Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Eventi > Vino

Cinque chef stellati per un vino dalle mille sfumature

DoveEmilia Romagna

Quandodal 14 maggio 2012 al 20 maggio 2012

di Comunicazione - Enoteca Regionale Emilia Romagna

MappaArticolo georeferenziato

Dal 14 al 20 maggio un filo di bollicine rosse, come un gioiello, unisce l’alta ristorazione italiana nel mondo con la terra emiliana. Nella sua seconda edizione anche 5 chef stellati emiliano romagnoli si sono lasciati coinvolgere ed entusiasmare dall’iniziativa: Valentino Marcattilii del Ristorante San Domenico di Imola (BO), Gianni D’Amato del Rigoletto di Reggiolo (RE), Luca Marchini del ristorante L’Erba del Re (Modena), Emilio Barbieri del ristorante Strada Facendo (Modena), Alberto Bettini della nota Trattoria da Amerigo di Savigno. Presso questi ristoranti per l’intera settimana sarà possibile assaggiare il Lambrusco al calice in abbinamento con una ricetta speciale dedicata a questo vino. Le ricette proposte rivelano la versatilità del Lambrusco come vino da assaporare dall’antipasto al dolce, capace di diventare anche protagonista nel piatto. Come fresco antipasto di primavera Emilio Barbieri propone una gelatina di Lambrusco con asparagi e salsa alla vaniglia, frittatina alle verdure e prosciutto di Modena, cannolo con mousse di mortadella e pistacchi, da sposare al Lambrusco di Sorbara.

Alla Trattoria da Amerigo invece lo chef Alberto Bettini abbina un Lambrusco scuro a una pasta ripiena molto emiliana: triangoli morbidi ripieni di cotechino con lenticchie in salsa e riduzione di lambrusco. Ma è con i bolliti e con la carne di maiale, naturalmente, che il Lambrusco la fa da padrone. Da Marcattilii, al San Domenico di Imola il Lambrusco accompagna il piccione arrostito al rosmarino e mirtilli con funghi prugnoli dell’Appennino; a Modena Luca Marchini all’Erba del Re propone Zampone marinato con aceto balsamico tradizionale di Modena, lenticchie, cotenna, limone candito, crema morbida di purè di patate, salsa verde, aceto balsamico tradizionale di Modena e grissino al parmigiano reggiano. Per il Lambrusco Reggiano, infine, il consiglio di Gianni d’Amato: la terrina di bolliti con giardiniera di verdure.

Se poi la sete o la curiosità non lasciano tregua, tutte le sfumature di questo vino si possono scoprire in una cena da gourmet per tutta la settimana al ristorante Strada Facendo di Modena e al ristorante San Domenico di Imola grazie agli speciali menù degustazione dedicati alle bollicine che meglio interpretano lo stare insieme emiliano.

Letto 3037 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Comunicazione - Enoteca Regionale Emilia Romagna

 Sito web
 e-mail

Enoteca Regionale Emilia Romagna è un'associazione che opera dal 1970 per la promozione e valorizzazione del patrimonio vinicolo...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti