Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Vini dal centro sud

Vini dal centro sud

I vini di Montefredane

di Fabio Cimmino

MappaArticolo georeferenziato

Qualcuno si sarà chiesto dove fosse Montefredane quando Pietracupa fu proclamata, l'anno scorso, cantina emergente dell'anno da una ben nota rivista del settore. In realtà la famiglia Loffredo non è la sola ad operare nel comune di Montefredane. Nel piccolo centro della bassa irpinia, che
conta poco più di duemila abitanti, infatti, si trovano ben tre aziende impegnate sul fronte della produzione vinicola di qualità. Stiamo parlando, principalmente, di Greco e Fiano (ma non solo) oggi riconosciuti con la fascetta verde della Docg. Vini ricchi di profumi, di personalità, di carattere, unici ed inimitabili.

Siamo solo a sette chilometri dal capoluogo irpino di Avellino, sulla riva sinistra del fiume Sabato. L'altitudine varia dai 250 ai 600 metri sul livello del mare. I terreni coltivati a vite ricadono nella Docg Fiano di Avellino e ci si deve spostare nei comuni limitrofi per la produzione di uve greco a denominazione d'origine e dell'aglianico taurasino.
Le altre due aziende che operano sul territorio fredanese insieme alla sopra ricordata Pietracupa sono Vadiaperti della famiglia Troisi e Villa Diamante di Antoine Gaita. La Vadiaperti vinifica quasi esclusivamente uve di propria produzione, coltivate secondo tecniche tradizionali e sistemi integrati di lotta antiparassitaria. Il corpo aziendale è costituito da due nuclei distinti: la Vigna dei Longobardi, in località Montefredane, dove si trovano una parte dei vigneti e la cantina, e la Vigna del Principato, nella zona di Montefusco, un tempo antica capitale della verde Irpinia. Vadiaperti è stata tra le prime cantine campane a credere nell`enoturismo organizzandosi per la ricettività agrituristica.

Raffaele Trosi ha sempre continuato, dal canto suo, a vinificare in maniera scrupolosa e secondo la tradizione le proprie uve senza cedere a mode passeggere nè farsi incantare dalle false sirene dei mercati. Tutto ciò ha, però, contribuito ad una sorta di oscurantismo mediatico nei confronti di questa storica realtà del vino campano. Un vero peccato dal momento che tutti i suoi vini, anche se non saranno i primi della classe, sono da sempre caratterizzati da basse gradazioni alcoliche, buona freschezza e concentrazioni umane, caratteristiche tali da esaltarne le doti di bevibilità e renderli particolarmente adatti alla tavola quotidiana. Anche i prezzi, particolare di non ultima rilevanza, sono molto corretti.

La produzione bianchista prevede ben cinque etichette. La Coda di Volpe IGT è un vino di semplice manifattura ed è caratterizzata da note fruttate con piacevoli sfumature agrumate. Per quanto concerne, invece, il Greco di Tufo, ne vengono prodotte due versioni: il "base" ed un cru, denominato "Federico II". Entrambi i vini sono caratterizzati da un buon corpo ed una spiccata
mineralità che rende il giusto riconoscimento al vitigno campano troppo spesso stravolto e sfigurato da spericolate tecniche di produzione ed altre diavolerie varie. Anche per il Fiano vengono prodotte due diverse selezioni: il base ed il cru "Arechi". In questo caso sono, però, l'armonia e l'equilibrio di profumi tra note fruttate e floreali a delineare un quadro più esile ed elegante.

L`azienda Villa Diamante nasce, di par suo, da un'idea di Antoine Gaita che insiema alla moglie Diamante è tornato al suo paese, dopo esser emigrato in Belgio, con lo scopo di produrre vini di
qualità ottenuti da uve, coltivate con metodi biologici, eclusivamente di provenienza aziendale. I prodotti di Villa Diamante si discostano decisamente dagli altri per personalità, struttura e longevità. Attualmente dopo aver, secondo me giustamente, abbandonato gli esperimenti in barriques, sta puntando su una sola versione in 100% acciaio che prende il nome di Vigna della Congregazione che sarà presto affiancata da una rosso a base di aglianico. I prezzi, unica nota dolente, diventano ogni anno meno accessibili (in enoteca viaggia ormai intorno ai 15 euro).

Veniamo, infine, a Pietracupa ed ai suoi vini, in particolare voglio segnalare la straordianria qualità dei cosiddetti "base". Dal 1993 la famiglia Loffredo ha cominciato a lavorare ai propri vigneti attraverso una vinificazione molto rispettosa della materia prima, precisa, che regala prodotti dal notevole rapporto qualità-prezzo. La produzione può oggi contare su un nutrito numero di etichette. Infatti ai vini "base" Fiano di Avellino, Greco di Tufo e Quirico (aglianico 100%) si sono affiancati in questi ultimi anni due selezioni "monster", per potenza e concentrazione, il Cupo, fiano di Avellino Docg, e il "G", Greco di Tufo Docg, insieme ad un Taurasi in stile decisamente più tradizionale.

Le selezioni hanno permesso a Sabino Loffredo di ottenere premi e riconoscimenti e di porsi sulle luci della ribalta nazionale ed internazionale. Il successo commerciale, però, era arrivato, già qualche anno prima, quando alcuni ristoranti stellati dell'interland milanese, avevano imparato a conoscere ed apprezzare il Greco di Tufo di Pietracupa proponendolo nelle loro carte dei vini. Ho continuato a seguire in questi anni i vini dell'azienda fredanese senza essermi mai riuscito ad innamorare delle sue imponenti selezioni (imponenti anche nel prezzo nda) e continuando, invece, a trovare di straordinaria costanza, eleganza e pulizia realizzativa i suoi due "base". Vini dall'ottimo rapporto qualità prezzo
(10/11 euro in enoteca), dall'estrema bevibilità e un interessante potenziale evolutivo e di invecchiamento.

Insomma avrete ormai capito che a Montefredane , come si diceva un tempo, il vino buono non manca e se considerate la ricchezza gastronomica della sua tavola, la natura incontaminata ed i paesaggi incantati che la circondano avrete già raccolto abbastanza motivazioni per decidere dove organizzare il vostro prossimo week-end...


Per ulteriori informazioni:
http://www.comune-montefredane.it

Pietracupa
Contrada Vadiaperti - Montefredane
Tel. e fax 0825.607418

Villa Diamante
Via Toppole - Montefredane
Tel. 0825 30777 Fax 0825 22920

Vadiapeti
Montefredane
Tel. e fax 0825.6072

Letto 7670 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Fabio Cimmino

Fabio Cimmino

 Sito web
 e-mail

Fabio Cimmino, napoletano, classe 1970. Tutt'oggi residente a Napoli. Sono laureato in economia e da sempre collaboro nell'azienda tessile di...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti