Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Vino

Marchese Adorno Azienda Agricola

MappaDove siamo

Marchese Adorno Azienda Agricola
Via Coriassa 4 Retorbido (PV)
spacer
Telefono Telefono: 010.2515407
spacer
Indirizzo web Web: www.marcheseadorno-wines
spacer
Indirizzo Email E-mail: info@marcheseadorno-wines.it
Comprare vini, birre e cose buone online con gli amici Comprare vini, birre e cose buone online in gruppo
La famiglia Adorno, di cui il Marchese Marcello è l’ultimo discendente, ha origini antichissime. Documentata a Genova sin dal XIII secolo, la Casata diede i natali ad alcuni degli esponenti più rilevanti della vita pubblica genovese, tra i quali ben sette dogi. Alla scoperta dell’America, fu l’antenato Agostino ad ottenere dalla Spagna l’apertura dei porti spagnoli del Mediterraneo per le navi genovesi. Fu in Spagna che gli Adorno legarono il proprio nome alla produzione del vino Generalife, vino tipo Jerez da uve passite Pedro Ximenez, di cui la famiglia conserva ancora numerose bottiglie più che centenarie, gelosamente custodite nella loro cantina di Genova.

La tenuta di Retorbido fu acquistata dagli Adorno nel 1834 e sin d’allora ha sempre prodotto le varietà locali di Barbera e Cortese, con lavorazione tradizionale. Nel 1997, Marcello, spinto dalla passione per vini pregiati e dall’ impegno con la qualità, ha dato inizio alla ristrutturazione della cantina e ad un programma di acquisizione e ammodernamento dei vigneti, così da far divenire l’Azienda il punto di riferimento della migliore produzione vinicola oltrepadana.

Gli ottanta ettari di vigneto della tenuta sono situati in due aree distinte: una buona parte giace attorno al paese di Retorbido, sui dolci declivi orientati a sud e ovest ed affacciati sulla fertile pianura padana; questi vigneti sono posizionati ad un’altitudine di 150 – 200 metri e sono caratterizzati da un suolo di origine alluvionale, con un alto contenuto di argilla. Una seconda area si trova sui più ripidi declivi della Costa del Sole, ad un’altitudine che raggiunge i 350 metri; qui il suolo è ben drenato, bianco e ricco di calcare. Durante il ciclo vegetativo, i vigneti a bassa altitudine godono di maggiori temperature che consentono di portare a maturazione con facilità anche le varietà più tardive e, grazie all’ elevato contenuto in argilla dei terreni, producono vini ricchi e potenti. Le maggiori altitudini e le conseguenti maggiori escursioni termiche dei vigneti di Costa del Sole danno vini più nervosi, dai profumi complessi e di grande finezza.


Considerazioni di TigullioVino

Agosto 2013
L’Oltrepò Pavese oltre ad essere un’antica terra vocata alla vitivinicoltura, rappresenta la più grande zona vinicola lombarda. Dopo la Borgogna è il maggiore produttore di Pinot Nero. Pregiate uve pavesi con cui moltissimi produttori italiani ottengono Spumanti classici. Nel 1743 con l’annessione al Regno dei Savoia, l’Oltrepò Pavese fu chiamato Vecchio Piemonte. Da queste vicende storiche, il motivo dell’introduzione e diffusione del Barbera, Moscato e Cortese in territorio Pavese. Passando all’assaggio dei tre vini di quest’azienda, sono emerse le seguenti e positive considerazioni. Fruttato, pieno e invitante il Bonarda. Varietale, di buona ampiezza olfattiva, e di equilibrata struttura il Pinot Nero. Di gran carattere il Barbera. Ricco nel bouquet e in bocca, esprime al meglio il vitigno ed il terroir.
Letto 35 voltePermalink

Degustazioni vino