Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 208

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 214
Planococcus ficus, di Anna Zorloni

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Malattie della Vite

Malattie della Vite

Planococcus ficus

di Anna Zorloni

Planococcus ficus Signoret è un rincote omottero, appartenente alla sezione dei Lecanoidi, famiglia Pseudococcidae, subfamiglia Pseudococcinae, specie Planococcus.
La forma femminile ha il corpo ovale (lungo circa 3mm), ricoperto di cera di colore giallo chiaro, con linee trasversali evidenti. Ai margini del corpo presenta 18 paia di corti raggi cerosi (l’assenza di lunghi filamenti cerosi lo distingue dalle altre specie di pseudococcidi).
La forma maschile, meno diffusa di quella femminile, è dotata di ali.
E’ polifago, predilige la vite, ma vive anche su fico, dattero, palma, agrumi, melo, avocado.
Su vite lo si ritrova su foglie, tralci, fusto e anche nella zona del colletto e sulle radici (a differenza di altri pseudococcidi).
Viene facilmente trasportato e diffuso dalle formiche. Si riproduce velocemente e in notevole quantità. Per tutti questi motivi è il più dannoso e difficilmente controllabile tra tutti gli pseudococcidi che infestano la vite.
Planococcus ficus compie più generazioni all’anno (tre o più all’anno in base all’area climatica). Sverna come femmina ovificante protetta al di sotto della corteccia dei tralci e del tronco. Alla ripresa vegetativa, le forme giovanili si spostano sulle giovani foglie. Le generazioni successive invadono progressivamente chioma e grappoli.
P. ficus produce una notevole quantità di melata zuccherina sulla quale crescono e si sviluppano funghi nerastri (fumaggine) che imbrattano la vegetazione riducendo l’efficienza fotosintetica, quindi indebolendo la pianta.
E’ vettore dei virus GLRaV-3 (Grapevine Leafroll associated Virus 3), GVA e GVB (Grapevine Virus A e B), responsabili rispettivamente di Accartocciamento fogliare e Legnoriccio, gravi e diffuse virosi della vite, che portano a diminuzione della qualità e quantità di produzione.

Letto 11464 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Anna Zorloni

Anna Zorloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti