Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Vini a confronto

Vini a confronto

Zone vinicole e vitigni a confronto a "Sicilia en Primeur" 2010

di Luigi Salvo

MappaArticolo georeferenziato

Edizione speciale di “Vini a Confronto” in occasione di Sicilia en Primeur, manifestazione organizzata da Assovini Sicilia giunta alla 7a edizione, che si è svolta dal 4 al 7 Marzo 2010 a Sciacca nella prestigiosa location del “Rocco Forte Verdura Golf & Spa Resort”. Ho avuto l’opportunità insieme ad un centinaio di colleghi giornalisti provenienti da 25 paesi di tutto il mondo di poter assaggiare dalla vendemmia siciliana ‘09 alla cieca molti più vini rispetto allo scorso anno, ben 57 en primeur, nonché tutte le etichette in uscita o già presenti sul mercato delle 37 aziende partecipanti a questa edizione, per un totale di circa 300 vini diversi. Il consuntivo alla fine dei tasting è che la Sicilia enologica di qualità, si rinnova, applica una continua ricerca in vigna ed in cantina, propone vini nuovi nello spirito e nella concezione, cercando la piacevolezza senza stravolgere le caratteristiche dei vitigni. In generale sia i vini bianchi che i rossi riescono ad esprimere sempre maggiormente il varietale d’origine con freschezza ed eleganza gustativa in crescita mostrando caratteristiche più fini rispetto ai vini iperconcentrati ed iperstrutturati di qualche anno fa.

Dal vitigno autoctono Grillo in purezza mi sono piaciuti in modo particolare il Grillo Aquilae ’09 di Viticultori Associati di Canicattì (Ag), nato dalla mano attenta dell’enologo Tonino Guzzo, ha le caratteristiche varietali espresse in modo ottimale, mostra bella struttura ma nel contempo ottima spalla acida e lunga chiusura di frutta e sensazioni minerali, ed il Grillo '09 di Feudo Disisa (Pa) intenso al naso di note floreali e fruttate di mango ed ananas e piacevole bocca di pienezza e freschezza.
La rinascita qualitativa del Catarratto mostra vini di indubbio valore, vi sono leggere differenze sempre nel segno della qualità tra il Catarratto ‘09 Feudo Montoni del territorio di Cammarata in provincia di Agrigento, intenso al naso di biancospino, pera e pesca bianca, con ritorni agrumati e minerali, e dalla bocca di freschezza e bilanciata sapidità, e lo Shiarà '08 Castellucci Miano del territorio di Valledolmo (Pa), dalle vigne di Catarratto allevate a 900 metri s.l.m. si ricava un vino dalla fresca varietale intensità olfattiva e gustativa e dalla persistente lunghezza. 
Dal vitigno Carricante del comprensorio etneo ho apprezzato l'Etna Bianco DOC ‘09 Cottanera (Ct), pieno di carattere e personalità, dal naso poliedrico di fiori e frutta e dal gusto particolarmente fresco e minerale, ed il classico Etna Bianco DOC ‘08 Bianco di Caselle Benanti (Ct) leggermente più strutturato, dall'olfatto pieno e dalla bocca sapida caratterizzata da ritorni agrumati.

Il Nerello Mascalese riesce a donare vini emozionanti, eleganza e finezza sono le caratteristiche dell’Etna DOC Rosso ‘07 Musmeci Tenuta di Fessina (Ct), dal naso sfaccettato di fiori, frutta rossa e spezie scure e dalla bocca fresca e minerale, mentre l'Etna Rosso DOC '07 Quota 600 Graci (Ct) regala intense note olfattive e sensazioni gustative tra freschezza, frutto e mineralità.
Il vitigno alloctono Syrah è quello che meglio si è adattato al territorio siciliano, da esso si ottengono vini di rilievo, tra questi il DOC Delia Nivolelli Riserva Syrah ‘06 Caruso & Minini (Tp), azienda del territorio marsalese, che esprime complessità olfattiva ed una avvolgente rotondità gustativa risultando particolarmente bello e piacevole e Lusirà  '07 Baglio del Cristo di Campobello (Ag) pieno ed elegante al naso ed in bocca e di lunga persistenza gustativa.
Tra i Nero d’Avola che trasmettono le fresche caratteristiche del vitigno principe siciliano in modo ottimale il DOC Noto ‘08 Marabino, azienda del territorio siracusano, e Lamuri '08 Tasca d'Almerita (Pa), in entrambi ciliegia, marasca e pepe nero emergono in maniera preponderante in un bel finale fresco sapido.


Letto 11602 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Luigi Salvo

Luigi Salvo

 Sito web
 e-mail

Luigi Salvo nasce a Palermo il 16 Gennaio 1964, dopo gli studi scientifici e di medicina, agli inizi degli anni '90 durante il tirocinio in ospedale,...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti