Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 208

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 214
La struttura dell'acino parte prima: l'epicarpo, di Marco Quaini

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Enologia e Viticoltura

Enologia e Viticoltura

La struttura dell'acino parte prima: l'epicarpo

di Marco Quaini

La prerogativa fondamentale per produrre un vino di qualità, è quella di impiegare delle uve sane e con caratteristiche pregevoli. Quali sono pertanto i componenti che rendono "nobile" un vino? e soprattutto in quali punti del frutto sono collocati? Per comprendere meglio questi importanti aspetti morfologici, è necessario analizzare la struttura dell'acino.

L'acino si può suddividere in tre macro strutture: EPICARPO, MESOCARPO, ENDOCARPO.

L'EPICARPO: è la parte più esterna dell'acino costituito dalla buccia, la quale è ricca di pectine, cellulosa, sostanze aromatiche, ma soprattutto di polifenoli.
I polifenoli presenti nelle bucce sono principalmente costituiti da flavonoidi, che a loro volta si suddividono in FLAVONOLI, ANTOCIANIDOLI, e FLAVANI.
I flavonoli sono pigmenti di colore giallo chiaro che danno colorazione alle uve bianche, nella forma legata a zuccheri danno origine ai flavoni.

Gli antocianidoli (cianidolo, peonidolo, delfinidolo, petunidolo, malvidolo) sono pigmenti di colore rosso violaceo, e sono responsabili della colorazione delle uve a bacca rossa. Il colore degli antocianidoli varia in dipendenza del pH (rosso-blu a pH acido e blu-verde a pH alcalino), il che spiega le diverse tonalità di colore del mosto e del vino. Nella forma legata a zuccheri danno origine agli antociani. Quest'ultimi sono situati nei vacuoli delle cellule dell'epicarpo, e più precisamente nell'ipoderma, ovvero la parte più interna della buccia.

I Flavani sono suddivisibili in catechine monomere e proantocianidine (polimeri di catechine = tannini). Si possono pertanto trovare flavani nella forma libera o nella forma polimerizzata a formare tannini ovvero quelle sostanze responsabili dell'astringenza gustativa presente in diversi vini rossi.
Alcuni tannini inoltre col passare del tempo tendono a cambiare colore (tendono al rosso-arancio), determinando il caratteristico colore dei vini rossi molto invecchiati.
I tannini si trovano principalmente nelle cellule dell'epidermide, e pertanto nella parte più esterna della buccia. Questa collocazione è dovuta al fatto che i tannini con il loro sapore astringente riescono ad evitare l'attacco del frutto da parte di numerosi insetti; ne risulta pertanto un'abile arma di difesa per la vite.
Nei vacuoli delle cellule della buccia possono essere presenti anche polifenoli non-flavonoidi, presenti come acidi fenolici, i quali si possono riscontrare sensorialmente nel vino in quanto hanno un caratteristico gusto amaro.

Le principali sostanze aromatiche presenti nell'epicarpo dell'acino sono: i composti terpenici, i derivati C - 13 norisoprenoidi, e le metossipirazine.
I composti terpenici costituiscono una grande famiglia in cui particolarmente importanti sono gli alcoli (linalolo, geraniolo, nerolo, ecc.) Sono gli aromi tipici delle cosiddette uve aromatiche (Moscato e Brachetto), ma sono presenti anche in varietà a sapore semplice come il Sauvignon e Sirah. Nel vitigno nebbiolo è presente il geraniolo in forma glicosilata, ovvero legato ad un gruppo glucosidico.
I C-13 norisoprenoidi presenti principalmente nella buccia, si sviluppano in misura significativa nel periodo che va dall'invaiatura alla maturazione completa.

Tra questi composti sono da sottolineare il -ionone dal caratteristico odore di violetta, e il TDN che esprime odore di kerosene, quell'aroma caratteristico del vino Rieslig (renano) dopo un periodo più o meno lungo di affinamento in bottiglia. Le metossipirazine derivano dal metabolismo degli acidi aminici, e sono presenti soprattutto nel Sauvignon, nel Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e Merlot, dove conferiscono al vino il caratteristico odore di peperone verde, e di asparago.

Infine le pectine sono delle sostanze in grado di "cementare" le cellule vegetali, e pertanto di conferire struttura all'acino. E' preferibile che nelle varietà di uva da vino il loro tenore sia limitato, in quanto possono dar luogo a precipitazioni ed intorbidamenti, e soprattutto se in presenza di enzimi pectolitici possono liberare alcol metilico in fase di fermentazione.

Letto 19522 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Marco Quaini

Marco Quaini


 e-mail

Nasce a Genova il 16 ottobre 1975. Inizia il suo percorso nel mondo del vino negli anni '90 iscrivendosi ai corsi sommelier AIS. Affascinato...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti