Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

ais, alba, anteprime, asti, banchi d assaggio, barbaresco, barbera, brunello di montalcino, camera di commercio di genova, cervim, concorsi, concorsi enologici, cuneo, eventi vino, firenze, fisar, francia, genova, gioacchino la franca, go wine, guglielmina costi monaci, liguria, manifestazioni sul vino, massimo corrado, montepulciano, onav, ovada docg, piatto di nettuno, piemonte, recco, roberto gaudio, savona, siena, silvano d orba, silvia pezzuto, star hotel president, toscana, valle d aosta, vini liguri

Home > Autori > Vino > Vocacibario

Vocacibario

Barolo, Barbaresco & Roero...e altri volti del Nebbiolo in Piemonte

di Virgilio Pronzati

Grandi Barolo, Barbaresco, Roero ed altri vini albesi in scena a Genova.  Go Wine l’Associazione  nata ad Alba nel 2001 e presieduta da Massimo Corrado, oltre che nel territorio piemontese, promuove grandi eventi enoici nelle grandi città d’Italia.  Non solo vino:  Go Wine da anni firma alcuni dei più importanti premi letterari dedicati al vino e al suo mondo. Un ambito riconoscimento che ogni anno premia giovani scrittori di talento.  L’atteso tour annuale dedicato ai blasonati vini derivati dal nobile vitigno  Nebbiolo, il sedici settembre scorso ha fatto tappa a Genova. Come per le precedenti manifestazioni, malgrado la pandemia, si è registrato un meritato successo. Alcune centinaia di visitatori composti da enoappassionati, ristoratori e enotecari di vaglia e, molti sommelier Ais e Fisar, hanno degustato quasi cento pregiati vini e una scelta dozzina di distillati dove svettava la grappa. Un viaggio tra le vocate colline delle Langhe dove, oltre il vino, permette di conoscere i vignaioli-produttori, le zone vitate più famose e la loro storia. Particolare non da poco, la sempre maggiore presenza di...
Letto 478 volteLeggi tutto[0] commenti

Incontro in vigna con i vignaioli della Valpolcevera

di Virgilio Pronzati

Oggi la Valpolcevera oltre ad essere un polmone verde per la città, è meta preferita per gite fuori porta da ciclisti, escursionisti, buongustai ed enoappassionati. Quest’ultimi alla ricerca dei vini della Valpolcevera, di cui il Coronata è lo storico cru. Il villaggio di Coronata, formato da case sparse sulla collina, lungo le vie che dal mare di Cornigliano conducevano verso l'interno, esisteva già in epoca romana. Anticamente era chiamato Columnata, ossia terra colonizzata, termine conferitogli dai Romani, e attestato su un documento del XII secolo. Alla fine di quello stesso secolo, con la trasformazione dell'antica chiesa di San Michele nel nome di Santa Maria Incoronata, ed in seguito divenne semplicemente Coronata. Sulla collina e lungo le vie di accesso da Cornigliano sono numerose le ville patrizie, sorte dal XVI al XVIII secolo come residenze estive delle più note famiglie dell'aristocrazia genovese, tra le quali De Ferrari, Pallavicini e Brignole Sale. Già nel 117 a.C. sulla “Tavola Bronzea” (sentenza del senato romano, trascritta su un vergato di bronzo, che definiva una vertenza tra popolazioni locali e...
Letto 486 volteLeggi tutto[0] commenti

Da O Vittorio una Cena Superba

di Virgilio Pronzati

  La gastronomia nel nostro Paese rappresenta un rilevante apporto dell’offerta turistica, vero e proprio volano dell’economia nazionale. Non a caso, a livello internazionale, la maggiori parte dei prodotti agroalimentari di elevata qualità e biologici, sono made in Italy. Motivo che ha permesso, con validi cuochi, di creare un patrimonio gastronomico che tutto il mondo ci invidia.  Restando per così dire a casa, ogni regione ha il suo. Nel settore della ristorazione qualificata ligure spicca il comune di Recco. Centro operoso del Golfo Paradiso, distante poco più di venti chilometri dal capoluogo, che da alcuni decenni è assurto meritatamente a capitale gastronomica della Liguria. Un percorso iniziato ben quarantacinque anni fa con la prima edizione delle Serate Gastronomiche Recchesi. Formula vincente, piatti curati e di qualità abbinati a vini di pregio, caffè, liquore e coperto compresi nel prezzo. Oggi una proposta allettante e diffusa, ma sconosciuta o quasi circa mezzo secolo fa. Basti pensare che negli allora sette ristoranti partecipanti, erano presenti in ogni serata oltre un migliaio di soddisfatti...
Letto 445 volteLeggi tutto[0] commenti

28a Sagra del Bugiandu

di Virgilio Pronzati

Il mangiare non è solo un modo di alimentarci. Fa parte della storia quotidiana di ognuno di noi. Tutti o quasi si ricordano di un piatto mangiato in tenera età e in momenti particolari.  Lo stesso da adulti.  Il cibo oltre che nutrirci, ci gratifica, ci fa socializzare ed evolvere.  Da sempre è protagonista nelle opere di grandi pittori e scrittori. Sempre restando che la cucina di qualità è nata nelle case di persone facoltose, un mangiare meno costoso, più semplice ma non meno buono, è stato per lungo tempo sulle tavole dei meno abbienti. Non necessariamente poveri ma contadini, operai e famiglie numerose. La necessità, come tutti sanno, aguzza l’ingegno. L’aringa e la patata hanno in parte evitato la carestia in Europa.  Quest’ultima ha sostituito la rapa nel nostro Paese.  Non c’è regione che non abbia dei piatti che contengono i popolari tuberi. Anzi, nella cucina francese, le patate trovano ampi spazi. Un gran merito da riconoscere ad Antoine Augustin Parmentier, agronomo, nutrizionista e igienista francese.     In Liguria, particolarmente nel...
Letto 694 volteLeggi tutto[0] commenti

Ristorante Cibus 13

di Virgilio Pronzati

  Genova non finisce mai di stupire. Da piazza De Ferrari basta fare due passi e ci si ritrova in pieno centro storico. In poco più di un centinaio di metri, si trovano testimonianze di quasi mille anni fa. Dove? Da via San Bernardo all’omonima piazzetta, l’antica Platea Longa.  In poco spazio, a ricordare i genovesi commercianti e navigatori, unici a trattare con i Turchi, palazzo di Zaccaria De Castro e, alle spalle,  ormai inghiottita dalle murature cinquecentesche del palazzo Cattaneo della Volta, si trovava la Loggia dei Pisani, quando, prima del 1284 e della (per loro) funesta battaglia della Meloria. E ancora palazzo Salvago con il portale dello stemma di famiglia, scolpito dagli scultori lombardi Nicolò Da Corte e Giacomo Della Porta nella prima metà del Cinquecento. In fondo alla via, la ripida collina di Castello, primo luogo abitato di Genova nell’antichità. Essendo il centro storico fulcro di attività redditizie e ricchezza, conteneva anche i migliori locali di ristoro. Con la riqualificazione di questa antica parte della città, oggi si può dire lo stesso. Proprio in via San Bernardo,...
Letto 714 volteLeggi tutto[0] commenti

Virgilio Pronzati

Virgilio Pronzati


 e-mail

Virgilio Pronzati, giornalista specializzato in enogastronomia e già docente della stessa materia in diversi Istituti Professionali di Stato...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss di questa rubrica

Pubblicità Ultimi Commenti