Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > News > Vino

Convegno Giornata del Vino e della Vite, resoconto

di Redazione di TigullioVino.it

MappaArticolo georeferenziato

Il Prof. Rocco di Stefano alla Giornata del Vino e della Vite a Ora (Bz) : “L’autoctono fa la differenza”. Si è tenuto all’Istituto Tecnico Agrario di Ora (Bz) il convegno organizzato dal Centro di Sperimentazione Laimburg sulla maturazione dell’uva che precede il periodo della vendemmia. Tra i relatori il Prof. Rocco di Stefano, docente di enologia all’Università di Torino che nel suo intervento ha sostenuto il valore delle varietà autoctone.

L’annata 2011 come sarà? È questa una delle domande trattate dai relatori alla sesta edizione della Giornata del Vino e della Vite a Ora (BZ). “La qualità base dell’uva è buona, i valori degli acidi misurati sono positivi”, riassume Ulrich Pedri del Centro Sperimentale Laimburg, “e l’uva promette buona qualità”. Mentre il Prof. Rocco di Stefano dell’Università degli Studi di Torino aggiunge: “In Sicilia ci aspettiamo una grande annata. In Piemonte invece saranno le prossime settimane a stabilire la qualità di questa vendemmia”, continua di Stefano. La stessa cosa vale anche per l’Alto Adige. “Le condizioni atmosferiche di settembre saranno decisive per stabilire la qualità delle uve che avrebbero bisogno di un periodo secco con notti fresche”, afferma Ulrich Pedri. Comunque, seguendo la tendenza generale anche la vendemmia in Alto Adige sarà anticipata di circa dieci giorni rispetto al 2010.

“In questi anni la qualità dei vini è molto migliorata in tutte le regioni d’Italia”, spiega il Prof. di Stefano, presentando i risultati della ricerca sui vari aspetti della lavorazione dell’uva di qualità, “positiva è stata la valorizzazione negli ultimi anni, delle varietà autoctone che necessitano di cure particolari e di appropriate condizioni pedo-morfologiche per raggiungere elevati livelli di qualità”.

Presentati gli esiti delle ricerche del Centro Sperimentale Laimburg sulla dealcolizzazione dei vini a ‘membrana contattore’. L’ aumento del tasso alcolico nei vini riscontrato negli ultimi anni, è dovuto sia a fattori viticoli che climatici e può influenzare negativamente la qualità dei vini. Sono queste le ragioni che hanno spinto i tecnici del Centro di Sperimentazione Laimburg ad avviare delle ricerche al fine di testare metodi per la dealcolizzazione dei vini.

”Abbiamo testato un processo di dealcolizzazione a ‘membrana contattore’” ha rivelato Ulrich Pedri, responsabile della sezione enologia del Centro Laimburg, durante il convegno – “e abbiamo constatato che con questo sistema si può ridurre il tasso alcolico di un grado preservando la qualità del vino senza perdita di piacevolezza.” Comunque, la dealcolizzazione a membrana “contattore” non dà ancora risultati del tutto soddisfacenti e rimane perciò un ripiego che va usato con cautela.

I risultati dei test sui cloni di pinot nero
Quali sono i cloni di pinot nero che offrono un’ottima qualità del vino e una maggiore resistenza alle malattie? Gli scienziati del Centro di Sperimentazione Laimburg attraverso la ricerca hanno cercato di dare delle risposte: durante il convegno sono stati presentati i risultati della sperimentazione di 15 diversi cloni di pinot nero provenienti da Francia, Germania, Milano, San Michele all’Adige e Salorno. Oggi il 7% della produzione complessiva altoatesina è a pinot nero che qui trova ambiente ideale e condizioni climatiche favorevoli e che può raggiungere livelli di altissima qualità. “A causa della compattezza dei suoi grappoli il pinot nero è però sensibile a malattie come la botrite”, spiega durante il convegno Josef Terleth, altro docente di Laimburg. Dai risultati dei test i migliori sono risultati i cloni francesi 828 e 943 molto utilizzati in Alto Adige, che presentano un grappolo spargolo ossia meno fitto, offrendo tra i vantaggi, una maggior resistenza ai cambiamenti climatici, risultando meno attaccabile dall’insidioso fungo della Botrite.

Il Centro di Sperimentazione Laimburg in breve
Il Centro di Sperimentazione Laimburg è l’istituto di ricerca leader nel settore agroalimentare in Alto Adige e si occupa soprattutto di ricerca applicata diretta ad aumentare la competitività e la sostenibilità dell’agricoltura altoatesina. Ogni anno, i 180 collaboratori del centro lavorano a più di 400 progetti e attività in tutti campi dell’agricoltura altoatesina, dalla frutticoltura e viticoltura fino all’agricoltura montana. Il Centro di Sperimentazione Laimburg è stato fondato nel 1975 a Vadena nella Bassa Atesina. 


Per informazioni:
Serena Aversano
E-mail: ufficio.stampa@serenacomunicazione.com
Tel: 0422 231169


Fonte news: Serena Comunicazione Srl

Letto 3601 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Redazione di TigullioVino.it

Redazione di TigullioVino.it

 Sito web
 e-mail

Nell'arco di molti anni di lavoro, da piccolo progetto amatoriale TigullioVino.it si è trasformato in una vera e propria testa web sul mondo...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti