Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

acido clorogenico, afrodisiaco, alimentazione, antiossidanti, basilico, bulimia, cibi afrodisiaci, cibo, comportamenti alimentari, dieta, droghe, esoterismo, fantasie, fillide e acamante, filosofia, fiori di sambuco, flavonoidi, frumento, giappone, katu, leggende, magia, metafore del cibo, metanolo, miti, mitologia, peperoncino, piaceri del vino, proprietà medicinali zenzero, psicologia, racconti, salute, simbolismo, spezie, storia, storie, stregoneria, sushi, turchi

Home > Autori > Food > L'alterego del cibo

L'alterego del cibo

La regina delle erbe: il basilico

di Linda Dell'Amico

Plinio il Vecchio lo cita nei suoi testi come pianta dalle capacità afrodisiache, il basilico è conosciuto fin dall'antichità oltre che per il suo aroma anche per le sue proprietà medicinali. Nel linguaggio dei fiori il basilico ha diversi significati, innanzitutto al basilico da sempre, in Occidente si è attribuito un simbolismo erotico, legato alla proprietà di favorire il concepimento. I suoi rami fioriti messi dentro un vaso in una stanza porterebbero l'armonia e la pace famigliare. Ma il basilico si contraddistingue anche, e forse soprattutto, per le curiose credenze che lo trovano da sempre protagonista. Fra le tante forse non tutti sanno che sia Greci che Romani erano convintissimi che per far crescere una sana piantina di basilico fosse necessario seminarla accompagnando l'operazione con insulti e maledizioni, mentre nel Medioevo per poterlo raccogliere si doveva prima purificare la mano destra lavandola a tre fonti diverse per tre volte, e poi adoperare un ramo di quercia. Il tutto indossando rigorosamente candidi abiti di lino. In alcune miniature dei manoscritti dell'epoca il basilico è rappresentato come il simbolo...
Letto 7430 volteLeggi tutto[0] commenti

Sushi

di Linda Dell'Amico

Il sushi è la pietanza giapponese più famosa nel mondo, oltre che uno dei piatti più popolari tra i giapponesi stessi, che sono soliti gustarlo in speciali occasioni. Durante il periodo di Edo (1603-1867, poi Tokio nel 1869), il termine “sushi" era riferito ai pesci marinati conservati sott'aceto. Al giorno d'oggi il sushi può essere definito come piatto che contiene riso che è stato preparato con un particolare tipo di aceto, l'aceto da sushi appunto. Per la storia del sushi esistono varie correnti di pensiero: qualcuno crede che il sushi (bocconcini di riso aromatizzato all’aceto su cui viene adagiato del pesce crudo) sia stato inventato in Giappone all’inizio del 1800. Altri invece, pensano che il sushi abbia origini molto più antiche, pare infatti risalga al 500 a.C. quando le popolazioni montanare della Thailandia, del Laos e del Borneo settentrionale univano il pesce di fiume e il riso e li facevano fermentare. Altri ancora ritengono che furono i cinesi del VII secolo a iniziare la tradizione del sushi, pressando il pesce crudo tra due strati di sale, sotto il peso di pesanti pietre. Nello stesso periodo...
Letto 7896 volteLeggi tutto[0] commenti

Cacao e biodiesel

di Linda Dell'Amico

….Non parlerò, non penserò più a nulla: ma l’amore infinito mi salirà nell’anima…. .. Scrivevo silenzi, notti, notavo l'inesprimibile ... da Sensazione, A. Rimbaud Questo primo momento della poesia di Rimbaud racchiude quella percezione della vita che lo seguirà e perseguiterà per il resto della sua vita. Vita come eros, carne e colore, come, usando il termine che queste prime poesie hanno ricondotto alla sua più segreta e struggente potenza, materialità. « O splendore della carne! o splendore ideale! » (Sole e carne). La grande possibilità che è la vita, intravista da Rimbaud, genialmente intravista, violentemente e liberamente intravista al di là di ogni ottuso moralismo, rimarrà un pungolo insuperabile che, nella mancanza della grande Compagnia, stravolgerà nell'autore tutta la sua esistenza, rendendogli nauseante e insopportabile l'intera realtà intorno. Il destino è qui già segnato. La brevità dell'esperienza poetica di Rimbaud ne è testimone. Sole e carne non a caso, il nostro Rimbaud era un lussurioso e...
Letto 6574 volteLeggi tutto[1] commenti

Cibo e sacralità

di Linda Dell'Amico

....Lascia che i tuoi nuovi giorni non si addensino di nubi mentre il tempo se ne va... da Quello che non so di te - L.Madonia Il cibo e l'alimentazione sono fondamentali per la costruzione soggettiva e sociale dell'individuo: l'assunzione di cibi infatti non è dettata solo da una necessità legata alla sopravvivenza del corpo umano o al perfetto funzionamento fisico di esso, ma è strettamente connessa alla cultura. Serve a individuare i rapporti tra le classi sociali, tra diverse regioni geografiche, tra differenza di genere, periodi dell'esistenza nel ciclo della vita, del giorno e delle stagioni, coinvolge riti e tradizioni, feste e religioni. Senza cibo non si vive. Ma il cibo è anche un'occasione per incontrarsi e per far festa, un simbolo di abbondanza e di benessere. Per questo artisti, scrittori, pittori, registi e musicisti lo hanno spesso inserito nelle immagini che hanno creato. Oggi poi ci sono anche cuochi che usano il cibo per creare immagini. Da Omero a Boccaccio, da Leonardo a Kant, da Tolstoj a Gadda, Neruda, Calvino: attraverso le testimonianze della letteratura antica, medioevale, rinascimentale, barocca sino ai più bei...
Letto 11338 volteLeggi tutto[0] commenti

Pioggia blu, prelibata wisteria: il glicine

di Linda Dell'Amico

Nella nostra più verde vallata da angeli buoni abitata, un grazioso palazzo una volta, un raro e radioso palazzo, ergeva la fronte nel regno del monarca Pensiero, là s’innalzava! Mai spiegò serafino le ali su dimora d’uguale bellezza! (Edgar Allan Poe) A mio figlio Samuel. Il nome scientifico è wisteria, detto comunemente glicine in onore del grande antropologo Kaspar Wistar. I tedeschi ne hanno coniato uno nuovo molto bello 'Blauregen' che significa 'Pioggia blu' e quindi siamo ritornati quasi all'origine, poichè i cinesi il glicine lo chiamano Zi Teng che significa 'Vite blu'. Il primo glicine arrivò in Europa nel 1816, a portarlo fu il capitano inglese Welbank che una sera di maggio del 1816 si trovò a cena da un ricco commerciante di Guangzhou (Canton) dove la cena si svolse sotto una pergola di glicine in fiore. Il Glicine cresce nella costa orientale degli Stati Uniti soltanto un secolo dopo, però, quando dall'Oriente, e più precisamente dalla Cina e dal Giappone, arrivarono le splendide varietà asiatiche, il Glicine cominciò ad essere veramente apprezzato dagli Europei. Per i...
Letto 10049 volteLeggi tutto[0] commenti

Linda Dell'Amico

Linda Dell'Amico


 e-mail

Linda Dell'Amico, laureata nel 1999 a Genova in Scienze dell'educazione, con esperienza biennale nel settore psichiatrico. Attualmente Responsabile...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss di questa rubrica

Pubblicità Ultimi Commenti