Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Doc e Docg

Doc e Docg

Ruchè di Castagnole Monferrato DOCG

di Sergio Ronchi

MappaArticolo georeferenziato

Con D. D. Del 8 ottobre 2010, è stata definita questa nuova DOCG piemontese che è riservata esclusivamente al vino rosso.
Il vino a Denominazione di Origine Controllata e Garantita “Ruché di Castagnole Monferrato” deve essere ottenuto dalle uve provenienti da vigneti aventi la seguente composizione ampelografica: Ruché minimo 90%; Barbera e Brachetto da soli o congiuntamente per un massimo del 10%.
La zona di produzione comprende l'intero territorio dei seguenti comuni:
Castagnole Monferrato, Grana, Montemagno, Portacomaro, Refrancore, Scurzolengo e Viarigi; tutti in provincia di Asti.
La resa per ettaro non dovrà essere superiore a 9 tonnellate e il titolo alcolometrico non inferiore a 11,5% vol.
Il vino a denominazione di origine controllata e garantita “Ruché di Castagnole Monferrato” può essere accompagnato dalla menzione “vigna”, seguita dal relativo toponimo, purché il relativo vigneto abbia un'età d'impianto di almeno 3 anni.
Le rese massime di uva ad ettaro di vigneto in coltura specializzata per la produzione del vino a denominazione di origine controllata e garantita “Ruché di Castagnole Monferrato” con menzione vigna e i titoli alcolometrici volumici minimi naturali delle relative uve destinate alla vinificazione devono essere i seguenti:
3°anno d'impianto: 4,80 t/ha, 12,50% vol.;
4°anno d'impianto: 5,60 t/ha, 12,50% vol.;
5° anno d'impianto: 6,40 t/ha, 12,50% vol.;
6° anno d'impianto: 7,20 t/ha, 12,50% vol.;
dal 7° anno d’impianto: 8,00 t/ha, 12,50% vol.

La possibilità di destinare alla rivendicazione delle DOC insistenti nella stessa area di produzione, secondo quanto previsto dalla normativa vigente, gli esuberi di produzione della DOCG è subordinata a specifica autorizzazione regionale su richiesta del Consorzio di tutela delle DOC interessate e sentite le Organizzazioni di categoria.

Il vino a DOCG “Ruché di Castagnole Monferrato” all'atto dell'immissione al consumo deve rispondere alle seguenti caratteristiche:
Colore rosso rubino con leggeri riflessi violacei talvolta anche tendenti all'aranciato;
Profumo intenso, persistente, leggermente aromatico, fruttato, anche speziato con adeguato affinamento;
Sapore asciutto, rotondo, armonico, talvolta leggermente tannico, di medio corpo, con leggero retrogusto aromatico, talvolta con sentori di legno;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo 12,50%, se con indicazione di “vigna” minimo 12,50%;
Acidità totale minima 4,00 g/l .
Estratto non riduttore minimo 21,00 g/l.


Letto 8697 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Sergio Ronchi

Sergio Ronchi

 Sito web
 e-mail

Appassionato di vino da molto tempo, ho organizzato vari eventi di presentazione prodotti utilizzando varie location a Milano, Padova, Bergamo,...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti