Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Vocacibario

Vocacibario

Anteprima Vino Nobile di Montepulciano 2008, il report

di Virgilio Pronzati

MappaArticolo georeferenziato

Piazza Grande di Montepulciano, cuore della cittadina e tra le piazze storiche più ammirate nel mondo, per cinque giorni, dal 17 al 21 febbraio di quest'anno, è stata teatro della manifestazione più importante legata al Vino nobile di Montepulciano, prodotto di maggior pregio del territorio comunale, le cui origini risalgono al 1350. L'iniziativa ideata e promossa dal Consorzio di tutela del vino omonimo, costituito nel 1965, si è tenuta nella grande tensostruttura (700 mq), montata nell'occasione proprio al centro della piazza, dove 34 aziende partecipanti all'iniziativa, hanno presentato ai 150 giornalisti venuti da vari Paesi del mondo, i loro Vino Nobile di Montepulciano delle annate 2005 e 2004 Riserva, l'anteprima del 2007 del divenire Nobile di Montepulciano ed altri vini aziendali. Dopo la Doc nel 1966, il Vino Nobile di Montepulciano ottenne la Docg il 1 luglio del 1980. Un importante riconoscimento avuto a pari merito con Barolo e Barbaresco, ma con una particolarità: il Vino Nobile di Montepulciano è stata la prima Docg ad essere immessa in commercio con le prime fascette statali. Infatti, il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano custodisce ancor oggi la serie dalla n° 1 alla n° 50.

Cinque Stelle al 2007

Nella mattina del 21 febbraio, prima della degustazione comparata di varie annate di Vino Nobile di Montepulciano, ci sono stati gli interventi del sindaco di Montepulciano Massimo Della Giovanpaola, seguito dal Presidente del Consorzio del Nobile Luca Gattavecchi che, dopo avere presentato l'evento, assieme, hanno annunciato le meritate Cinque Stelle alla vendemmia 2007. A questo punto la parola è passata agli enologi. Lorenzo Landi, enologo di vaglia, ha descritto compiutamente l'iter del vino, cioè il controllo dell'acino, tutte le fasi della vendemmia, l'analisi del mosto e la vinificazione, dando giudizi estremamente positivi sul vino nuovo. Mentre l'enologo francese Christophe Ollivier, durante l'attenta degustazione fatta su tre campioni di Nobile 2007, esprimeva un convinto e lusinghiero giudizio. Anche negli assaggi effettuati dai vari produttori, si aveva la stessa opinione.

I Vini

La degustazione (palese o anonima) comprendeva 64 Vino Nobile di Montepulciano delle seguenti annate: 2005 con trentanove vini, di cui sei "Selezione", 2004 con ventuno vini di cui cinque "Selezione" e sedici Riserva, 2003 con tre vini di cui uno "Selezione" e due Riserva, 2001 con un vino "Selezione". Iniziando con l'annata 2005 (medio-buona) 21 campioni di buon livello qualitativo di cui 2 Selezione, 12 sul medio-buono, 6 discreti. Gran parte di questi vini, marcavano un po' troppo il legno. Al naso oltre il boisé, note fruttato-speziate e di tabacco. Meglio con l'annata 2004: dei 5 Selezione, 2 sul buono, 1 sul medio, 1 discreto. Mentre dei sedici Riserva, 6 ottimi, 4 buoni, 4 medio-buoni, 2 discreti. Tranne due, i 2004 si possono considerare di buon'armonia: intensi e persistenti, fini e compositi al naso, sufficientemente freschi, sapidi, alcuni un po' troppo astringenti, di buon corpo e continuità. L'annata 2003, sebbene notoriamente calda e siccitosa, ha espresso vini dal bouquet intenso e persistente, composito (frutti e spezie), secchi ma abbastanza morbidi, caldi, pieni e continui. Quindi sicuramente sull'ottimo. L'unico del 2001, sul buono: abbastanza intenso al naso, con note fruttato-speziate, ma con deciso boisé. Di buona struttura e continuità. In generale, vini di buon livello, caratterizzati da un esclusivo terroir: un compendio pedoclimatico abbastanza omogeneo.


Bellucci e Pronzati con una produttrice di Vino Nobile di Montepulciano.

Assaggi e cene dai produttori

Nel pomeriggio, i numerosi giornalisti divisi in piccoli gruppi, visitavano le 34 aziende associate, continuando gli assaggi su altre annate di Vino Nobile di Montepulciano, di Rosso di Montepulciano e di Vin Santo di Montepulciano, terminando l'interessante percorso enologico, ospiti alle tavole dei produttori. Nel nostro caso, le aziende visitate sono state nell'ordine, Le Berle, Poliziano ed Avignonesi. Nella prima, di piccole dimensioni ma razionalmente attrezzata, ne abbiamo constatato la buona qualità dei vini e degli oli extravergini. Passando alla seconda, benché di grande dimensione, si è notato la stessa cura adottata nelle piccole aziende. L'assaggio di 4 vini (Nobile, Nobile Riserva, ed altri da vitigni bordolesi), ci ha confermato la meritata fama che godono, portando nel mondo l'immagine di Montepulciano. La terza e ultima tappa, da Avignonesi, Fattoria Le Capezzine. Ad accoglierci, il Presidente e proprietario dell'azienda Alberto Falvo e l'enologo Paolo Trappolini. Quest'ultimo, guidandoci nei vari reparti della cantina, ci forniva una gran quantità di notizie storiche sull'azienda, i vitigni impiantati nella fattoria, le tipologie dei vini e le tecniche per ottenerli. A tavola, assieme a dei colleghi stranieri, ad accompagnare le varie golosità tipiche del territorio (salumi, primi e secondi piatti, formaggi), vini di gran pregio, in particolare uno straodinario Vino Nobile di Montepulciano Grandi annate 1997 e, un superbo, ormai famoso quanto raro, Vin Santo 2000 salito ai vertici di Wine Spectator.

Cena di Benvenuto

Il giorno prima, la sera del 20, i numerosi giornalisti accreditati, dopo la sistemazione nei rispettivi alberghi, sono stati deliziati da una raffinata cena nel fastoso ristorante del Grand Hotel Ambasciatori di Cianciano Terme. Una lunga e golosa sequenza di piatti tipici, sposata ad una altrettanto ricca carta dei vini: 64 etichette diverse che spaziavano dai 12 Rosso di Montepulciano 2006 ai 32 Vino Nobile di Montepulciano (23 del 2004, 5 del 2003, 1 del 2002, 1 del 2001 e 2 del 1999), ai 13 Vino Nobile di Montepulciano Riserva (6 del 2003 e 7 del 2001) ai Vin Santo di Montepulciano di 4 annate diverse. Prima di cenare, il saluto del sindaco locale e, del Presidente del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, Luca Gattavecchi.

Eventi collaterali

Per il 3° week end di febbraio, la Strada del Vino Nobile ha promosso per operatori e turisti, dei pacchetti d'accoglienza comprendenti: pernottamenti, visite guidate d'aziende e cantine, e menu degustazione. Inoltre, sulla stesso tema, in collaborazione con i commercianti di Montepulciano, Confcommercio e Confesercenti, è stato ripetuto il Concorso delle più belle vetrine. Infine, nello stesso periodo, i ristoratori aderenti al programma "Menu dell'Anteprima", hanno proposto i loro piatti abbinati con un calice gratuito di Nobile, mentre l'Enoteca del Consorzio, ha offerto in degustazione centinaia di Nobile 2005.

Ospitalità

All'altezza della manifestazione, cioè accogliente e curata. Sistemazione alberghiera ottimale, trasporti in comodi bus navette e buon pranzo nell'intervallo nella giornata d'assaggi. Lo stesso da parte del personale del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, in particolare del signor Giacomo Bai. Utile e quanto mai gradito l'accesso ad Internet in sala stampa.

Sponsor

Oltre lo stesso Consorzio: Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Regione Toscana, Provincia di Siena, Comune di Montepulciano, Toscana Promozione, Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Siena, APT Cianciano Terme e Valdichiana, Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte di Montepulciano. Collaboratori: Coldiretti Siena, Confederazione Artigianato Siena, Confederazione Italiana Agricoltori Siena, Confcommercio, Confesercenti Siena, Unione Agricoltori Siena.

Trend produttivo ed export

Il 2007 è stato l'anno dei record sia per il Nobile che per il Rosso di Montepulciano. Vino Nobile di Montepulciano: Fascette = bottiglie: 8.008.027 + 36,4% rispetto al 2006; Rosso di Montepulciano : Fascette = bottiglie: 3.199.493 + 63,2% rispetto al 2006.
L'export del Vino Nobile di Montepulciano si attesta sul 60%, di cui in gran parte, venduto in Germania, Svizzera e Austria. In crescita le quote destinate in Gran Bretagna ed altri Paesi nordici, come pure gli USA (circa il 12%). In crescita del 6% anche tra i mercati emergenti come Canada, Giappone ed India.


Anteprima Nobile: da sinistra il Presidente del Consorzio del Nobile di Montepuilciano Luca Gattavecchi, il sindaco di Montepulciano Massimo Della Giovanpaola e gli enologi Lorenzo Landi e Christophe Ollivier.


Dati sul Vino Nobile di Montepulciano e del Rosso Doc
(Fonte: Consorzio del Vino Nobile di Montepuciano)

Estensione dell'intero territorio: circa 16.500 ettari. Estensione complessiva dei vigneti: 1.963 ettari (di cui circa 400 di Chianti Colli Senesi). Numero di imbottigliatori: 80 di cui 66 soci consortili. Vigneti iscritti all'Albo del Vino Nobile di Montepulciano (al 31/12/2006): 1.207 ettari (61% del totale). Produzione 2006: 55.558 ettolitri. Fascette sostitutive dei contrassegni di Stato rilasciate nel 2007 per il Vino Nobile di Montepulciano Docg: 8.008.027. Vigneti iscritti all'Albo del Rosso di Montepulciano Doc (al 31/12/2006): 350 ettari (17% del totale). Produzione 2006: 16.107 ettolitri. Fascette sostitutive dei contrassegni di Stato rilasciate nel 2007 per il Rosso di Montepulciano Doc: 3.169.493.

I Produttori presenti

*Avignonesi,*Bindella, Boscarelli, Canneto, Carpineto, Casa Vinicola Triacca, *Casale Daviddi, Contucci, *Dei, Fassati, *Fattoria del Cerro, *Godiolo, Icario, *Il Conventino, La Braccesca, La Calonica, La Ciarliana, Le Bèrne, *Le Casalte, Lodola Nuova, Lunadoro, *Nottola, *Poggio alla Sala, *Poliziano, Salcheto, Talosa, *Tenimenti Angelini, Tenuta di Gracciano della Seta, Tenuto di Poggio Uliveto, Tenuta Il Faggeto, Tenuta Valdipiatta, Torcalvano Gracciano, *Vecchia Cantina e *Villa Sant'Anna.

*Aziende che producono anche il Vin Santo di Montepulciano Doc.

Letto 6692 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Virgilio Pronzati

Virgilio Pronzati


 e-mail

Virgilio Pronzati, giornalista specializzato in enogastronomia e già docente della stessa materia in diversi Istituti Professionali di Stato...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti