Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità

Grande serata da O Vittorio con le golosità dell'Antola e dei Presidi Slow Food

di Virgilio Pronzati

Il ristorante Da O Vittorio di Recco oltre ad essere inserito tra i Locali Storici d’Italia, è una “gran tavola sicura”. Accoglienza, freschezza delle basi alimentari e saporosità dei piatti, sono da sempre una garanzia. 

 

Vittorio e Giovanni Bisso i due gemelli che lo gestiscono al meglio con i loro figli, hanno saputo custodire e trasmettere i valori della famiglia e della cucina lasciatigli dai loro antenati. Un’eredità tutt’altro che facile, sapendo che tutto è nato nel 1860 per merito di Marinin e Vittorio Bisso, gestori di un’osteria con campo da bocce. 

 

Da allora ad oggi sono passate quattro generazioni, ma la quinta è già appaiata ai genitori. Paola, Mattia, Chiara e Federico sono gli alfieri del locale. Innumerevoli i personaggi che ne hanno apprezzato i piatti. Luigi Einaudi e Elettra Marconi. I comici Bramieri, Dapporto e Walter Chiari con cui Luigi, padre di Vittorio e Giovanni, scambiava le barzellette. 

 

E ancora Vanda Osiris, il grande Govi, il  Premio Nobel Dario Fo, i cantautori De Andrè e Gino Paoli, gli attori Nino Manfredi, Tognazzi e Vianello, seguiti da tante altre stelle del cinema, della canzone e dello sport. 

 

Da O Vittorio fa parte del gruppo di ristoranti che organizzano sin dal 1976 le ormai famose Serate Gastronomiche Recchesi. In occasione dell’edizione 2019, dopo la ghiotta cucina di strada pugliese, il 4 aprile ha deliziato i numerosi clienti con piatti esclusivi realizzati con prodotti dei Presidi Slow Food e Mercati della Terra, e del Parco dell’Antola.   

 

Una serata caratterizzata da piatti del passato ma quanto mai attuali ed invitanti, che raccontano i rispettivi territori. Si inizia con Spritz allo sciroppo di rose con mostardella di Vobbia, castagnaccio salato e salsa d’aglio di Vessalico.  Si prosegue con Formaggi di latte di Cabannina con miele multiflora  dell’Antola e marmellata alla rosa accompagnati dal pane cotto in forno a legna da Carlo di Montebruno.  

 

Dopo il graditissimo intermezzo con la Focaccia di Recco col formaggio IGP, Gnocchi di prescinseua di latte Cabannina su vellutata di asparagi (da ricordare). Passando ai secondi piatti, succulenta Tagliata di filetto bio con salsa al dragoncello. 

 

Dulcis in fundo, Strudel con battuto di petali di rose accompagnato da gelato vaniglia con mou di latte di Cabannina. Il tutto accompagnato da Dolcetto d’Alba 2015-2016 e Barbera d’Alba 2014 dell’azienda  Borgogno di Barolo, seguiti dall’Amaro Balletin e caffè.  

 

Nella riuscita serata, condotta da Daniela Bernini e Paola Bisso, ci sono stati vari interventi, di cui quello più significativo, della Presidente del Parco dell’Antola Daniela Segale. Ad allietare i numerosi presenti, la musica e le canzoni dei bravi canterini in costume, I Zenexi.  

 

Le aziende dei prodotti impiegati nella cena:

Salumificio Torrigino, Cooperativa Apicoltori Alta Valle Trebbia, L’Ommu Sarvegu di Pentema,  le Aziende agricole A Cimma, Pensa e Bio (Scolaro),  Antico forno Da Carlo, Stallone di Propata. 

Nella foto di Mara Daniela Musante; I prodotti del Parco dell'Antola e Presidi Slow Food

 

Letto 1201 volteLeggi tutto[0] commenti

Ultimi post della Redazione di TigullioVino.it

  • Golosità pugliesi al Vitturin...
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 10 aprile 2019 alle 22:52

    Recco è sicuramente uno dei migliori esempi della laboriosità, tenacia e spirito imprenditoriale della gente ligure. Completamente distrutta dalla guerra (seconda dopo Montecassino) e privata delle comunicazioni viarie con i paesi vicini, Recco ha saputo risorgere e costruirsi nel tempo una solida economia basata su prodotti dell’artigianato e in gran parte...

    letto [1961] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Genova Wine Festival 2019
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 07 aprile 2019 alle 19:53

    Lo storico Palazzo Ducale, fiore all’occhiello della città, per due giorni è stato teatro di un evento enoico di rilievo nazionale. Nel fastoso e suggestivo Salone del Maggior Consiglio, oltre il meglio dell’enologia ligure, c’era una selezionata gamma di pregiati vini nazionali prodotti da cinquantuno aziende, provenienti da undici regioni. In...

    letto [1663] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Il Controcenone del Piatto di Nettuno al...
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 26 marzo 2019 alle 01:23

    Guglielmina Costi Monaci creatrice e presidente dell’Associazione Piatto di Nettuno, per l’ edizione 2019 del Controcenone si è superata. L’ormai nota iniziativa per mantenere la salute a tavola ed il piacere della convivialità e dell’’amicizia, quest’anno si è tenuta nello splendido salone dell’esclusivo Circolo...

    letto [1975] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Quarta edizione di Grandi Langhe
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 05 marzo 2019 alle 17:25

    Alba, teatro di eventi enoici di livello internazionale. Un ruolo di rango, meritatamente acquisito da lungo tempo. L’ennesimo esempio, Grandi Langhe, giunto con successo alla quinta edizione.  Una due-giorni, il 28 e 29  gennaio scorso, dedicato ai grandi vini dell’Albese, che ha convogliato al Palazzo Mostre e Congressi di Piazza Medford, oltre 600...

    letto [1584] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Due giorni a Mangiacinema: Culatello e...
    Luigi Bellucci su Viaggi enogastronomici

    Pubblicato il: 30 gennaio 2019 alle 20:01

     La mattina di domenica 30 settembre ci trova a colazione al buffet del Baistrocchi, nel salone al primo piano. Anche oggi il sole si sta alzando nel cielo limpido e scalda l’aria creando una lieve brezza che ti accarezza il viso piacevolmente. Facciamo i turisti girando a piedi per i parchi di questa bella cittadina parmense tra ville storiche e antichi alberghi...

    letto [554] volteLeggi tutto[0] commenti
  • La buona farinata da Franz & Co
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 24 gennaio 2019 alle 19:33

    La farinata o meglio a fainâ, per i zeneixi non è solo una ghiottoneria ma un simbolo di genovesità. Una focaccia salata morbida e sottile alcuni millimetri, fatta con farina di ceci, acqua, olio d’oliva e sale, cotta nel forno a legna e, appena tolta dal forno, condita con un pizzico di pepe nero. Le sue origini affondano le radici in un lontano...

    letto [2575] volteLeggi tutto[0] commenti

La Redazione di TigullioVino.it