Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > News > Vino

Accademia Italiana della Vite e del Vino: Valle d'Aosta, dalla viticoltura di montagna una produzione vinicola unica in Italia

di Redazione di TigullioVino.it

MappaArticolo georeferenziato

Prié, Petit Rouge, Fumin, Cornalin Mayolet, Vuillermin, Prëmetta: sono i nomi di alcuni dei numerosi vitigni che si coltivano solo in Valle d’Aosta e che costituiscono l’aspetto più originale della vitivinicoltura della Regione. A questa realtà è stata dedicata la III Tornata dell’Accademia Italiana della Vite e del Vino, che ha avuto luogo a Saint-Vincent (Aosta), il 16 ottobre. Nella stessa occasione è stato presentato il volume “Valle d’Aosta” della collana “Storia Regionale della Vite e del Vino in Italia”, realizzato dall’accademico Giorgio Vola. La giornata è stata organizzata in collaborazione con l’Assessorato Agricoltura e Risorse naturali della Regione Autonoma Valle d’Aosta e del Casino de la Vallée di Saint-Vincent.

“La Valle d’Aosta vitivinicola presenta caratteristiche uniche in Italia, ha spiegato il presidente dell’Accademia, Antonio Calò, aprendo i lavori, in quanto i vitigni che vi si coltivano sono allevati solo qui e anche gli altri vitigni italiani e internazionali sono stati introdotti in misura assai contenuta: questo fatto, assieme alle caratteristiche particolari della viticoltura di montagna (cosiddetta ‘eroica’), rende i vini valdostani assolutamente particolari e molto interessanti”.  Nel corso della giornata di studio e di approfondimento, alla quale ha partecipato Giuseppe Isabellon, assessore all’Agricoltura e Risorse Naturali della Regione Autonoma Valle d’Aosta, sono state quindi passate in rassegna le caratteristiche storiche, ampelologiche, agronomiche, ambientali produttive ed economiche della vitivinicoltura valdostana.

La tipicità dei vini è stata quindi identificata come la chiave del successo di una Regione che fin dal 1985, per prima in Italia, ha scelto di dotarsi di una doc regionale e di non avere IGT; oggi, la Valle d’Aosta produce circa due milioni di bottiglie (68% cooperative, 32% encaveurs) su 230 ettari vitati; ma soprattutto i vitivinicoltori valdostani sono consapevoli di svolgere una funzione di salvaguardia del territorio e del paesaggio e di recupero di aree marginali. I fattori che rendono eroica la viticoltura di montagna, possono essere trasformati in altrettante opportunità di sviluppo e di successo, grazie all’attenzione che il consumatore è indotto a rivolgere a questi vini così ricchi di originalità e di specificità.

L’Accademico Giorgio Vola, ha infine presentato il volume della Storia regionale della vite e del vino in Italia dedicato alla Valle d’Aosta, che affronta tutti gli aspetti dell’originalità della vitivinicoltura valdostana, illustrando in modo approfondito il patrimonio storico, culturale, tecnico e produttivo della vite e del vino in questa regione.


Per informazioni:
Accademia Italiana Vite e del Vino
Benedetta Catanese
Tel: 0248013658
E-mail: benedetta.catanese@studiovizioli.it


Fonte news: Accademia Italiana Vite e del Vino

Letto 4854 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Redazione di TigullioVino.it

Redazione di TigullioVino.it

 Sito web
 e-mail

Nell'arco di molti anni di lavoro, da piccolo progetto amatoriale TigullioVino.it si è trasformato in una vera e propria testa web sul mondo...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti