Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Vino in garage

Vino in garage

Femminelle, succhioni, cacchi: ma non è roba hard

di Luca Risso

MappaArticolo georeferenziato

Dalla vite potata e pronta per la produzione della nuova annata possono nascere diversi tipi di germoglio.

Polloni
Si tratta di germogli che nascono alla base della pianta al di sotto del punto di innesto, e pertanto hanno una natura del tutto differente e nel caso fossero lasciati liberi di fruttificare produrrebbero grappoli di Vitis non Vinifera e quindi inutilizzabili. I polloni devono essere sempre eliminati con un’operazione detta spollonatura.

Succhioni
Sono germogli di Vitis Vinifera spesso molto vigorosi che nascono su legno più vecchio di un anno, di solito sulla sommità del tronco (corona) nel caso di vite allevata a Guyot. I succhioni nascono da un particolare tipo di gemma detto latente, e nel caso di vitigni particolarmente fertili possono produrre grappoli. Siccome però questi ultimi rappresentano un esubero di produzione rispetto a quanto impostato attraverso la potatura, di solito i succhioni vengono eliminati. Io personalmente ne lascio sempre un paio in quanto possono essere utili per avere un soprannumero di tralci da scegliere per rinnovare il capo a frutto (o lo sperone) in fase di potatura. Normalmente anche i succhioni vengono chiamati polloni e la loro eliminazione fa parte della spollonatura.

Cacchi
I cacchi sono i tralci propriamente detti, quelli che nascono dalle gemme del capo a frutto e destinati a produrre l’uva. A volte il termine cacchio viene usato per definire un tralcio che non ha prodotto grappoli (sterile), cosa sempre possibile e dipendente dalla fertilità del vitigno/clone. In questo caso essi possono essere eliminati attraverso la scacchiatura.

Femminelle
Le femminelle sono germogli che nascono dalle gemme pronte dei tralci dell'anno, cioè dai cacchi. Il germogliamento delle femminelle dipende molto dal tipo di vitigno e può essere stimolato dalle operazioni di cimatura che tagliano la punta dei tralci principali. Le femminelle possono produrre grappoli che però maturano  tardivamente rispetto ai grappoli normali, e chiamati racemi. La vendemmia tardiva dei racemi in alcune zone come la Puglia è ancora praticata ad esempio sul primitivo.

La gestione di questi diversi germogli fa parte dell'arte del vignaiolo (e del Garagista). Un eccesso di vegetazione favorisce ristagni di umidità e ostacola la penetrazione degli antimicotici (rame e zolfo). Inoltre siccome ogni germoglio che non produce grappoli o che ne produce in eccesso rispetto a quanto prestabilito è inutile e sottrae sostanze nutritive ai grappoli principali, solitamente oltre ai polloni anche i succhioni, i cacchi sterili e le femminelle vengono asportati quando sono ancora teneri. Questa pratica è indispensabile in terreni poco fertili e/o in zone aride, dove tutte le energie devono essere rivolte al grappolo. Tuttavia recentemente il riflusso verso vini un po' meno concentrati e con una acidità un po' più viva sta facendo riconsiderare la gestione della chioma, lasciando qualche tralcio in più anche se improduttivo, anche in funzione ombreggiante nei confronti dei grappoli per proteggerli dalle ustioni solari in zone calde e ben esposte.

Ricordo che c'è ancora un po' di tempo prima che il 9 Maggio scada il termine per la presentazione dei campioni per il Garage Wines Contest; invito quindi tutti gli interessati a comunicare la propria adesione scrivendo alla e-mail in calce, e a spedire per tempo i propri campioni.

Nel frattempo la Commissione di degustazione per la finale di Villa Spinola si è ampliata ed è la seguente:

  • Carolina Luna Gatti (Produttore)
  • Fabrizio Gallino (Appassionato/Blogger)
  • Fiorenzo Sartore (Enotecaro/blogger)
  • Franco Solari (Ristoratore)
  • Jacopo Cossater (Appassionato/Blogger)
  • Ivano De Nevi (Produttore)
  • Luca Ferraro (Produttore)
  • Luigi Belucci (Assaggiatore CCIAA)
  • Paolo Ghislandi (Produttore)
  • Riccardo Francalancia (Enologo)

Ricordiamo che per partecipare alla cena è necessario prenotarsi online da qui:
http://vinixunplugged.eventbrite.com


Per maggiori informazioni:
Garage Wines Contest
Responabile organizzazione: Filippo Ronco e Luca Risso
Web : http://www.terroirvino.it
E-mail : gwc@tigulliovino.it
Cel. +39 347 2119450 Fax +39 06 233 220 684
Skype: filippo.ronco
Twitter: http://twitter.com/filipporonco (Tags: #terroirvino, #vuu, #gwc, #bwd)

Letto 31797 voltePermalink[10] commenti

10 Commenti

Inserito da Massimo Scanferla

il 27 aprile 2010 alle 11:51
#1
Chiarissimo e preciso come tutti gli altri articoli. Ciao, Massimo

Inserito da Paolo Carlo Ghislandi

il 03 maggio 2010 alle 09:54
#2
A leggerti mi fai venire voglia di tornare ad essere Garagista :-)))

Approfitto per confermarti la mia partecipazione nella commissione, " non me la perderei per niente al mondo " ..

A presto !

Paolo

Inserito da Luca Risso

il 03 maggio 2010 alle 09:59
#3
@Paolo

ma va a spollonare!
:-)

Vedrai che ci saranno cose interessanti per la commissione.

Luk

Inserito da Paolo Carlo Ghislandi

il 03 maggio 2010 alle 11:19
#4
:-))))

Inserito da Andrea D'Ascanio

il 08 maggio 2013 alle 11:21
#5
Quindi...

1: via tutto quello che parte dal "tronco" (i polloni)
2: via tutto o quasi, quello che parte dal vecchio legno (i succhioni)
3: femminelle... da definire

I cacchi venuti fuori dal capo a frutto restano tutti? es: quelli rivolti verso il basso come vanno gestiti?

vedi img. https://dl.dropboxusercontent.com/u/97198949/2013-05-08%2007.00.08.jpg

P.S: ho ramato questa mattina alle 6:30 e adesso........ stà piovendo!!!

NONCELAFACCIOPIU'.......

Inserito da Luca Risso

il 08 maggio 2013 alle 14:31
#6
Ciao Andrea, andiamo in ordine:
1) Polloni via tutti
2) Succhioni: in teoria andrebbero tolti. Io uno/due li tengo (potatura a Guyot) per avere un eventuale sperone di riserva nel caso non parta la gemma basale dello sperone attuale, oppure un capo a frutto in più nel caso mi si rompa in piegatura quello "ufficiale". Forse sbaglio qualche cosa...
3) No, se nascono due tralci da una gemma, uno va tolto. Un tralcio senza grappoli (possibile) è meglio toglierlo. I tralci rivolti verso il basso si possono rialzare.

4) In questi casi si comprende perché la maggior parte dei viticoltori utilizza prodotti sistemici, che entrando nel circolo della pianta non vengono dilavati e danno una copertura certa per un numero preciso di giorni.

Luk

Inserito da Luca Risso

il 08 maggio 2013 alle 14:32
#7
PS Quello della foto è uno sperone a tre gemme in che tipo di potatura?

Luk

Inserito da Andrea D'Ascanio

il 08 maggio 2013 alle 15:15
#8
Bella domanda..., non ho idea di come si chiami... in zona, è abbastanza usuale, soprattutto nel caso di vigneti vecchiotti e/o avviati da vecchietti

cmq è questa https://dl.dropboxusercontent.com/u/97198949/2013-03-16%2011.36.31.jpg

Vecchie vigne (mediamente) come da foto (non sono rare anche versioni a 4 ""rami"" su due livelli)

vigneti di età compresa fra 10 e 30 anni prevalentemente a tendone o (pergola Abruzzese)

Vigneti recenti cordone speronato, il guyot da queste parti è merce rara!

Inserito da Luca Risso

il 08 maggio 2013 alle 15:26
#9
Sembra un cordone speronato a "modo mio".

Per la teoria, chi meglio di Murizio Gily?

http://www.youtube.com/watch?v=ZMqrlsJ3Bhk

Luk

Inserito da Andrea D'Ascanio

il 08 maggio 2013 alle 15:38
#10
In effetti si!

grazie Luca, sempre pieno di risorse!

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Luca Risso

Luca Risso

 Sito web
 e-mail

Il mio interesse per il vino è cosa relativamente recente. Risalgono a ottobre 2001 i miei primi due post per chiedere informazioni sul...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti