Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

apple, aziende vitivinicole, bnp paribas, brand content, buzz, comunicazione, corporate, doc, elezioni politiche, facebook, france, francia, le vin des presidents, louis treussard, lusso, maketing, marketing, marketing digitale, moet & chandon, oenolis, patrimonio culturale, posizionamento, que sais je, ricerca, romanée conti, scarlett johannson, semiotica della marca, social media, steve jobs, storia, strategia, tempo, terroir, ubivina, università, verona, vino, web, wine

Home > Autori > Marketing > Passepartout

Passepartout

I vini dei presidenti, le elezioni politiche in versione wine marketing

di Magda Beverari

Questa notizia mi ha fatto sorridere, per tale ragione mi sembrava carino segnalarla, per poter condividere, in questo momento politicamente "n'Importe quoi" un momento di ilarità. Tuttavia mi sono anche interrogata su cosa accadrebbe se lo facessimo in Italia. La politica è un argomento sempre più scottante e potenzialmente esplosivo, l'uomo è un animale politico secondo Aristotele, sociale potremmo dire ma questa è un'altra storia! Le elezioni presidenziali francesi si avvicinano e Ubivina, Club di degustazione e sito web di vendita privata di vino ha creato per l'occasione, un sito dal nome:  "Le Vin  des Présidents" (www.vinsdesprésidents.fr) La domanda sorge spontanea: il 2012 sarà una grande annata? "Le Vin des Présidents"  propone di associare un vino ad ogni candidato e poi di scoprire i voti degli altri internauti.  In più il sito ricorda il legame particolare di ogni candidato con il vino, per sottolineare il rapporto storico dei presidenti con questo prodotto patrimonio nazionale. I voti sono già più di 2000, con delle tendenze...
Letto 4269 volteLeggi tutto[1] commenti

Steve Jobs e i limiti del personal branding

di Magda Beverari

Riporto qui un articolo scritto da Louis Treussard, direttore generale dell’Atelier BNP Paribas, uno dei più importanti osservatori internazionali costanti sull’evoluzione delle tendenze della comunicazione e delle nuove tecnologie, che in Italia possiamo solo sognarci. Mi permetto di pubblicarlo perché sono una fan sfegatata di Apple e mi sono trovata seriamente a riflettere sui recenti cambi di guardia, inoltre io stessa ho sempre considerato il patron di Apple una sorta di divinità dell’Olimpo, un esempio da seguire nel mio lavoro e nella mia ricerca.. ma forse, non è tutto oro quello che luccica!  Quindi eccovi qui di seguito la traduzione dell'articolo che ho cercato di fare al meglio delle mie possibilità: "Il mio capo è un’icona… i limiti del personal branding" Ormai in rete, il personal branding (fare di una persona una marca) permette a chiunque di promuovere e valorizzare la propria immagine, e spesso quella della propria impresa o di alcuni collaboratori. Per un capo, un direttore, un amministratore delegato, è una bella occasione di immergersi nelle Reti Sociali, di...
Letto 6172 volteLeggi tutto[0] commenti

Questionario Vino & Web

di Magda Beverari

Mi permetto di parlare un pò di quello che faccio, in maniera un pò più discorsiva del solito, e ringrazio chi mi da modo di farlo. Non voglio essere ripetitiva, ma sto facendo una cosa per la quale ho bisogno della partecipazione di quanti più vignaiole e vignaioli possibili. Sto portando a termine un dottorato di ricerca, dove mi soffermo a cercare di analizzare la comunicazione del vino oggi. Parto dal presupposto che nell'immaginario collettivo il vino ha differenti volti, e che tali espressioni cercano di parlare. Uno dei problemi fondamentali dell'epoca contemporanea è il tempo. Vi è mai capitato di riflettere sul fatto che, nonostante la tecnologia sia stata fatta per risparmiare tempo, ci ritroviamo che non ne abbiamo mai abbastanza? Io sono ossessionata dallo scorrere del tempo, è tutto troppo veloce... ma la dimensione del vino è la lentezza, "la vigna non ha l'orologio" mi dissero a Chateau-Lavergne-Dulong, a Montussan. Pascal diceva che il cuore ha delle ragioni che la ragione non pò comprendere, io penso che la natura ha delle ragioni che spesso non comprendiamo. Tornando alla mia...
Letto 5391 volteLeggi tutto[0] commenti

Semiotica della marca: come cambia il racconto con i nuovi media? Piccola riflessione incompleta...

di Magda Beverari

Qualche settimana fa mi sono imbattuta in un articolo che si intitola: “Quando le marche sopravvalutano i loro fan su Facebook”, che riportava alcune riflessioni compiute da Cédric Deniaud a partire dallo studio “You don’t know one fifth of your Facebook Friends “, che dimostra ancora meglio un dettaglio “trito e ritrito” applicabile a marche o persone indifferentemente: sappiamo come le marche tendano sempre più ad adottare delle - non sempre argute - strategie di marketing digitale, volte a reclutare fan o “liker”; basti pensare a Porche, Disneyland, l'Equipe, Nike.. e chi più ne ha più ne metta. Primo e più conosciuto tra tutti Oltralpe è il caso de l'Equipe, marca che valorizza maggiormente i suoi 100.000 fan su Facebook che le persone - ben più numerose - che acquistano quotidianamente il suo giornale in edicola o che addirittura sono abbonati. Sta avendo luogo un misunderstanding tale per cui le marche sono più interessate a dare importanza ad una persona che clicca su I Like che ad un fedele cliente. Le marche sembrano non comprendere più quali siano...
Letto 7178 volteLeggi tutto[2] commenti

Lusso come patrimonio storico o lusso come autentica eccezionalità?

di Magda Beverari

Da una parte la campagna Champagne - Moet & Chandon e dall'altra un documentatio sul mitico domaine "Romanèe Conti", non si tratta di un confronto, bensì di analizzare il diverso immaginario cui attingono le due marche, estremamente differenti, ma entrambe indissolubilmente legate a tutto ciò che di desiderabile e suggestivo ci può essere nel concetto di lusso. Nel caso di Romanée Conti possiamo assitere per la prima volta ad un reportage che ha seguito le 4 stagioni della vigna nel domaine della Romanée Conti. Il mitico domaine, come possiamo leggere sul sito di Bourgogne Live, è conosciuto sia per i suoi grandi vini ma anche per la sua discrezione mediatica. Nella mia ignoranza scoprii la sua fama leggendaria leggendo il Manga nipponico Les gouttes de Dieu. Il montaggio, realizzato da France 3, la Compagnie des Phares & Balises e La Revue de Vin de France, dura circa 52 minuti e lascerà una testimonianza su questo domaine unico al mondo. (in onda sino al 28 gennaio sul web). Il direttore, Aubert de Villaine, ha permesso di accendere, per una volta i riflettori sul quotidiano di coloro che lavorano su...
Letto 6319 volteLeggi tutto[3] commenti

Magda Beverari

Magda Beverari

 Sito web
 e-mail

Mi chiamo Magda, sono originaria della non troppo ridente cittadina di Verona, città d'amore, di vino  e di tante altre cose ancora, che...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss di questa rubrica

Pubblicità Ultimi Commenti