Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Wine Trotter

Wine Trotter

Lions Wine 2007

di Kate Maciejewska Serra

MappaArticolo georeferenziato

È giunto già alla sua quarta edizione l'originale Concorso di vini prodotti dai membri dei Lions di tutto il mondo, organizzato dai Lions Clubs di Arezzo in collaborazione con l'AIS, il Comune di Arezzo, la Strada del Vino di Arezzo, la Provincia di Arezzo e la Camera di Commercio di Arezzo. Ideato, e in gran parte condotto, dal dinamico e intraprendente medico fiorentino Saverio Luzzi, anche lui produttore del vino della sua bellissima Villa La Ripa, vicino ad Arezzo, è un altro valido pretesto per promuovere il vino italiano attraverso ben due milioni di soci Lions sparsi in tutto il mondo.

È senz'altro un concorso interessante, dove unico criterio della valutazione dei vini vuole essere la loro qualità e piacevolezza - requisiti fondamentali sia per gli esperti, che compongono le giurie professionali, sia per il pubblico il cui voto è stato raccolto quest'anno, durante la cena di gala, nella Fattoria "La Braccesca" dei Marchesi Antinori, nel confine tra i Comuni di Montepulciano e Cortona. Personalmente ho partecipato la seconda volta alla giuria giornalistica del concorso, durante questa edizione affiancata al principale giudizio dei vini dato dal noto giornalista Luca Maroni.

Complessivamente sono stati presentati al concorso circa 150 vini (quasi 100 vini rossi, una quarantina di bianchi, due rosati, sette spumanti e otto vini dolci). La maggior parte dei vini proveniva da tutte le regioni italiane con una prevalenza della Toscana e della Sicilia, invece tra i paesi Europei hanno partecipato vini francesi, tedeschi e austriaci. Erano presenti anche i vini da Cipro, dalla Tunisia e dall'Uruguay.

La selezione, effettuata dalla giuria locale e da Luca Maroni, ha permesso di restringere i finalisti a 50 etichette, che sono state degustate nella serata finale alla Fattoria "La Braccesca". Al termine di questa serata, nell grandiosio stile dei Lions, dove tutto il pubblico presente ha potuto degustare e valutare i vini selezionati, sono stati assegnati i seguenti premi:

  • Chimera del Vino Rosso Lions: S.Clemente Rosso 2004 di ZACCAGNINI, Pescara, Abruzzo;
     
  • Chimera del Vino Bianco Lions: Lauro 2005 (Chardonnay e Vioigne) di LA REGOLA, Riparbella, Pisa;
     
  • Chimera del Vino Rosato Lions: Cerasuolo 2006 di ZACCAGNINI, Pescara, Abruzzo;
     
  • Chimera del Vino Dolce Lions: Riesling 2003 di MARIENHOF, Germania;
     
  • Chimera del Vino Spumante Lions: Cartizze Dry (Prosecco) di BISOL, Treviso;
     
  • I° Premio Internazionale Vino Rosso: Selian Rosso 2005 (Carignan) di DOMAINE NEFERIS, Cartagine, Tunisia;
     
  • I° Premio Internazionale Vino Bianco: Riesling Auslese Bianco 2005 di VON SCHLEINITZ, Mosel, Germania;
     
  • I° Premio Internazionale Vino Rosato: Selian Rosé 2005 di DOMAINE NEFERIS, Cartagine, Tunisia;
     
  • I° Premio Internazionale Vino Dolce: St Nicholas di ETKO, Cipro;
     
  • I° Premio Vino Rosso Italia: Vanitoso 1999 (Primitivo) di COPPI, Bari, Puglia;
     
  • I° Premio Vino Bianco Italia: Coste di Cuma 2004 (Falangina) di GROTTA DEL SOLE, Quarto, Napoli;
     
  • I° Premio Vino Dolce Italia: La Perlata 2005 di CA' RUGATE , Verona;
     
  • I° Premio Vino Spumante Italia: Anteo Nature 2001 Brut (Pinot Nero e Chardonnay) di ANTEO, Pavia;
     
  • I° Premio Vino Rosso Toscana: Veneroso 2003 di GHIZZANO, Pisa;
     
  • I° Premio Vino Bianco Toscana: Bianco Pisano di San Tropé DOC 2005 di S. QUINTINO, Pisa;
     
  • I° Premio Dolce Lions Toscana: Vinsanto 2002 di LANCIOLA, Impruneta, Firenze;

A una ventina di vini selezionati, che potevo assaggiare insieme ai miei simpatici collegi giornalisti (tra i quali l'americano Kyle Philips e il milanese Marcello Coronini), prima della cena finale nella bellissima terrazza della Fattoria Braccesca, abbiamo assegnato:
  • I. Premio della Stampa Vino Rosso: Blaufrankisch rosso 2004 Riserva di VINUM FERREUM, Südburgenland, Austria;
     
  • I. Premio della Stampa Vino Bianco: Podium 2004 di GAROFOLI ,Loreto, Ancona.

Come potete giudicare anche Voi, si trattava di vini molto diversi tra loro, che a mio parere sono la vera forza di questo interessante concorso. Per oggi il grosso problema resta la loro più adeguata, e possibilmente indipendente, valutazione, difficile da ottenere visto la molteplicità di punti di vista tra le attuali commisioni giudiziarie del concorso, cioè la commissione locale, di Luca Maroni, della stampa specializzata e del pubblico. È spesso il punto debole anche di ben più affermati e noti concorsi del genere, perciò spero che nel futuro gli organizzatori di questa valida manifestazione, riescano a creare un sistema più trasparente e codificato della valutazione dei vini, cercando di creare una unica giuria professionale (che tra l'altro è successo in parte già durante la edizione precedente, quando il nostro piccolo gruppo di giornalisti, con l'autorevole Burton Anderson in testa, ha lavorato insieme ad alcuni tecnici e sommelier).

Personalmente devo dire, che insieme agli altri giornalisti specializzati, mi sono davvero divertita potendo assaggiare e valutare vini così diversi, ma credo, che sia un vero peccato, che il nostro giudizio sia stato soltanto parziale e che non sia stato preso in considerazione insieme agli altri, come nell'edizione del 2006. Durante la nostra valutazione giornalistica di quest'anno, oltre i due vini premiati, ho giudicato molto positivamente:
  • il fresco e "attraente" Soave Monte Alto Garganega 2005 di CA'RUGATE, Verona;
     
  • il profumato e fresco Pinot Nero 2003 di TIEFENBRUNNER, Bolzano, Alto Adige (questa cantina ha vinto il primo premio del concorso del 2006 con il suo Cabernet Sauvignon Linticlarus 2003);
     
  • il corposo e ancora sorprendentemente fresco nel profumo Primitivo di Manduria 1999 Riserva Vanitoso di COPPI, Bari
     
  • e per concludere il "riflessivo" Silvaner Spatläse 2003 di ANSELMANN, Germania (questa cantina ha vinto il primo premio dei vini bianchi internazionali nel 2006 con il suo Riesling 2002).

Oltre ai vini selezionati, al concorso hanno partecipato anche i vini delle altre validissime cantine italiane, tra cui LUNELLI (con il suo Teuto 2003 di Pisa e Rosso di Montefalco 2004 di Perugina) e PAGANI DE MARCHI (con il rosso Olmata 2004 di Casale Marittimo, Pisa), che conferma un davvero interessante "potenziale qualitativo" di questa iniziativa. È da sottolineare che questa ultima azienda toscana è stata vincitrice della precedente edizione del concorso con il suo vino Casalvecchio.

I vini finalisti del concorso saranno presentati anche durante il prossimo Vinitaly:
30 marzo alle ore 17 nel sempre più rappresentativo per questo promettente territorio vitivinicolo stand della Provincia di Arezzo e dal 31marzo al 1 aprile nello Stand della AIS invece la prossima edizione del concorso si svolgerà nel 2009.

Web : www.lionswine.org

Letto 5184 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Kate Maciejewska Serra

Kate Maciejewska Serra


 e-mail

Salve a tutti, permettete,che mi presenti nel modo piuttosto tradizionale. Sono nata a Poznan' in Polonia nel 1970. Nel ormai lontanissimo passato ho...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti