Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > News > Food

Slow Food: "No alla strage delle api"

di Redazione di TigullioVino.it

L’Italia vuole riammettere i pesticidi killer delle api. Slow Food: «E’ assolutamente inaccettabile che non si rinnovi il decreto di sospensione dei pesticidi neonicotinoidi»

Il Decreto 15 ottobre 2010, a firma del Ministro della Salute Ferruccio Fazio (modifica al decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194), pubblicato in Gazzetta Ufficiale, prepara il terreno alla reintroduzione degli insetticidi neonicotinoidi per la concia del mais, sospesi per tre anni perché sospettati di essere i responsabili delle numerose morie di api. Il Decreto infatti, definendo come “accidentali” le morie e gli spopolamenti di alveari verificatisi in Italia in modo crescente fino al 2008, sembra esprimere la volontà di ri-autorizzare a breve le conce “killer” di api.

«Dopo tre anni di reiterazione del decreto di sospensione dei neonicotinoidi, una misura orientata alla cautela imposta da numerosi studi scientifici che attestano la neurotissicità di questi pesticidi, è assolutamente inaccettabile che adesso si prepari il terreno alla reintroduzione di queste sostanze in agricoltura. Nelle ultime due stagioni agrarie, in cui era vietato l’uso neonicotinoidi, sono scomparse nel nostro paese le morie di api, e oltretutto si sono conseguite ottime medie produttive di mais, senza danni di rilievo da parassiti. Su quali basi scientifiche ora si vuole fare un passo indietro, non rinnovando il decreto di sospensione di questi pesticidi? Slow Food auspica piuttosto che si arrivi a un divieto permanente per i neonicotinoidi, a tutela della salute delle api, dei cittadini e dell’ambiente in generale» afferma Cinzia Scaffidi, direttrice centro studi Slow Food.

Dalla ricerca Apenet, promossa dal Ministero delle Politiche Agricole, emerge che sono accertati gli effetti letali sulle api degli insetticidi sistemici in fase di semina del mais, e sono confermati possibili rischi del loro effetto tossico cronico nel tempo sulle api. L’inchiesta del quotidiano inglese The Independent si chiede come possa essere nascosto e non pubblicato lo studio dell’equipe di scienziati del Ministero dell’Agricoltura Usa, «che dimostra la capacità di dosi infinitesimali di neonicotinoidi nello scatenare una patologia micidiale per le api. Studio che riconferma uno analogo effettuato in Francia.

Oltre 1 milione di persone da tutto il mondo hanno sottoscritto l’appello lanciato da Avaaz per la sospensione degli insetticidi neurotossici «finché e qualora nuovi e indipendenti studi scientifici dimostreranno che siamo al sicuro». Intanto la Regione Emilia Romagna ha annunciato scenderà in campo per chiedere lo stop definitivo all'uso dei neonicotinoidi. «Una buona notizia – commenta Cinzia Scaffidi - Speriamo che ancora una volta prevalga il buon senso dei territori, e che molte regioni seguano l'esempio dell'Emilia Romagna».


Per informazioni:
Luca Bernardini
Slow Food
E-mail: l.bernardini@slowfood.it
Tel: (0039) 0172/419612
Skype contact: bernaslow
Web: www.slowfood.it


Fonte news: Alpe Comunicazione

Letto 4033 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Redazione di TigullioVino.it

Redazione di TigullioVino.it

 Sito web
 e-mail

Nell'arco di molti anni di lavoro, da piccolo progetto amatoriale TigullioVino.it si è trasformato in una vera e propria testa web sul mondo...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area food

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti