Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino

Vitigni autoctoni d'Italia: il Teroldego Rotaliano

di Luigi Salvo

MappaArticolo georeferenziato

Il Teroldego vitigno principe del Trentino, ha trovato il suo habitat particolarmente favorevole in una grande area pianeggiante, denominata Campo Rotaliano, in provincia di Trento, nei comuni di Mezzacorona, Mezzolombardo e San Michele all'Adige, da qualche tempo però la sua coltivazione si va estendendo anche in altre provincie. Le sue ottime qualita' organolettiche insieme alle affinate tecniche di coltivazione e di vinificazione hanno permesso al Teroldego di affermarsi nel corso dei secoli, e di ottenere nel 1971 il riconoscimento della Denominazione di Origine Controllata.
Le vigne vengono coltivate a pergola trentina o a guyot, il grappolo è compatto, allungato, leggermente ricurvo nella parte finale, le uve vengono raccolte molto mature, con una selezione attenta dei grappoli. iIl metodo di produzione nelle versioni Rosso e Superiore prevede rigorosamente che la fermentazione del mosto avvenga a contatto con le vinacce, le quali durante questa fase rilasciano gran parte delle sostanze in essa contenute, quali antociani e tannini, segue la fase della svinatura, con la separazione delle vinacce dal mosto, i numerosi travasi, l'affinamento e l'invecchiamento, questo avviene in botti di rovere e si protrae fino alla fine dell'anno successivo alla vendemmia.Il Teroldego Rotaliano Superiore assume l'appellativo Riserva dopo un periodo di invecchiamento obbligatorio di due anni.
E' un vino particolare, le cui peculiari caratteristiche sono un colore rosso rubino piuttosto intenso, con intensi orli violacei, tendente al rosso mattone con l'invecchiamento, al naso e' particolarmente intenso, gradevolmente fruttato, e diventa etereo e persistente con l'invecchiamento. In bocca è corposo, asciutto, sapido, moderatamente tannico, con sentori di mandorla amara. E' consigliabile berlo alla temperatura di 18°C in ampi calici, accostandolo ad arrosti di carni bianche e rosse, stufati di manso, formaggi a media stagionatura .

I migliori vini da me degustati:

Teroldego Armillo 2001 - Bolognani
Teroldego Granato 2000 - Foradori
Teroldego Rotaliano 2000 - Betta

Letto 7275 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Luigi Salvo

Luigi Salvo

 Sito web
 e-mail

Luigi Salvo nasce a Palermo il 16 Gennaio 1964, dopo gli studi scientifici e di medicina, agli inizi degli anni '90 durante il tirocinio in ospedale,...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti