Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino

Botti e Barrique nel mondo

di Sergio Ronchi

Quando si parla di barriques normalmente si intende parlare di piccole botti di legno da 225 litri; ma non sempre è così.

Tanto per capire meglio bisogna innanzitutto fare una suddivisione in base al tipo di legno utilizzato e alla tostatura che viene data. La scelta della barrique infatti inciderà non poco sulla buona riuscita di un vino e al suo perfetto affinamento e iinvcecchiamento in quanto la barique rilascerà col tempo alcune sostanze che andranno ad unirsi al vino stesso riuscendo in alcuni casi ad arrotondare le spigolature o i tannini troppo invadenti e ad ammorbidire quindi il vino, in altri casi a cedere alcuni aromi e permettere al vino di evolvere in modo più corretto dando una vita più lunga al vino stesso.
Utilizzare barriques piuttosto che botti grandi permette una maggiore ossigenazione del vino e una maggiore cessione dei componenti del legno.

Per quanto riguarda il legno utilizzato, è quasi sempre rovere ma di diversa tipologia, infatti in Francia è la Quercus Petraea, in America la Quercus Alba mentre in Spagna la Quercus Pyrenaica. Anche in Italia si utilizza la Quercus Petraea.
I legni più pregiati provengono tutta dai boschi francesi, da Tronçais nella zona di Allier nell’Alvernia, Francia centrale, tra il Massiccio Centrale e la valle della Loira; da Nevers in Borgogna, dall’Aquitania (la regione di Bordeaux), dal Limosino (nella Francia centrale con capoluogo Limoges) e dai Vosgi (la Lorena con capoluogo Epinal).

Altro fattore importante è la tostatura del legno che viene fatta normalmente al momento dell’assemblaggio della barrique. Sono 4 i livelli di tostatura possibile e cioé:
Leggera, Media, Media+, Intensa.
Le tostature “leggera” e “media” aiutano in modo diverso a sviluppare i profumi secondari (fiori e frutta matura, vaniglia); la tostatura “media+” è utile per sviluppare profumi secondari e terziari (tostato e speziatura); la tostatura “intensa” aiuta lo sviluppo di profumi terziari (caffè, cioccolato, cuoio, ecc..).

In determinate aree si possono trovare anche botti o barrique con dimensioni diverse da quelle standard, ecco quali sono.
Francia:
Alsazia Aume 114 litri
Foudre 1.000 litri
Beaujolais Pièces 216 litri
Bordeaux Barrique 225 litri
Demi-barrique 125 litri
Tonneaux 900 litri
Borgogna Pièces 228 litri
Chablis Feuillette 132 litri
Chateneuf-du-Pape Demi-Muid 600 litri
Maconnais Pièces 215 litri
Mosella Foudre (o Fuder) 1.000 litri
Rhone Pièces 225 litri
Cognac Standard 350 litri
Armagnac Standard 272,6 litri

Germania:
Reno Ohm 150 litri
Doppelohm 300 litri
Viertelstuck 300 litri
Halbstuck 600 litri
Stuck 1.200 litri
Dopplestuck 2.400 litri

Spagna:
Xeres Octove 61,4 litri
Sobretablas 550 litri
Bota 650 litri

Portogallo:
Porto Pipe 550 litri per interno
Pipe 534 litri per l’esportazione
Madera Standard 418 litri

Italia:
Vin Santo Caratelli 225 litri
Marsala Standard 422 litri

Ungheria:
Tokaji Tonellak 30 litri
Antalagok 75 litri
Gonci Hordok 136 litri
Szerednej 200 litri
Nagyobbmeretu 228 litri

Australia Hogshead 295,3 litri
Australia Puncheons 500 litri
Nuova Zelanda Puncheons 500 litri


[Foto credit: Bottigamba.com]

Letto 9183 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Sergio Ronchi

Sergio Ronchi

 Sito web
 e-mail

Appassionato di vino da molto tempo, ho organizzato vari eventi di presentazione prodotti utilizzando varie location a Milano, Padova, Bergamo,...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti