Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 208

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 214
Fleotribo dell'olivo, di Anna Zorloni

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Olio > Malattie dell'Olivo

Malattie dell'Olivo

Fleotribo dell'olivo

di Anna Zorloni

Il fleotribo, Phloeotribus scarabaeoides, è un coleottero appartenente alla famiglia degli Scolitidi, che attacca principalmente l’olivo e, talvolta, altre piante ospiti, prevalenetmente oleaceae. L'adulto ha il corpo compatto e nerastro, lungo circa 2-3 mm, con antenne “flabellate”. La larva, invece, ha il corpo biancastro, ricurvo e carnoso, lungo circa 3 mm. I danni sono provocati dalle gallerie scavate da quest’insetto all’interno del legno, con conseguente deperimento della pianta e perdite di produzione, soprattutto quando sono attaccati i rami fruttiferi. Le gallerie vengono scavate sia per alimentarsi che per riprodursi: le femmine adulte vi depongono le uova (in media un centinaio); le larve scavano gallerie più piccole, perpendicolari a quella materna e con decorso longitudinale al ramo, all’interno delle quali compiono il loro sviluppo. 

Il fleotribo compie 3 generazioni all’anno. Sverna come adulto (raramente come larva) all’interno delle gallerie scavate nel legno dei rami, solitamente in corrispondenza dell’inserzione dei rami sul tronco. Alla ripresa vegetativa, in primavera, gli adulti riprendono a scavare le gallerie per nutrirsi della linfa, si spostano sui rami più vecchi e sui residui di potatura a terra; si riproducono e depongono le uova. Dalle uova nascono le larve che, a loro volta, scavano gallerie perpendicolari a quella materna; dopo circa un mese e mezzo le larve si sviluppano in adulti e fuoriescono forando la corteccia (fine primavera). Seguono poi altre due generazioni, fino al termine dell’estate.

La lotta contro quest’insetto viene effettuata prevalentemente con metodi di tipo preventivo. E’ importante mantenere le piante in buono stato vegetativo, con potature volte ad eliminare i rami più vecchi e deperiti. E’ molto importante eliminare i residui della potatura che giacciono a terra, poiché gli adulti vi depongono le uova; questi possono anche essere utilizzati come “esca” e, una volta che l’insetto vi ha fatto ingresso, e ha deposto le uova, bruciati.L’utilizzo di prodotti insetticidi non è efficace, poiché il fleotribo si nasconde e protegge all’interno delle gallerie, quindi è difficilmente raggiungibile.

Letto 11978 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Anna Zorloni

Anna Zorloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area olio

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti