Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 208

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 214
Azienda Agricola Raineri: quasi una favola, di Enzo Zappalà

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Vino

Azienda Agricola Raineri: quasi una favola

di Enzo Zappalà

Mi viene un po’ difficile descrivere due barolo che ho assaggiato recentemente al Nebbiolo Grapes di Stresa. Si potrebbe facilmente dire (e forse in minima parte è vero) che il mio giudizio sia frutto di una forte componente emotiva personale. No, non lo nego, e aggiungo anche di una certa dose di commozione. Tuttavia, sono anche certo che chiunque vada a provarli non potrà che restarne straordinariamente sorpreso.

Fatemi, allora, raccontare una specie di favola reale, prima di azzardarmi nella descrizione di due superbi esemplari del più grande vitigno del mondo, sua maestà il nebbiolo di Langa.

Gianmatteo (Gimmy) Raineri lo conosco da tempo e devo dire che è persona gentile e sensibile come pochi. La sua famigliola (la dolcissima signora e la splendida bimba) che gli ho visto accanto a Stresa è sicuramente un segno ulteriore di sentimenti ormai rari e preziosi. Ma Gimmy non è solo questo. E’ anche il devoto e appassionato enologo della cantina dell’inarrivabile Domenico Clerico.

Sapete già quanto io voglia bene a questo personaggio diventato emblema stesso del barolo e dell’amore per la vigna. E vedere con quanta stima e rispetto Gimmy e il suo amico Luciano, collaborano col grande maestro mi è fonte di autentica commozione, oltre che conferma dei suoi valori umani più alti. Anch’essi gli vogliono bene e non possono che imparare da quella vicinanza.

Gimmy ammette apertamente e con grande umiltà che solo grazie a Domenico sa oggi interpretare magistralmente quello scorbutico e geniale vitigno. Sono però sicuro che se lo dicessi all’amico Domenico, lui mi risponderebbe con la sua solita veemenza sincera: “No, sono io che devo molto a Gimmy!”. Hanno ragione entrambi, come sempre capita quando una collaborazione supera l’anonima barriera del puro lavoro e sconfina nell’amicizia più autentica e nella comprensione reciproca.

So solo che il grande vignaiolo di Monforte è felice dell’avventura intrapresa da Gimmy e da Fabrizio Giraudo. E so anche che gli sta dando tutto il suo aiuto per vedere nascere due nuovi capolavori. Chi meglio di lui può comprendere che ogni zolla di terra dà luogo a un barolo diverso dal vicino di casa? Chi meglio di lui sa che non può esistere concorrenza in quelle colline di marna e arenaria? Ogni vino sudato, compreso e aiutato a nascere è unico, irripetibile. Come in un caleidoscopio non si possono ottenere due figure uguali, così due barolo che hanno seguito le regole della Natura non potranno mai assomigliarsi più di tanto.

Gimmy e Domenico lo sanno bene e sanno altrettanto bene che la creazione di un nuovo straordinario vino non può che essere fonte di gioia e di soddisfazione reciproca. I grandi capolavori di Domenico devono qualcosa a Gimmy e quelli di Gimmy saranno sicuramente grati a Domenico per la sapienza trasmessagli. Questo è in fondo il vino: condivisione, rispetto, amicizia, umiltà.

Non fatevi però stordire dalle mie considerazioni troppo personali. Andate ad assaggiare i due barolo dell’Azienda, entrambi prodotti nella frazione Perno di Monforte d’Alba, e capirete molto meglio i risultati già raggiunti al secondo anno di produzione. Il “base” (si fa per dire) viene da una vigna più giovane e si basa sull’eleganza e sull’equilibrio tannico perfettamente calibrato. Facciamo crescere sia il vino che il vigneto e ne vedremo delle belle. Le uve del “Monserra” hanno più anni sulle spalle e donano una complessità maggiore, coniugata perfettamente con la raffinatezza, tipica della zona. Entrambi mostrano una perfetta corrispondenza tra naso e bocca.

Barolo importanti e discreti, potenti e umili, perfetti per una degustazione attenta e per accompagnare una cena tra amici. Questo deve essere il grande barolo, questa è la lezione di Domenico e questa è la scommessa (già vinta) di Gimmy. Provate per credere e non stupitevi dei prezzi… anch’essi umili come l’artefice.

Bravo Gimmy e speriamo che tu riesca a raggiungere presto il maestro. Domenico ed io facciamo il tifo per te!

Azienda Agricola F.lli Raineri
Via Torino, 2 - 12060 Farigliano (CN)
Tel. e fax: 0173 76708
Email: rainerigianmatteo@virgilio.it

Letto 5375 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Enzo Zappalà

Enzo Zappalà

 Sito web
 e-mail

Astrofisico per 40 anni, ho da sempre coltivato la passione per il vino e per il mondo che lo circonda. Vedo di traverso la seriosità che...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti