Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > News > Marketing

Accordo tra Intesa Sanpaolo e Vignaioli Piemontesi

di Redazione di TigullioVino.it

MappaArticolo georeferenziato

Si è svolto oggi presso la sede di Vignaioli Piemontesi a Castagnito (CN), l’incontro di presentazione dei contenuti dell’Accordo tra Intesa Sanpaolo e Vignaioli Piemontesi, siglato il 20 maggio u.s. L’accordo è stato realizzato grazie alla creazione di un canale diretto tra azienda e banca attraverso il supporto di Agriventure, la società del Gruppo Intesa Sanpaolo dedicata al settore agroalimentare, agroindustriale e agro energetico, che offre consulenza specialistica per rispondere alle esigenze degli operatori delle singole filiere.

“La nuova partnership punta a sostenere le imprese vitivinicole associate – ha dichiarato Pierluigi Monceri, Direttore dell’Area Liguria e Piemonte Sud di Intesa Sanpaolo - garantendo la continuità del credito, la liquidità necessaria per la gestione ordinaria e soluzioni di investimento a favore dello sviluppo produttivo, promuovendo i progetti imprenditoriali più innovativi per la filiera e migliorando le condizioni complessive di accesso al credito.

La filiera vitivinicola piemontese è una realtà di grande interesse: in Piemonte si produce circa il 6% del vino italiano, con un occhio di riguardo alla tipicità dei prodotti ed alla qualità e nel 2009 sono stati prodotti quasi 2,7 milioni di ettolitri di vino. Vignaioli Piemontesi è la più grande Organizzazione di Produttori vitivinicola d'Italia, riunisce ad oggi 44 Cantine Sociali (Cooperative) e oltre 7.000 aziende, per lo più viticole, del Piemonte e rappresenta, con 950.000 ettolitri/anno, circa il 30% della produzione regionale di vino, concentrata principalmente nelle province di Asti, Alessandria e Cuneo.

L’incontro odierno ha consentito di presentare i contenuti dell’Accordo ai Soci e far conoscere gli strumenti bancari più innovativi per competere nel mercato italiano e internazionale della vitivinicoltura di qualità al fine di raggiungere un obiettivo comune: la crescita del territorio attraverso la valorizzazione della qualità.

“Vignaioli Piemontesi - ha detto il Presidente, Giulio Porzio – ha sempre cercato di adoperarsi per rendere più agevole l’accesso al credito, migliorando le relazioni fra imprenditori vitivinicoli e istituti bancari. Oggi, con questo accordo, il settore e in particolare la galassia delle aziende associate alla nostra Organizzazione può contare su un sostegno diretto ed un servizio di consulenza privilegiato”. “In questo contesto – ha concluso il Direttore, Gianluigi Biestro - Agriventure rappresenta uno strumento nuovo e dinamico che fornisce una vigorosa risposta alle necessità della Filiera e può dare ottimi risultati grazie all’accordo con Intesa Sanpaolo”.

“Oggi in Piemonte, la Filiera Vino vive oggettivamente un momento di difficoltà, ma è in situazioni come queste che la capacità di fare sistema diventa strategica, rafforzando la competitività di un settore fondamentale per l’economia della Regione e che da anni contribuisce in modo significativo all’affermazione del made in Italy nel mondo, ricevendo prestigiosi riconoscimenti in ambito internazionale”, commenta Adriano Maestri, Responsabile della Direzione Regionale Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria di Intesa Sanpaolo.

Nell’ambito dell’accordo sono state individuate le seguenti aree di intervento e i relativi strumenti.

SVILUPPO PRODUTTIVO
Si tratta di interventi di sostegno finanziario per:
- l’innovazione in vigneto, con investimenti riconducibili ad ammodernamento, riconversione colturale e riqualifica della Filiera produttiva (es.impianti/reimpianti/sovrainnesti di varietà autoctone/alloctone);
- impianti fissi, quali ad es. linee di imbottigliamento, impianti di raffreddamento, separazione, estrazione e filtratura.
- opere di miglioramento, quali ad es. riqualifica sesti produttivi, acquisto, costruzione e ristrutturazione di immobili quali magazzini, cantine...

CAPITALE CIRCOLANTE
L’obiettivo è proporre finanziamenti che consentano alle imprese vitivinicole di fare fronte alle spese di gestione aziendale in genere e/o anticipi a fronte dei conferimenti dei prodotti da parte dei soci di cooperative e/o a esigenze di liquidità a fronte di criticità di cassa e ritardi nei tempi di incasso, attraverso prestiti agrari di gestione, sconti di cambiale agraria, aperture di credito, anticipi ordini/contratti.


Fonte news: Studio Montaldo snc

Letto 4962 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Redazione di TigullioVino.it

Redazione di TigullioVino.it

 Sito web
 e-mail

Nell'arco di molti anni di lavoro, da piccolo progetto amatoriale TigullioVino.it si è trasformato in una vera e propria testa web sul mondo...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area marketing

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti