un evento eco-compatibile a emissione CO2 pari a zero. grazie alla partnership con Asja sono state annullate 400 t CO2 Eq per ridurre l’impatto ambientale dell’Evento

 

Ortinfestival ha ricevuto per il valore e l'originalità dei suoi contenuti il Patrocinio dell'EXPO 2015, del Comitato Scientifico dell'Expo 2015 e del Gruppo Italiano della Stampa Turistica GIST.

Ortinfestival è un evento realizzato dalla Reggia di Venaria e curato dal giornalista ed event designer Vittorio Castellani, gourmet cosmopolita conosciuto come Chef Kumalé

www.ilgastronomade.com - chef@kumale.net

Ortinfestival si tiene nei Giardini della Reggia di Venaria

 

Venerdì 30 maggio: dalle ore 16.30 alle 22.30

Da sabato 31 maggio a lunedì 2 giugno: dalle ore 9.30 a tarda sera...

 

Intero: 8 euro

Ridotto (famiglie, under 18 anni e over 65 anni): 6 euro

Il biglietto consente l'ingresso ai Giardini: per alcune attività ed iniziative la partecipazione è prevista fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Si ricorda che tutti gli altri biglietti previsti (Reggia e/o mostre) consentono ugualmente l'ingresso ai Giardini e all'evento Ortinfestival.

 

Per altre informazioni

www.ortinfestival.it

 

Letto 2864 voltePermalink[0] commenti

Tags


Warning: min() [function.min]: Array must contain atleast one element in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/tags_articolo.php on line 7

Warning: max() [function.max]: Array must contain atleast one element in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/tags_articolo.php on line 8

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Mariella Belloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area food

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti