Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

ais, alba, alessandria, anteprime, asti, banchi d assaggio, barbaresco, barbera, brunello di montalcino, carlo ravanello, cervim, concorsi, concorsi enologici, cuneo, eventi vino, firenze, fisar, francia, genova, gioacchino la franca, go wine, liguria, manifestazioni sul vino, massimo corrado, montepulciano, onav, ovada, ovada docg, piemonte, recco, roberto gaudio, savona, siena, silvano d orba, silvia pezzuto, star hotel president, toscana, valle d aosta, vini liguri

Home > Autori > Vino > Vocacibario

Vocacibario

2° seminario Ais sui Vini Atesini all’Hotel NH di Genova

di Virgilio Pronzati

Dopo il successo del 1° seminario Ais sui vini Atesini tenutosi circa un anno, fa al Palazzo del Principe, alla fine dello scorso novembre è seguito il secondo incontro.  Stesso relatore ma non la sede. In quest’occasione, il dinamico Delegato di Genova Antonio Del Giacco, d’intesa col Consorzio Vini Alto Adige, ha organizzato l’importante seminario nel funzionale salone dell’Hotel NH di Genova centro.  Come di consueto, Pierluigi Gorgoni, docente presso la scuola Alma di Colorno, ha trattato in modo capillare le varie zone viticole e l’incidenza dei fattori climatici che hanno determinato dei cambiamenti nella composizione nelle uve e quindi nei vini. Cambiamenti positivi, dovuti al graduale ma continuo aumento della temperatura. Un fenomeno pressoché mondiale. Nel suo apprezzato intervento, Gorgoni ha poi condotto la degustazione di otto vini, corredandola con notizie dei rispettivi produttori.  Presenti all’evento, ben sessanta sommelier e alcuni giornalisti del settore Gli otto vini degustati Pinot Bianco Plötzner 2016 - Cantina St. Pauls - Note: Brillante, paglierino scarico con riflessi...
Letto 1083 volteLeggi tutto[0] commenti

5° Trofeo Pesto al Mortaio “Alushaj Denis”

di Virgilio Pronzati

Con Pesto & Dintorni Lavagna è stata per dieci anni la capitale del pesto genovese.  I migliori produttori artigianali genovesi e liguri di questa tipica salsa ne sono stati il traino.  Sul pesto si susseguivano affollati convegni, tavole rotonde e, dimostrazioni continue, sulla sua realizzazione e di altre storiche salse fatte al mortaio.  Non solo: pregiati oli extravergini, vini, dolci, frutti, ortaggi, salumi, formaggi e distillati liguri completavano la golosa rassegna agroalimentare. Questa solare cittadina oltre che belle spiagge e un suggestivo entroterra, vanta una rinomata Scuola Alberghiera dove da anni, è forgiato del personale qualificato che in gran parte contribuisce a qualificare il settore alberghiero - ristorativo cittadino e di altre località regionali e italiane. Con la scopo di valorizzare al meglio la tipica gastronomia regionale, la Scuola Alberghiera “Città di Lavagna” di concerto col Consorzio Centro Storico di Lavagna organizzò nel 2013 una gara di pesto al mortaio, dedicandola a Denis Alushaj studente del IV anno, tragicamente scomparso in un incidente stradale nel luglio di...
Letto 1197 volteLeggi tutto[0] commenti

13° Concorso Internazionale "Emozioni dal Mondo Merlot e Cabernet Insieme"

di Virgilio Pronzati

Bergamo da ben tredici anni ospita il Concorso Enologico Internazionale “Emozioni dal Mondo Merlot e Cabernet Insieme” Un evento di grande successo, costruito e consolidato nel tempo, organizzato dal Consorzio Tutela Valcalepio e Vignaioli Bergamaschi. L’unico che valorizza e promuove tutti i vini da taglio bordolese prodotti nel mondo. Quest’anno l’atteso evento, svoltosi dal 19 al 21 ottobre, ha visto in lizza ben 256 vini prodotti da ventitré Paesi del mondo, giudicati scrupolosamente da settantasei giurati, suddivisi in tecnici e giornalisti, provenienti da ventinove nazioni. La degustazione dei vini in concorso fatta nella mattinata del venerdì 20, non poteva avere sede migliore: la splendida Corte Berghemina del Castello di Pagazzano. Una location di gran pregio e funzionalità, dove i giudici suddivisi in sette giurie, hanno avuto l’onore e l’onere di segnalare i vini meritevoli di medaglia d’oro. Inoltre, a confermare il valore e l’internazionalità del Concorso, è che il 60% dei vini iscritti alla competizione era di Paesi esteri e, come da regolamento OIV, il 51% dei giudici chiamati ad...
Letto 1632 volteLeggi tutto[0] commenti

22a Edizione della Grappa Barile Day

di Virgilio Pronzati

Luigi Barile si è superato. Nonostante le sue ottantacinque primavere ha condotto alla grande questa ventiduesima Festa della Grappa. Circa un migliaio i visitatori presenti. Un talk show con illustri personaggi di caratura nazionale. Come di consueto i premiati, oltre al meritato carisma, vantano una sicura onestà intelletuale, dote che li ha sempre contraddistinti. Chi pensa come abbia fatto Barile a farli venire, il quesito e semplice. Anch'esso è un personaggio. Luigi è il ritratto di un uomo che è riuscito nella vita. Tanti sacrifici, perseveranza, solidarietà, spirito dell'amicizia e grande senso civico. Se i sui sacrifici possono avere similitudini con quelli di altri, non comune l'amicizia con don Gallo, gli aiuti dati a persone meno fortunate e le annose battaglie fatte contro i vertici della Carige. Luigi Barile e la grappa. La passione per questo distillato è nata dall'amicizia con Antonio Bormida. Nel 1976, Luigi Barile e Antonio Bormida, acquistarono una vecchia distilleria per produrre grappa di qualità. Ci sono voluti anni per realizzare il sogno comune. Il primo e importante consenso, lo ebbe dal...
Letto 2216 volteLeggi tutto[0] commenti

Tappi & Vini: Serata con Walter Massa

di Virgilio Pronzati

Sul tappo di sughero si è detto di tutto e di più.  Sia a favore che contro.  Ricavato dalla quercia  da sughero, il tappo è e rimane un prodotto naturale.  Antiche le sue origini. Il filosofo greco Teofrasto nel 4° secolo a.C., scriveva nei suoi trattati botanici della capacità della quercia da sughero di rinnovare la sua corteccia dopo che era stata rimossa. A Efeso, antica città dell’Anatolia, in Turchia, è stata trovata un'anfora del 1° secolo a.C. sigillata con un tappo di sughero e ancora contenente vino. Un altro reperto è consistito dal ritrovamento di un'anfora ateniese con questa chiusura risalente al V secolo a.C. Ma la notorietà e diffusione, il tappo l’ebbe in Francia nella seconda metà del XVII secolo.  Champagne, Provenza e Cotes du Rhone furono le prime. Un successo che attraversando il tempo è ancora attuale.  Con l’impiego di valida materia prima e l’uso di tecniche sempre migliori, il tappo di sughero è considerato ancor oggi il meglio. Mo non sempre è così. Infatti, nelle fasi di lavorazione del...
Letto 1820 volteLeggi tutto[0] commenti

Virgilio Pronzati

Virgilio Pronzati


 e-mail

Virgilio Pronzati, giornalista specializzato in enogastronomia e già docente della stessa materia in diversi Istituti Professionali di Stato...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss di questa rubrica

Pubblicità Ultimi Commenti