Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Travel > Viaggi enogastronomici

Viaggi enogastronomici

In quel di Gavi una domenica d'Ottobre

di Luigi Bellucci

MappaArticolo georeferenziato

Con Gabri, Carla e Max decidiamo di passare una domenica pomeriggio in Piemonte per vini e cose buone. Si parte da Nervi verso le tre del pomeriggio. Sono ormai tre giorni che piove, anzi che “sprin-na” come si dice a Genova. Una grande umidità che ti entra nelle ossa, un senso di malinconia che ti invade e che cerchi di allontanare con buone conversazioni o con lo sguardo fuori dai vetri verso il verde grigio della campagna, i tetti rossi e le facciate colorate delle case che incontri lungo la strada.
Autostrada fino a Serravalle. L’uscita da Milano ha una coda di oltre un chilometro. Vanno quasi tutti all’outlet, nuovo santuario domenicale delle famiglie italiane. Noi proseguiamo verso Pozzolo Formigaro per scegliere le lampade giuste da mettere sulle scale e in due stanze della casa di Chiavari. Andiamo da Roseo, il negozio di Alberto, amico di Max e Carla. Ha una fornitura ben assortita di lampade tradizionali ma anche firmate, sul moderno, e finalmente, dopo due anni di ricerca, troviamo quelle che piacciono a Gabri e anche a me. Ne compriamo sette, quattro per le scale, due per la camera della torretta e una per la stanza di lettura.
Quando usciamo è ancora chiaro e ci mettiamo in strada verso Monterotondo di Gavi, per una degustazione a Villa Sparina, che avevamo prenotato da metà settimana.
Ci accoglie nella hall dell'Ostellerie Alfonso Spinelli, giovane gestore del complesso, gentilissimo e ospitale. Ci fa accomodare nella sala del bar, al tavolo rotondo proprio davanti al camino, con quattro comodissime poltrone a spalliera alta, ideali per una conversazione piacevole e raffinata.
Il camino di marmo e pietra lavorati, forse rinascimentale, è acceso e l'intensità della fiamma è attutita dalla lastra di vetro che la divide dal nostro tavolo. Per alimentare il fuoco si aggiunge la legna dalla parte posteriore.
La produzione di Villa Sparina comprende otto etichette: uno spumante, il Villa Sparina Brut metodo classico, tre etichette per i bianchi, il Montej bianco Monferrato Doc, il Villa Sparina Gavi Docg del Comune di Gavi, il bianco di punta, il Monte Rotondo Gavi Docg del Comune di Gavi. Poi ancora un’etichetta di rosato il Montej Rosè, Monferrato chiaretto DOC e per finire tre etichette per i rossi, il Montej rosso, Barbera del Monferrato Doc, il Villa Sparina Barbera del Monferrato Doc e il rosso di punta il Rivalta Monferrato Doc Rosso.
La tenuta Villa Sparina comprende 100 ettari di proprietà, di cui 60 ettari di vigne circondate dai boschi, ventilate dalle brezze liguri e baciate dal sole. La maggior parte dei vigneti è coltivata a Cortese e si trova sulle pendici di Monterotondo, mentre a Cassinelle, in una splendida conca, altri 4 ettari sono coltivati a Dolcetto (Ovada Doc). L’anima e il prestigio di Villa Sparina si riconoscono soprattutto nel carattere del “Monterotondo”, il più nobile dei vini bianchi, ottenuto da un’attenta e severa selezione di uve di Cortese docg e del “Rivalta”, ottenuto da 9 ettari coltivati a barbera a Rivalta Bormida, tra le colline di Acqui Terme, nell’Alto Monferrato.

Sprofondati nelle poltrone a spalliera alta attorno al tavolo rotondo di fronte al camino acceso assaggiamo quattro vini, due bianchi e due rossi. Ce li serve il sommellier, con i giusti bicchieri grandi a tulipano, alle corrette temperature, sia i bianchi, sia i rossi.

Primo vino
Villa Sparina Brut Metodo Classico, di 13 gradi dal lotto L0114004.
Vino spumante di qualità prodotto da Villa Sparina di Massimo Moccagatta a Monterotondo di Gavi.
Prodotto da uve Cortese con vendemmia in settembre 2006, fermentazione per tre settimane in vasche di acciaio a temperatura controllata di 18 gradi. Imbottigliato nella primavera 2007 con l'aggiunta della liqueur de tirage e maturato per altri 36 mesi in bottiglia nelle antiche cantine del 1600 a 12 gradi di temperatura, con il remuage manuale, secondo il metodo classico.
Produzione di 22.000 bottiglie da 750 ml e 1.200 magnum da 1.500 ml
Perlage: fine, continuo e persistente.
Colore: Giallo paglierino con riflessi dorati, vivo e luminoso.
Naso: eccellente armonia con elevata mineralità, lunga persistenza e intensità adeguata. Gradevoli sfumature floreali e note di crosta di pane.
Bocca: Buona acidità per una pregevole freschezza, pieno, armonico, equilibrato, elevata la persistenza, piacevole e lunga la sapidità con un retrogusto gradevole di mandorla amara.
Punteggio attribuito: 17 / 20

Secondo vino
Villa Sparina Gavi del Comune di Gavi 2009, di 13 gradi dal lotto L080906 e fascetta DOCG AAE 01594979.
Vino prodotto da Villa Sparina di Massimo Moccagatta a Monterotondo di Gavi.
Prodotto da uve Cortese coltivate in Comune di Gavi su terreni argillo marnosi con esposizione Sud e Ovest a 250 - 300 metri s.l.m., con vendemmia tra settembre e ottobre. Allevamento a Guyot con 4.200 piante per ettaro, con età media di 25-30 anni. Fermentazione per tre settimane in vasche di acciaio a temperatura controllata di 18 gradi e fermentazione malolattica svolta in parte.
Produzione di 25.000 bottiglie da 375 ml, 150.000 da 750 ml e 1.000 magnum da 1.500 ml
Colore: Giallo paglierino pieno, limpido e brillante.
Naso: Evidenti le note balsamiche, di buona intensità e persistenza, accompagnate da note fruttate di pesca e lievi sentori di mandorla verde. Ottime l'armonia e la piacevolezza olfattiva.
Bocca: Discreta l'acidità e buona la freschezza, abbastanza pieno, di buona persistenza. Piacevole e di buona beva per un retrogusto finale fruttato di pesca e con una lieve nota di crosta di pane.
Punteggio attribuito: 16 / 20

Terzo vino
Villa Sparina Barbera del Monferrato Superiore 2008, di 14 gradi dal lotto L650801 e fascetta DOCG AAA 00123182.
Vino prodotto da Villa Sparina di Massimo Moccagatta a Monterotondo di Gavi.
Prodotto da uve Barbera coltivate su terreni argillo calcarei con esposizione Sud Ovest a 300 - 320 metri s.l.m., con vendemmia a metà ottobre. Allevamento a Guyot con 4.500 piante per ettaro, con età media di 25 anni e una resa di uva di 50 quintali per ettaro ottenuta mediante una severa potatura invernale e uno sfoltimento dei grappoli. Fermentazione per due settimane in vasche di acciaio e fermentazione malolattica completamente svolta.
Affinamento per il 20% in acciaio e 80% in barrique per 12 mesi e almeno altri 12 mesi in bottiglia.
Produzione di 1.000 bottiglie da 375 ml, 6.000 da 750 ml e 300 magnum da 1.500 ml
Colore: Rosso rubino pieno e luminoso.
Naso: Piacevolissime note di rosa e di frutta rossa matura al primo impatto evolvono poi verso note di cioccolato e tabacco con lievi sfumature di vaniglia.
Bocca: Pieno, armonico, di buona struttura e consistenza. Caldo, fine e quasi elegante nella beva con sentori di prugna e ciliegia al retrogusto, a lungo persistenti.
Punteggio attribuito: 17 / 20

Quarto vino
Rivalta Monferrato Rosso DOC 2005, di 14 gradi dal lotto L600501.
Vino prodotto da Villa Sparina di Massimo Moccagatta a Monterotondo di Gavi.
Prodotto da uve Barbera (95%) e Merlot (5%) coltivate su terreni argillo calcarei con esposizione Sud Ovest a 300 - 320 metri s.l.m., con vendemmia a metà ottobre e raccolta manuale in cassette. Allevamento a Guyot con 4.500 piante per ettaro, con età media di 50 anni e una resa di uva di 35 quintali per ettaro ottenuta mediante una severa potatura invernale e uno sfoltimento dei grappoli. Fermentazione per due settimane in vasche di acciaio e fermentazione malolattica completamente svolta .
Affinamento per il 100% in barrique francesi (Limousine, Allier, Nevers, Vosges) per 18 mesi e almeno altri 12 mesi in bottiglia.
Produzione di 6.500 bottiglie da 750 ml e 200 magnum da 1.500 ml
Colore: Rosso rubino intenso.
Naso: Presenta piacevoli sentori fruttati con note di vaniglia e di frutti rossi maturi e lievi note speziate.
Bocca: Il campione assaggiato presenta una acidità piuttosto bassa cui si contrappone una piacevole armonia e discreta pienezza. AL retrogusto si rilevano note di ciliegia matura di una discreta persistenza.
Punteggio attribuito: 16 / 20

Accompagniamo l'assaggio dei vini con un piatto di salumi misti appena tagliati e con i loro pani, quello alle noci e quello "ai semi antichi" ancora tiepidi, deliziosi.
Ricordavo i vini di Villa Sparina di qualche anno fa e devo dire che sono notevolmente migliorati, soprattutto il Brut Metodo Classico, che ho giudicato il migliore tra quelli assaggiati e il Barbera Superiore, entrambi a livello di eccellenza.
Il pomeriggio è passato velocemente, in un ambiente elegante e romantico, seduti al tavolo rotondo vicino al camino acceso, in piacevole compagnia di amici e buona conversazione per una serata rilassante e piacevole.
Avremmo voluto visitare altri due produttori di Gavi, per fare un confronto di tipo "storico" tra le diverse annate, ma entrambi (Tenuta San Pietro e Azienda Broglia), sebbene contattati con giorni di anticipo, hanno fatto sapere che non erano disponibili a riceverci in questo pomeriggio.

Foto Credit: Dal sito www.villasparina.it

Letto 7938 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Luigi Bellucci

Luigi Bellucci


 e-mail

Sono nato in una torre malatestiana del 1350 sulle primissime colline del Montefeltro romagnolo. Forse per questo mi ha sempre...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area travel

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti