Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Doc e Docg

Doc e Docg

Venezia DOC

di Sergio Ronchi

MappaArticolo georeferenziato

La DOC Venezia nasce con la pubblicazione del disciplinare il 7 gennaio 2011 ma è stato sostanzialmente modificato e il nuovo disciplinare è in vigore dal 30 novembre 2011.
L’area della DOC Venezia si estende nella parte orientale della Pianura Padana, dalla zona pedecollinare della provincia di Treviso fino al mare Adriatico della provincia di Venezia. Il clima dell’area DOC Venezia è “temperato umido” e ciò è dovuto, alla vicinanza dei monti carsici e dolomitici a nord e del mare e delle aree lagunari ad est.
I suoli della zona originano dalla deposizione di materiali alluvionali derivanti principalmente dallo scioglimento dei ghiacciai alpini e prealpini e successivamente dall’azione dei fiumi Piave e Livenza che attraversano l’area di produzione.

La zona di produzione delle uve atte a produrre i vini della denominazione di origine controllata “Venezia” comprende tutto il territorio amministrativo delle province di Venezia e Treviso ed è riservata ai vini delle seguenti tipologie:

Rosso; Merlot; Cabernet Sauvignon; Cabernet franc;
Chardonnay; Pinot grigio; Bianco spumante; Bianco frizzante;
Rosato o rosè; Rosato o rosè spumante; Rosato o rosè frizzante.

Base ampelografica
Le seguenti denominazioni:
Venezia Merlot
Venezia Cabernet Sauvignon
Venezia Cabernet Franc
Venezia Chardonnay
Venezia Pinot grigio
dovranno essere prodotti con almeno l' 85% di uve provenienti dai vitigni indicati e per un massimo del 15% con uve di altri vitigni a bacca di colore analogo e non aromatici.

Le seguenti denominazioni:
Venezia Rosato o rosè
Venezia Rosato o rosè spumante
Venezia Rosato o rosè frizzante
dovranno essere prodotti con almeno il 70% di Raboso Piave o Raboso veronese e fino a un massimo del 30% da uve di altri vitigni approvati con il D.M. 7/5/2004.

La denominazione Venezia Rosso deve essere ottenuto con almeno il 50% di uve Merlot e la restante parte con uve di altri vitigni a bacca di colore analogo e non aromatici.

La denominazione Venezia Bianco spumante o Bianco frizzante deve essere ottenuta con almeno il 50% da uve Verduzzo friulano, Verduzzo trevigiano, Glera; possono concorrere altre uve a bacca bianca autorizzate per un massmo del 50%.

Norme di coltivazione.
A seguito delle modifiche del disciplinare, per i nuovi impianti è ammessa solo la forma di allevamento a spalliera semplice e doppia con densità minima per ettaro di 2.500 ceppi. Tuttavia, per le sole varietà Raboso Piave e Raboso veronese è consentita la tradizionale forma a raggi “Bellussi”, con un numero minimo di ceppi ad ettaro pari 1.250 piante e a condizione che sia garantita la tradizionale potatura con una carica massima di 70.000 gemme ad ettaro.
Titolo alcolometrico.
Per le tipologie Rosato o rosè e Rosato o rosè frizzante il titolo alcolometrico minimo deve essere di 10,5% volumetrico mentre per tutte le altre tipologie deve essere di 11%.

Caratteristiche.
I vini DOC Venezia Rossi si caratterizzano per l'intensità del colore che può variare dal rosso rubino al rosso granato con l'invecchiamento; sono infatti prodotti su terreno argilloso proprio per dare maggiore corpo al vino stesso. Al naso si possono riconoscere sentori di frutti di bosco e di sottobosco, fino ad arrivare a note speziate e di tabacco.
I vini bianchi invece sono di colore giallo paglierino o oanche molto più chiari, tendenti al verdognolo con note floreali e fruttate.

Letto 4603 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Sergio Ronchi

Sergio Ronchi

 Sito web
 e-mail

Appassionato di vino da molto tempo, ho organizzato vari eventi di presentazione prodotti utilizzando varie location a Milano, Padova, Bergamo,...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti