Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 208

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 214
Cocciniglia "mezzo grano di pepe" (Saissetia oleae), di Anna Zorloni

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Olio > Malattie dell'Olivo

Malattie dell'Olivo

Cocciniglia "mezzo grano di pepe" (Saissetia oleae)

di Anna Zorloni

Saissetia oleae è la cocciniglia più diffusa e dannosa degli oliveti.
Deve il suo nome alla forma della femmina adulta, caratterizzata da un rilievo dorsale di colore scuro simile a mezzo grano di pepe; è lunga 3-4 mm.
Saissetia oleae provoca danni diretti sottraendo linfa alla pianta e danni indiretti per il rilascio della melata che si deposita sulla vegetazione favorendo lo sviluppo di funghi (fumaggini) che, incrostando rami e foglie, riducono la fotosintesi e gli scambi gassosi. Tutto ciò causa un deperimento progressivo degli olivi: diminuzione dell'attività vegetativa, scarse fioriture e fruttificazioni.
Può compiere 1 o 2 generazioni annuali, a seconda delle condizioni climatiche (due nelle regioni meridionali, una in quelle settentrionali).
Sverna come forma giovanile (più piatta dell’adulto, ovale, allungata, e di colore giallo crema); queste, tra aprile e maggio, si spostano sui rami e raggiungono l'età adulta.
A partire da maggio fino a luglio, ogni femmina può deporre da 200 ad oltre 1000 uova, protette sotto lo scudetto.  Da luglio ad agosto compaiono le forme giovanili che si fissano sulla pagina inferiore delle foglie, lungo le nervature; in autunno inoltrato, all'abbassamento delle temperature, cominciano a costituire la carena e si apprestano a trascorrere l'inverno.
Lo sviluppo della cocciniglia è favorito dall'ombreggiamento della chioma e dalle eccessive concimazioni. Si consiglia perciò di non eccedere con i concimi azotati e di procedere a potature di sfoltimento.
Numerosi predatori e parassiti provvedono al controllo biologico della specie: le coccinelle (Chilocorus bipustulatus L. e Exochomus quadripustulatus L.) che predano uova e neanidi; le larve del lepidottero Coccidiphaga scitula (Rbr.) che preda le uova; antocoridi; crisopidi.
I trattamenti insetticidi, per risultare efficaci, vengono eseguiti a luglio contro le neanidi mobili di I e II età. Eliminata la cocciniglia è opportuno trattare con prodotti rameici per combattere la fumaggine.

Letto 12066 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Anna Zorloni

Anna Zorloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area olio

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti