Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > News > Vino

Il Consorzio Chianti Rùfina chiede per il prossimo anno di cambiare le date della prossima edizione di Vinitaly

di Redazione di TigullioVino.it

MappaArticolo georeferenziato

E’ di qualche giorno fa la richiesta, presentata a Veronafiere, da parte del Consorzio Chianti Rufina di cambiamento di date per la 45° edizione di Vinitaly, uno degli appuntamenti di maggior rilievo di fama internazionale che si svolge nella città scaligera durante la primavera. La comunicazione arriva dal direttivo del Consorzio: Giovanni Busi in rappresentanza dell’omonimo Consorzio in qualità di Presidente e al contempo titolare della Fattoria Travignoli, dichiara che con questa lettera il Consorzio vuol essere il rappresentante, l’ambasciatore delle tante e pressanti istanze che stanno pervenendo in questi giorni da parte degli stessi associati ma anche da altre realtà partecipanti alla manifestazione vinicola quali giornalisti, trade, ecc.

Nello specifico, dichiara Busi: “Ci viene richiesto di esaminare la disponibilità a variare il giorno di inizio e di fine della fiera dagli usuali giovedì e lunedì ad una più congeniale dislocazione delle giornate, con inizio fiera la domenica e giorno di chiusura il giovedì. Questa nuova disposizione delle giornate porterebbe, a nostro parere, ad una maggiore e più incisiva presenza degli operatori esteri, i quali si troverebbero ad avere una giornata infrasettimanale in più per visitare gli stand senza incappare nella solita ressa che si registra nei giorni di sabato e domenica, e quindi, offrire loro anche la possibilità di poter estendere il soggiorno, per turismo, a Verona o nelle zone limitrofe anche durante il fine settimana, con evidenti ricadute positive sull’economia veronese.

Infine, sarebbe comunque mantenuta la giornata del lunedì, che da sempre è e deve restare appannaggio di ristoratori ed enotecari. Quest’operazione quindi dovrebbe certamente giovare a tutte le categorie qui sopra citate e, al contempo, crediamo non possa causare ripercussioni negative nei confronti del pubblico di appassionati e di operatori di settore che animano la fiera in quei giorni”. Conclude Busi: “ Ora si spera che, dato il rilievo di questo evento, Veronfiere possa prendere in considerazione le nostre richieste creando così nuove e stimolanti sinergie per tutto il settore vitivinicolo”.


Fonte news: Consorzio Chianti Rùfina

Letto 4498 voltePermalink[1] commenti

1 Commenti

Inserito da Maurizio Masi

il 14 maggio 2010 alle 23:46
#1
La posizione del presidente rispecchia quella di tutto il consiglio e di tutti i soci che ormai da molti anni sperano che l'ente Fiera di Verona possa accettarla.
Un'altra opinione molto diffusa fra i soci è che sarebbe preferibile che il Vinitaly avesse cadenza biennale: richiesta che tuttavia siamo consapevoli difficilmente potrà essere accettata per motivi puramente economici.
Per chi è interessato abbiamo espresso il nostro punto di vista anche sul nostro blog:
http://bellinicantine.blogspot.com/2010/04/vinitaly-2010-seconda-parte-second-part_16.html

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Redazione di TigullioVino.it

Redazione di TigullioVino.it

 Sito web
 e-mail

Nell'arco di molti anni di lavoro, da piccolo progetto amatoriale TigullioVino.it si è trasformato in una vera e propria testa web sul mondo...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti