Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Vino in garage

Vino in garage

Imbottigliando si impara!

di Luca Risso

MappaArticolo georeferenziato

Avendo a disposizione due damigiane di vino dell'annata 2010 ho deciso di imbottigliarne una in questo periodo, cioè prima del solito, programmando invece di imbottigliare la seconda un po' più avanti, verso la fine di Aprile. La ragione era solo quella di giocare un po' a vedere l'effetto che fa ma l'occasione è stata ottima per verificare alcune idee che avevo già esposto qui e riportare la nostra attività garagistica con i piedi per terra. Ho voluto infatti sperimentare su questo primo lotto un tappo sintetico della massima qualità, e cioè il Nomacorc. Il risultato è stato drammatico.

Tutte le bottiglie trafilavano vino a causa di una riga profonda longitudinale lasciata dall'imbottigliatrice manuale e che creava di fatto un canale per la fuoriuscita del vino. La soluzione è stata quella di ritappare tutte le bottiglie con il miglior sughero naturale. Il segno rimaneva ugualmente, ma la grande elasticità del tappo naturale era perfettamente in grado di riassestare il difetto e garantire la tenuta.

Ho smontato l'imbottigliatrice per vedere cosa non andasse, e la risposta è stata che tutto era OK, e che semplicemente la struttura della macchina domestica non era in grado di imprimere una forza omogenea se lo sforzo era molto elevato come nel caso dei tappi sintetici, assai più duri di quelli naturali. Come si vede dalla foto le ganasce tendono a perdere l'allineamento, lasciando uno spazio in cui la plastica si piega in modo irreversibile.

Ho verificato che anche il tappo di sughero, che per volere strafare ho acquistato nel calibro 30X40 mm (40 è l'altezza in mm del tappo mentre 30 è il diametro) metteva a dura prova l'imbottigliatrice, molto meglio sarebbe stato il calibro 28 o anche (mi dicono) il 26. La tenuta è garantita ugualmente e per l'attività di un garagista penso che effettivamente sia una soluzione più che adeguata. Adeguato sarebbe anche il classico tappo a corona, se non fosse così brutto, ma tecnicamente va benissimo.

In definitiva che consigli mi sento di dare? Provate la vostra imbottigliatrice prima su una decina di tappi senza bottiglia, e verificate che l'operazione di estrusione del tappo avvenga senza sforzo, e che il tappo esca senza segni, tagli o deformazioni. E' molto più importante questo della supposta qualità intrinseca del tappo!

A proposito di imbottigliamento, state pensando alle bottiglie da spedire per il Garage Wines Contest?

Luk

Letto 10976 voltePermalink[12] commenti

12 Commenti

Inserito da Massimo Scanferla

il 16 marzo 2011 alle 13:26
#1
Ho avuto lo stesso problema in passato e ho buttato via tutti i tappi sintetici. Poi, imbottigliando anche prosecco e moscato, ormai uso solo tappi corona che hanno la tenuta migliore. E pazienza per l'stetica, salvo qualche bottiglia di rosso che mi piace avere col tappo di sughero. Siccome in giro trovo solo schifezze, quelli di sughero li compro in una cantina dei colli euganei da cui prendo il fior d'arancio.
Ciao,
Massimo

Inserito da Armin Kobler

il 18 marzo 2011 alle 19:52
#2
per questo nelle macchine professionali ci sono quattro e non due elementi che stringono il tappo:
http://weingut-weinkueferei-benzmueller.de/Home/Startseite_Kuferei/Lohnabfullung/Anlage_16_TOP/Bild_Korkschloss.gif

buon lavoro
armin

Inserito da Luca Risso

il 19 marzo 2011 alle 12:09
#3
Grazie Armin
tutto chiaro.
Luk

Inserito da Angelo Mignosa

il 21 marzo 2011 alle 18:06
#4
@Luk,

hai qualche sito da suggerire dove posso acquistare dei tappi di sughero di buona fattura ?

Vorrei mantenere quest'anno il vino rosso nei tini inox fino a dopo l'estate per poi procedere all'imbottigliamento, ma l'ambiente di cantina (non è proprio una cantina nel sottosuolo) nel periodo estivo è mediamente intorno ai 20 gradi.
Secondo voi rischio difetti a causa della elevata temperatura, o posso azzardare l'imbottigliamento a settembre ?

ciao


Inserito da Armin Kobler

il 21 marzo 2011 alle 19:56
#5
se la temperatura non sale oltre, i serbatoi sono bei colmi e la solforosa sufficiente, allora potresti anche farlo, secondo me.
anche cantine professionali non sono sempre più fresche.

Inserito da Luca Risso

il 21 marzo 2011 alle 20:15
#6
@Angelo
Ubi Armin Luk cessat! A naso avrei risposto allo stesso modo, ma il giudizio di Armin mi conforta molto.
Sono molti i siti per acquistare tappi ecc. ecc., ma forse c'è qualche rivenditore anche dalle tue parti.
eccone un paio:
http://www.enosacchi.com/imbottigliamento_it.html
http://www.dimauroenologia.it/pagina_imbottigliamento.htm
Luk

Inserito da Angelo Mignosa

il 22 marzo 2011 alle 11:59
#7
@Armin,

complimenti per il tuoi Klausner e Feld, davvero eccellenti e a proposito di tappi la vostra soluzione del tappo a vite risulta oltremodo comoda per conservare la "mezza bottiglia" quando non si riesce a finirla. Le bottiglie sono inoltre molto eleganti.

Ho cercato delle bottiglie con il tappo a vite ma non riesco a trovarle, vorrei usarle per il mio bianco , si prestano davvero bene all'idea di un consumo frazionato nella giornata, come aperitivo ,a tutto pasto.

@Luk,
grazie per il suggerimento, andrò da Enosacchi che si trova abbastanza vicino al mio ufficio di Milano.

ciao

Inserito da Mirco Mariotti

il 22 marzo 2011 alle 16:52
#8
Ciao ragazzi, se avete bisogno di articoli per l'enologia chiamatemi pure, il nostro punto vendita è ben fornito! ;-)e mi raccomando Luk, mai più sintetico! ihih

Mirco

Inserito da Mirco Mariotti

il 22 marzo 2011 alle 16:54
#9
Dimenticavo Luk... anche una tappatrice nuova non sarebbe malaccio... ;-) Come ha citato Armin, anche fra quelle domestiche ce ne sono a 4 elementi...

Inserito da Luca Risso

il 22 marzo 2011 alle 16:58
#10
@Mirco
Si effettivamente bisogna che a Dicembre chieda a Babbo Natale un paio di regalini...
Luk

Inserito da Armin Kobler

il 23 marzo 2011 alle 09:58
#11
@ angelo: un lato negativo del tappo a vite è che che le macchine avvitatrici sono solo professionali e costano migliaia di euro.
in questo modo vini col tappo a vite verranno fatti solo da garagisti miliardari. ;-)

Inserito da Luca Risso

il 23 marzo 2011 alle 19:51
#12
@Fabio
Grazie per il tuo prezioso contributo. Il problema come sempre è la scarsa informazione, unita a una certa mancanza di scrupoli di molti venditori e dettaglianti che come nel mio caso, lungi dal mettere in guardia dalle possibili problematiche e relative contromisure, propinano questi tappi come la "soluzione finale", garantita al 100%.
Invece una certa criticità di questi materiali ho potuto constatarla anche con produttori validi e in certi casi famosi, le cui bottiglie ho trovato talvolta completamente ossidate (per loro stessa ammissione) a causa del non corretto accoppiamento dei diametri di tappo e collo della bottiglia.
Luk

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Luca Risso

Luca Risso

 Sito web
 e-mail

Il mio interesse per il vino è cosa relativamente recente. Risalgono a ottobre 2001 i miei primi due post per chiedere informazioni sul...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti