Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

aglianico, antonio di gruttola, avellino, benevento, bianchirpinia, campania, cantina giardino, cesanese del piglio, cristiano guttarolo, degustazione vino, falanghina, fiano, fiano di avellino, fiera d oltremare, greco, greco di tufo, guttarolo, incursioni in puglia, irpinia, montefredane, napoli, pietracupa, puglia, raffaele troisi, sicilia, storia, sud, sud italia, taurasi, vadiaperti, verdeca, vini bianchi, vini campani, vini del sud, vini pugliesi, vini rosati, vino, vitigno italia, vitigno italia 2005

Home > Autori > Vino > Vini dal centro sud

Vini dal centro sud

Giri di Puglia

di Ugo Baldassarre

Forse in nessuna parte d’Italia come in Puglia, girovagando tra cose di vino puoi imbatterti in prodotti inaspettati, originali, a volte di moderna fattura a volte anche ammiccanti al passato, ma mai retrò, semmai attenti alla parte migliore della propria tradizione coniugata alle più attuali esperienze e tecnologie. Il vantaggio produttivo, il plusvalore di questa terra, probabilmente deriva proprio dalla sua estrema varietà di climi, dagli ottocento chilometri di coste, dall’infinità di esposizioni e giaciture dei vigneti, dalla ricchezza estrema del suo patrimonio ampelografico, un vero e proprio crogiuolo di autoctoni, di internazionali e di vitigni che, pur caratterizzando maggiormente altre regioni limitrofe, qui non solo si sono acclimatati a dovere ma hanno assunto personali connotazioni caratteristiche, divenendo anch’essi veri e propri autoctoni pugliesi. E’ il caso anche di alcuni vitigni che traggono la loro fama più da altre regioni, e segnatamente dalla Campania, come Aglianico, Fiano e Falanghina. L’Aglianico è diffuso nella regione un po’ dappertutto, dalle Murge e dalla Val...
Letto 6104 volteLeggi tutto[0] commenti

Marsiliano 2007 - La Sibilla

di Alessandro Castaldo

 Siamo in terre che hanno storia millenaria ed evocano leggende come quella della Sibilla cumana, antica sacerdotessa dell'oracolo di Apollo, la quale nei pressi del lago d'Averno, nella città magnogreca di Cuma, prediceva il futuro "ispirata" dalla divinità. E' proprio qui che la famiglia Di Meo cerca di coltivare a vite la "terra della Sibilla" con lo spirito di chi, con la propria presenza vuole migliorarla e mai abusarne. Azienda a conduzione familiare, mi colpisce subito per la straordinaria ma "verace" ospitalità di Luigi e Vincenzo, vecchia e nuova generazione, entrambi intensamente coinvolti negli affari di famiglia. Salendo su per le vigne dei piccoli terrazzamenti, fino in cima alla collina, tra splendidi pergolati e inaspettati reperti archeologici di epoca romana, rimani senza fiato ad ammirare il panorama che ti si pone davanti, che spazia dalla città romana sommersa di Baia al promontorio del Monte di Procida. Le vigne sono molto eterogenee e su quei terreni vulcanici con ceneri e lapilli, trovi piante centenarie, altre di 40-50 anni e poi delle nuove sfide, quali vitigni "minori" come...
Letto 5984 volteLeggi tutto[0] commenti

Passaggio a vuoto, il Taurasi 2009

di Ugo Baldassarre

E’ davvero difficile scegliere le definizioni giuste, trovare le parole più opportune per descrivere questo millesimo. Certo, un bilancio va fatto, e le somme non possono che esser tirate alla luce di considerazioni che, in fine dei conti, non sono affatto personali. Sono dati obiettivi, infatti, da un lato l’annata difficile, capricciosa, con le frequenti precipitazioni che hanno accompagnato praticamente tutto il ciclo vegetativo e col freddo che precocemente è calato nei vigneti da settembre al momento della vendemmia. E’ un dato obiettivo, d’altro canto, anche il fatto che alcuni viticoltori, al cospetto di tanta peronospora, dell’impossibilità di interventi in vigneto se non con trattamenti particolari, di una maturazione fenologica spesso incompleta, hanno preferito non produrre il Taurasi, concentrandosi invece sulle denominazioni di ricaduta; così, ad esempio, han fatto aziende che costantemente, negli ultimi anni, hanno sempre saputo interpretare al meglio le proprie vigne, come Il Cancelliere, Benito Ferrara o Colli di Lapio. Ma è un dato altrettanto obiettivo che molti di coloro che hanno scelto di...
Letto 7171 volteLeggi tutto[0] commenti

Bevi campano bevi rosso...

di Ugo Baldassarre

Rosso, rosso che più rosso non si può. La rassegna dedicata ai vini rossi della Campania, svoltasi nell’incantevole cornice del centro termale Acquapetra a Telese (BN) il 6 e 7 marzo scorsi, rappresenta solo il primo tratto di un nuovo percorso, Campania Stories, la nuova creatura di Miriade&Partners di Diana Cataldo e Massimo Iannaccone, realizzata non senza lo zampino dei soliti Paolo De Cristofaro e Lello Del Franco. Un nuovo progetto che intende raggruppare tutte le eccellenze enologiche della regione attraverso due focus settimanali: uno, quello di marzo, appunto, dedicato ai vini rossi e l’altro, a novembre, dedicato ai vini bianchi. Il progetto prevede poi che, rispettivamente, in ognuna delle due rassegne “monocolore” vengano realizzati due focus distinti, uno destinato alle produzioni delle provincie di Napoli, Caserta, Benevento e Salerno e l’altro con uno specifico momento di attenzione per Avellino, rimarcando di quest’ultima in buona sostanza la primogenitura nell’eccellenza. In quest’appuntamento di un piovosissimo marzo 2013, quindi, a Telese ho affrontato la “dura” prova...
Letto 6377 volteLeggi tutto[0] commenti

Il Fiano a Bianchirpinia 2012

di Alessandro Castaldo

 L'evento dedicato ai grandi bianchi della provincia di Avellino, promosso e gestito in modo impeccabile dall'agenzia di comunicazione integrata Miriade & Partners, ha presentato agli "addetti ai lavori" le ultime annate di Fiano di Avellino e Greco di Tufo Docg. Quarantuno cantine irpine hanno occupato la scena nei saloni dell'Hotel La Locandina ad Aiello sul Sabato, creando le condizioni per un tasting ideale. Per impegni personali sono ahimè riuscito a partecipare solo alla sessione dedicata al Fiano. Ecco alcune impressioni in merito ai vini presenti in degustazione. Innanzitutto, per quanto riguarda l'annata, la 2011 pur essendosi presentata come un annata abbastanza calda, non sembra aver intaccato la freschezza gustativa e la straordinaria mineralità di questi vini. Inoltre, in degustazione c'erano anche alcune 2010, e qui risulta evidente il potenziale evolutivo del Fiano, che nel tempo acquisisce sentori "tipici" di nocciola, mandorla e piccola pasticceria molto chiari e definiti.  I vini   Fiano di Avellino Vigna della Congregazione - Villa Diamante (89) Naso emozionante, complesso, ti invita a una continua...
Letto 4807 volteLeggi tutto[0] commenti

Fabio Cimmino

Fabio Cimmino

 Sito web
 e-mail

Fabio Cimmino, napoletano, classe 1970. Tutt'oggi residente a Napoli. Sono laureato in economia e da sempre collaboro nell'azienda tessile di...

Leggi tutto...

Ugo Baldassarre

Ugo Baldassarre


 e-mail

Napoletano, 48 anni nel 2007, studi scientifici prima, di giurisprudenza poi. Il lavoro, ormai quasi trentennale, di funzionario amministrativo e...

Leggi tutto...

Alessandro Castaldo

 Sito web
 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss di questa rubrica

Pubblicità Ultimi Commenti