Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > News > Vino

I vincitori del Premio Eno-Letterario

di Redazione di TigullioVino.it

MappaArticolo georeferenziato

Il Premio Eno-Letterario Santa Margherita si è distinto, anche nell’edizione 2011, come manifestazione di assoluta rilevanza nel panorama letterario nazionale, grazie anche al supporto di Librerie Feltrinelli. Il successo di questa sesta edizione testimonia il continuo apprezzamento e interesse per la cultura eno-gastronomica. È infatti il legame vino/cibo che ha ispirato le opere degli scrittori esordienti, selezionate da una giuria che ne ha valutato le caratteristiche di originalità e piacevolezza. I tre vincitori sono stati premiati ieri 22 novembre, durante una cena-evento a Milano, organizzata con la collaborazione dello chef Sergio Mei del Four Seasons Hotel.

Roberto Cipolato 1° classificato con “La bottiglia del 1915 e il ragazzo del 99”
Laura Visconti 2° classificato con “I cinque sensi”
Emanuela Pozzan 3° classificato con “Prodigio di semplicità”

Roberto Cipolato - Cinquantadue anni, lavora nell’ambiente aereonautico da più di trenta anni. Scrittore per diletto, ha scoperto che è un buon modo di raccontarsi ai figli. Nei suoi racconti sono presenti i suoi sogni, le sue esperienze, ciò che è e che vorrebbe essere. Trae molte delle sue aspirazione dalla tranquillità dell’ambiente montano. A giugno ha vinto il suo primo concorso letterario, indetto dal Comune di Vigonza (PD).

Laura Visconti - Venticinque anni, vive a Spinea in provincia di Venezia. Dopo aver conseguito la laurea triennale in servizio sociale all’Università di Venezia e la laurea specialistica in politiche e servizi sociali all’Università di Verona è diventata un’assistente sociale. Allo studio ha sempre affiancato attività di volontariato nel sociale e hobby quali la lettura la fotografia, lo sport, la musica, la scrittura, il cinema.

Emanuela Pozzan - Nata a Schio (VI) il 4 maggio 1975. Dopo aver frequentato le scuole dell’obbligo si è diplomata come analista contabile con il massimo dei voti per poi diventare responsabile contabilità di un’azienda nel vicentino. Oggi si dedica alla sue passioni: la lettura, la scrittura e il volontariato tramite l’associazione Uildm.

I tre racconti vincitori diventeranno subito best seller, con una tiratura complessiva di oltre 700.000 copie, stampati sulle retro etichette dei vini Santa Margherita: Pinot Grigio Valdadige D.O.C., Chardonnay Trentino D.O.C. e Müller Thurgau Frizzante Vigneti delle Dolomiti I.G.T.

Racconti vincitori

- Roberto Cipolato - 1° classificato

La bottiglia del 1915 e il ragazzo del 99
“Eh, quella mi sa che non gliela posso proprio dare”. La risposta era stata gentile, quasi a scusarsi. Eppure la mia ricetta di risotto ai funghi voleva un vino schietto come compagno e quella bottiglia di raboso che vedevo sullo scaffale mi sembrava perfetta. ”Le dò tutta la cantina se vuole ma questa del quindici proprio non posso”. Lo guardai un pò deluso, ormai quella di cercare da solo il vino migliore era diventata una piacevole mania, dalla volta che un vino triste mandò in malora una cena importante. Il vecchio affettò qualche fetta di salame e prese una bottiglia. Mi portò a sedere attorno ad un tavolaccio piazzato di sghimbescio tra i filari che si perdevano a vista d’occhio lungo il pendio della collina. Due bicchieri e una piacevole chiacchierata tra i vigneti di questa splendida terra. In poco tempo mi perdo nelle sue parole. Non sono più un famoso chef alla ricerca di pregiate bottiglie di vini autoctoni da accompagnare a ricette esclusive, sono un anonimo viandante che ascolta la storia da un uomo che ne ha fatto parte. Una storia aspra come quest’uva, dura come questa terra mai doma. “Sa, era destinata alla mensa ufficiali perché il vino per noi era poco più di acqua sporca. Il carretto delle salmerie fu colpito in pieno da un obice ma quella bottiglia era rimasta miracolosamente intatta. L’avevo portata in trincea e subito iniziò il bombardamento. Con i miei compagni eravamo pronti con il gavettino, quasi per morir contenti se cosi si può dire, un’altra botta e poi l’apro mi dicevo.

La serbavo per il gran finale, erano momenti tremendi e interminabili. Ma non l’ho aperta sa, e quando la guerra è finita me la son portata con me e ogni volta che la vita passava a tormentami aprivo la credenza ma poi la richiudevo. La serbavo per qualcosa di speciale ma ogni volta ripensavo alla trincea, ai miei compagni, a quelli che son morti e per che cosa hanno dato la vita… In trincea tutto era assurdo e quella bottiglia era l'unica cosa che invece sapeva di vita, di armonia, di bello e così mi ci sono aggrappato. Quando la guerra è finita mi sono dedicato a questo, a tirar su vigneti a tirar su vita" e mentre lo diceva accarrezzò amorevolmente con lo sguardo la collina. Lo ascoltai per un’ora buona e quando finì i suoi occhi erano umidi ma l'espressione del viso orgogliosa. A dispetto degli anni si alzò quasi di scatto: “Lasciamo perdere il 1915, venga, le insegno un segreto” e rientrammo in cantina. “Il raboso, se lo invecchia in botti di rovere piccole come questa magnifica il suo gusto" disse battendo con soddisfazione la mano sul legno " ma non vada oltre i dieci anni, rimarrebbe solo una vecchia bottiglia”. Mi accompagnò alla macchina infilando nel baule un refosco del 1961, a suo dire l’annata migliore in assoluto. Presi mano al portafoglio. "Non voglio niente, un centenario lo ascoltano in pochi, è solo un vecchio baule di stanchi ricordi e mi ha fatto piacere chiacchierare".

I funghi porcini hanno un piacevole odore di terra muschiata appena percettibile e mentre attendo che si indorino sorseggio da un calice il tuo vino che ne sublima il gusto. Ripenso alla tua ultima frase nel vigneto, mentre accarezzi i grappoli maturi ormai pronti per la vendemmia, le parole smorzate dai ricordi, screziate dalla vita: “ L’uomo sa metter cura e amore, passione e poi…? “ E io penso ai buoni aggettivi che l’uomo quando non distrugge sa ricavare dalle cose, anche da questo fantastico nettare, al bel color rubino, ai riflessi granati, al suo splendido bouquet, ampio e pieno che ricorda le violette di campo…ed in silenzio brindo a te ragazzo del 99, alla bottiglia che non hai mai aperto e alla Tua vita che non è stata sempre ciò che volevi perché la mia fosse migliore.

Dedicato a mio nonno ragazzo del 99

- Laura Visconti - 2° classificato

I Cinque Sensi
La domenica era il giorno della settimana che amavo di più, non solo perché la scuola era chiusa ma anche perché papà era a casa tutto il giorno e la mattina la passavamo assieme, io e lui, giù in cantina tra le bottiglie di vino e poi in cucina a preparare il pranzo. L’aveva soprannominata “la mattina dei cinque sensi”. La prima volta che pronunciò quelle parole mi chiesi come mai avesse dato questo nome a quel particolare momento della giornata tutto nostro. Mentre sistemava le bottiglie, glielo domandai e lui rispose: “Perché tra la cantina e la cucina, in queste ore, vengono soddisfatti tutti i nostri sensi: la vista, l’udito, l’olfatto, il gusto e il tatto…” Continuavo a non capire… Lui vedendo la mia faccia perplessa mi fece sedere su un piccolo sgabello e mi disse di chiudere gli occhi e prestare attenzione, inizialmente, solo a ciò che udivo. Sentii il suono dei bicchieri che venivano appoggiati sul tavolo per cinque volte, poi sentii dei piccoli botti nel momento in cui vennero stappate delle bottiglie e infine il rumore del vino che veniva versato nei bicchieri. Era un suono lento che mi trasmetteva tranquillità e calma. Poi mi disse di allungare la mano, sempre tenendo gli occhi chiusi e toccare ogni bicchiere, solo toccarli. Erano freddi e avevano forme diverse: uno aveva il gambo lungo, uno più corto, uno era fatto a coppa, un altro aveva il corpo più rotondo, un altro ancora aveva l’apertura stretta e il corpo allungato.

“Come ogni anima ha un suo corpo, così ogni vino ha il suo bicchiere”, sentii dire da papà...Poi mi disse di prendere ogni bicchiere, annusare il profumo di quei vini e bagnarmi appena le labbra per sentirne il gusto. Il primo mi riempì le narici, era intenso, aveva un profumo di bosco, erbaceo e aveva un gusto acerbo. Il secondo era gradevole, fruttato, al contatto con le labbra sentii subito le bollicine e il sapore secco. Il terzo odorava di bouquet floreale e aveva un sapore asciutto. Il quarto aveva un profumo avvolgente e un delicato sapore di frutta. L’ultimo sapeva di frutta matura, era forte, il suo sapore era corposo e caldo. Ero rapito da tutti quegli odori e sapori… Papà mi disse di aprire gli occhi e il mio sguardo fu rapito da quei colori: un rosso aranciato, un giallo paglia, un rosso rubino, un rosa brillante e un ambrato quasi tendente all’oro. Rimasi incantato e mi sentivo invaso da mille sensazioni, strinsi il calice più grande, avevo tutti e cinque i sensi più vivi e attivi che mai... Ero in estasi... Papà prese una nuova bottiglia, vidi che sull’etichetta c’era scritto “Pinot grigio” , mentre la rigirava tra le mani disse: “Con il risotto di zucca e formaggio di oggi questo ci sta a pennello!”

Io lo guardai e gli chiesi: ”Perché, per ogni cibo c’è un vino?” “Certo!”, rispose lui, “Come per ogni uomo c’è una donna unica e speciale, ogni vino si accoppia e abbina con un cibo!” Salimmo le scale avviandoci verso la cucina e ci mettemmo a preparare il risotto di zucca finché giunse l’ora di pranzo e una miriade di odori tornarono a circondarmi. Dietro al bancone di legno, con una bottiglia dello stesso Pinot grigio, oggi penso a quanti anni sono passati da quella domenica e con nostalgia guardo l’insegna della mia enoteca, dove inciso nel legno c’è scritto “ I CINQUE SENSI”... Non potevo scegliere altro nome...

- Emanuela Pozzan - 3° classificato

Prodigio di semplicità
In un attimo tutto sembra passato, il mio impeto è svanito nella speranza di assopire un bisogno. In me si cerca: il sapore, l’ebbrezza di un momento e la pace di un sorso di nettare dal gusto sublime. Presto, la curiosità sulla mia natura, darà pace alla brama di sapere com’è l’annata. Io sono la vite, io sono la vita e nel mio succo si racchiude l’attesa di dodici mesi. Nell’alba di una domenica autunnale mi ritrovo qui, anonima tra sconosciute ed attendo paziente che il sole sorga pigramente dal capanno affiancato al mio filare. Mi sento soddisfatta ed orgogliosa anche quest’anno, ad ogni stagione che trascorre, assaporo sempre più il piacere di donare il mio prezioso succo; altro scopo non ho. Sono stata scelta, la mia missione è questa: dare pace ad un desiderio dei sensi. Con il mio verdeggiare e l’armonia delle mie onde lignee sono un incanto per gli occhi ed i miei tralci sembrano corde di un violino naturale che suona melodie di passione; con le mie foglie rugose e fresche ricordo l’acqua di fonte che sgorga tra innumerevoli bollicine; con il profumo dei miei frutti inebrio le menti ed evoco con gli acini che maturo piano, la pace di un molesto sogno di conoscenza.

Ora è arrivato il tempo per il riposo e posso pensare; posso ricordare. Amo la mia terra, leggermente inclinata a Sud e di cui sento tutto il calore che sale dalle mie radici, profonde idealmente sino al centro del globo. L’inverno è stato lungo, solo per magia sono scampata all’acqua delle alluvioni che in fondo alla collina ha creato il ristagno, e per fortuna io ero protetta su nel mio colle. Ho sentito la grande umidità fin dentro le mie scheletriche ramificazioni e non ne potevo più di sentirmi inebriata di acqua, ho pensato sonnecchiando alle calde giornate estive che prosciugano fin dentro l’intimo. Tutto ha uno scopo. Alla fine anche l’inverno è passato, lungo e freddo, mi ha ghiacciato la corteccia, avevo paura, e poi, è giunta la potatura, un misto di dolore e di piacere. Sento ancora il vibrare del mio corpo all’avvicinarsi del contadino che mi tocca, sento le sue mani calde in un pomeriggio di sole sofferente, sembra quasi sia primavera ed invece il suo tocco, dapprima dolce e rincuorante, si trasforma in una mano esperta che sradica i miei tralci inutili e taglia, mi lascia lo stretto necessario per crescere ancora e rinvigorire. Mi chiedo a volte se lui si renda conto del dolore che mi provoca, se vede che poi piango. In realtà mi medico dove lui mi lacera, ma gli uomini chiamano: “lacrime”, il mio sangue. Laddove loro sanguinano, io irrigo le mie ferite di linfa, considerata medicamentosa, tanto che qualcuno ancora gira per i vigneti per raccogliere queste gocce ritenute un balsamo per gli occhi. Tra i prodigi della natura c’è anche questo: assistere ad un’alba nel vigneto che piange lacrime necessarie.

Un altro anno è passato, sonnecchio nel pomeriggio tedioso di novembre e penso a quando, su qualche tavolo imbandito o nell’allegria delle osterie, qualcuno stapperà una bottiglia e penserà inconsciamente a me che sono qui pronta al riposo, ma in prima linea per ripetere il mio miracolo con l’avventarsi delle stagioni. Il sonno giunge avvolgente come nebbia ed offusca i miei pensieri ed io deliro, tra finzione e realtà, nel sognare il momento in cui il mio nettare darà la gioia, magari adesso, magari tra anni, tra gli scaffali di una cantina, amerò come un’amante appassionata chi mi sceglierà, chi mi avrà.


Per informazioni:
Web: www.santamargherita.com
Web: www.facebook.com/pages/ViniSantaMargherita
Web: twitter.com/ViniSMargherita
Nicolò Soranzo, Giovanna Zilio
Tel: 049.657311
E-mail: gagliardi@gagliardi-partners.it


Fonte news: Gagliardi & Partners

Letto 4377 voltePermalink[1] commenti

1 Commenti

Inserito da Enzo Zappalà

il 04 dicembre 2011 alle 16:58
#1
interessante, molto interessante...in fondo mi tira su di morale...

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Redazione di TigullioVino.it

Redazione di TigullioVino.it

 Sito web
 e-mail

Nell'arco di molti anni di lavoro, da piccolo progetto amatoriale TigullioVino.it si è trasformato in una vera e propria testa web sul mondo...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti