Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Vino

Tenuta di Capezzana

MappaDove siamo

Tenuta di Capezzana
Via di Capezzana 100 Carmignano (PO)
spacer
Telefono Telefono: 055.8706005
spacer
Indirizzo web Web: www.capezzana.it
spacer
Indirizzo Email E-mail: capezzana@capezzana.it
Comprare vini, birre e cose buone online con gli amici Comprare vini, birre e cose buone online in gruppo
A Carmignano la vite si coltivava già nell'epoca preromana, circa 3000 anni fa, come dimostrano i vasi da vino e le coppe da degustazione trovati nelle tombe etrusche.
Nell'archivio di stato di Firenze è stata rintracciata una pergamena datata 804: si tratta di un contratto di affitto che documenta come già 1200 anni fa a Capezzana venissero coltivati olivi e viti per la produzione dell'olio e del vino. Nel primo Rinascimento una donna, Monna Nera Bonaccorsi, costruiva la prima "casa da Signori" e nove case poderali con i relativi impianti viticoli. Altre generazioni e famiglie si sono avvicendate nella proprietà della tenuta: i Cantucci, imparentati con i Medici, che per oltre 150 anni hanno posseduto e migliorato l'azienda.

In particolare Maria Maddalena Cantucci, sposata nel 1734 al Marchese Bourbon del Monte, acquistò nuovi terreni aumentando il numero dei poderi, creò nuovi vigneti e costruì una cantina più grande e altri edifici aziendali. La sua perfetta amministrazione è testimoniata dai libri contabili - ancora nell'archivio di Capezzana - in cui tutto è annotato con precisione. Alessandro Contini Bonacossi acquistò la fattoria di Trefiano e la fattoria del Poggetto dal Marchese Amman Niccolini portando il numero dei poderi a 125. Fu costruita la nuova tinaia, progettata dall'architetto Michelucci, la superficie a vite fu portata a 100 ettari e il vino e l'olio esportati in tutto il mondo.


Considerazioni di TigullioVino

Aprile 2011
Il Carmignano (col Chianti ed alcuni altri) vanta la prima denominazione planetaria. Infatti, è citato nel famoso Bando Mediceo emanato nel 1716 dal Granduca di Toscana Cosimo III de’ Medici. A parte l’antico blasone, il Carmignano fa meritatamente parte dell’aristocrazia dei vini italiani. Non solo. Quest’azienda che lo produce risale all’804, cioè oltre 1200 anni fa. Da anni il suo Carmignano è presente nelle enoteche e ristoranti dei cinque continenti.
Letto 611 voltePermalink

Degustazioni vino