Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Olio

Vendrame Rosalba

MappaDove siamo

Vendrame Rosalba
Via Pontina 88 km 85,800 Sabaudia (LT)
spacer
Telefono Telefono: 0773.50026
spacer
Indirizzo Email E-mail: vendramevini@libero.it
Comprare vini, birre e cose buone online con gli amici Comprare vini, birre e cose buone online in gruppo
L'azienda agricola Vendrame Rosalba è sita in provincia di Latina, località Borgo San Donato, Sabaudia, nel comprensorio di produzione della Doc Circeo. Superficie aziendale intorno ai 10 ettari, di cui circa 7 destinati a vigneto (5 di uve a bacca bianca e 2 di uve a bacca rossa). Le varietà coltivate sono una dozzina, equamente suddivise tra autoctone tradizionali della zona e internazionali. I vigneti sono ubicati in una splendida zona adiacente al Parco Nazionale del Circeo e in prossimità del litorale. L'azienda è attiva sul territorio da quando, all'inizio degli anni '60, il nucleo fondatore si trasferì ivi dalla lontana isola di Pantelleria, impiantò i primi vigneti e in seguito, costruì la cantina. La conduzione è di tipo familiare. L'azienda opera da sempre con particolare sensibilità e attenzione per la salvaguardia del territorio e del consumatore, così adotta una gestione rispettosa e a basso impatto ambientale del vigneto, mirata all'ottenimento di uve di ricercata qualità, soprattutto da quando, sin dai primi anni '90, ha iniziato a produrre la propria uva con metodo eco-compatibile (Reg. CEE 2078/92). In cantina poi, alle tradizionali e consolidate tecniche di vinificazione, se ne aggiungono continuamente delle nuove; attraverso opportune microvinificazioni sperimentali si è sempre alla ricerca della qualità più elevata.


Considerazioni di TigullioVino


Agosto 2006

I vini sono certamente interessanti. Si tratta di piccole partite, quasi microvinificazioni, dove emergono la qualità delle uve e le attente fasi della vinificazione. Sebbene derivino da uve impiantate su terreni sabbiosi ed allevate a tendone, hanno buona finezza, conferita appunto dalle sabbie, e struttura per l'età delle viti. La riconversione in atto che vuole trasformare gradatamente il tendone col cordone speronato, darà sicuramente vini di pregio, in quanto si abbasseranno sensibilmente le rese di uva per ettaro.

Agosto 2008

I vini di questa azienda presentano due motivi interessanti: il primo è l'ottimo rapporto prezzo-qualità, il secondo la vasta tipologia, che spazia dal secco al dolce e dai bianchi ai rossi. Una gamma che comprende vini di sicuro livello, come il Nettare di Circe Passito 2006, buoni, medi e correnti.

Gennaio 2010
E' la terza volta che degustiamo i vini di quest’azienda. E ogni volta c’è un costante miglioramento. Come nei due anni precedenti, si conferma il passito Nettare di Circe che, in quest’occasione, è affiancato da un interessante Merlot IGT, seguito subito da un fruttato Shiraz. Nella media i bianchi, sufficienti gli altri tre rossi. Da segnalare il buon rapporto qualità-prezzo.

Settembre 2011
A differenza degli anni passati, i quattro vini presentati da quest’azienda sono tutti bianchi. Tre secchi e uno dolce. I primi tre, tutti del 2010 e ottenuti ognuno con un unico vitigno, sono: Malvasia, Chardonnay e il desueto e curioso Ottonese. Validi ma non ancora armonici per gioventù, seguono nell’ordine, il livello raggiunto. Ottimo, come sempre, il Passito. Non solo. Tutti i vini hanno uno straordinario rapporto qualità-prezzo.

Gennaio 2012
Ad esclusione del 2007 e 2009 è dal 2006 che assaggiamo i vini di quest’azienda. I miglioramenti sono stati puntuali e costanti anche nel vigneto, con impiego di lotta integrata e di coltivazione eco-compatibile. Oltre l’ottimo rapporto qualità-prezzo e il Passito Nettare di Circe, portabandiera aziendale, sono cresciuti notevolmente i rossi, tutti da vitigni d’origine francese. Un poker composto di Merlot, Shyraz, Cabernet Sauvignon e il meno noto ma molto valido, Petit Verdot. Tutti di buon livello e tipicità varietale. I primi tre, del 2009, si esprimono già con discreta armonia, l’ultimo, del 2010, più giovane, deve crescere ancora qualche anno, poi dirà autorevolmente la sua. Oggi, su tutti, il Cabernet Sauvignon. Per il Passito (leggerne la scheda), un personale invito a berlo tra 2 o 3 anni.
Letto 25789 voltePermalink

Degustazioni vino

Degustazioni olio