Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Vino in garage

Vino in garage

Garage Wines Contest

di Luca Risso

MappaArticolo georeferenziato

Quando ho incominciato a curare questa rubrica davvero non sapevo come sarebbe stata accolta o se questa figura un po' mitica del Garagista rappresentasse davvero un modello esistente e “materializzabile”. Devo invece dire di essere molto soddisfatto perché grazie ad essa ho scoperto un discreto numero di colleghi appassionati con i quali le discussioni avute fino ad ora sono state interessanti, divertenti e stimolanti per l'accrescimento delle nostre competenze.

Come avrete notato ho sempre puntato a un certo understatement, a non prenderci troppo sul serio, a cominciare dall'uso del termine Garagista, che messo così sembra un po' parente di un pompista di benzina o di un meccanico di autofficina (con tutto il rispetto, naturalmente). Non so bene perché in italiano Garagista suoni così divertente (e mi va bene, l'ho scelto apposta) mentre per i nostri cugini francesi la locuzione Vins du Garage indichi una categoria di vini considerati rari, preziosi e oggetto di culto. Per loro l'importante non è dove il vino viene fatto, ma come viene fatto, seguito e coccolato con la cura maniacale che a questi microproduttori è ampiamente riconosciuta.


Il Garagista Dilettante

Non vogliamo certo arrivare a tanto; il movimento garagista francese è comunque composto da produttori a tutti gli effetti, cioè vere e proprie (ancorché piccole) aziende agricole. Il Garagista che abbiamo in mente qui è invece:

a) un puro dilettante
b) produttore di vino senza scopo di lucro
c) privo di partita iva o di aziende agricole alle spalle


Nondimeno ne rivendico fortemente la dignità e la capacità di realizzare vini veri, autentici e pure buoni.

Assunta questa consapevolezza, mi sono domandato perché non provare con un piccolo sforzo a fare un altro passo avanti, a metterci in gioco, insomma a non suonarcela e raccontarcela solo tra di noi ed è bastato farne cenno a Filippo Ronco - l’editore di questo sito - perché raccogliesse immediatamente l’idea ed entusiasticamente mi proponesse subito di coinvolgervi seriamente in occasione della due giorni che ogni anno organizza a Genova.


L’idea di un contest per garagisti dilettanti

L’idea è la seguente: creare un momento annuale di confronto e scambio in quella che in Italia si configura come la manifestazione delle relazioni e del confronto aperto tra professionisti e appassionati con forte impronta webbarola: Terroir Vino e Vinix Unplugged.

Ogni garagista dilettante che lo voglia potrà sottoporre un campione del proprio vino annata 2009 in assaggio alla Commissione degustatrice di TigullioVino che selezionerà i migliori. Ai garagisti in erba selezionati sarà proposto di partecipare personalmente alla Cena di Vinix Unplugged (il 6 giugno 2010, il giorno prima di TerroirVino) dove tutti i blogger, produttori ed altri operatori e amici prenotati potranno assaggiarli e decretare il vincitore per “acclamazione”.

Al migliore - e agli altri selezionati da TigullioVino se il vincitore vorrà condividerlo con loro - Filippo ha deciso di riservare il giorno successivo alla cena uno spazio espositivo gratuito a Terroir Vino con l'onore e l'onere di affrontare, insieme ai produttori veri, il giudizio del pubblico, presenziando al banchetto di assaggio e proponendo il vino suo e degli altri finalisti.

Per la miglior organizzazione possibile, abbiamo previsto alcuni paletti:

  1. Le adesioni sono già aperte e si fanno inviando una e-mail con oggetto "Garage Wines Contest" a: gwc@tigulliovino.it restando poi in attesa di nostre istruzioni.
     
  2. I vini dei partecipanti al contest - esclusivamente per i garagisti dilettanti, le adesioni dei professionisti a TerroirVino chiuderanno infatti a metà marzo - dovranno arrivare entro un termine utile alla loro valutazione, al più tardi entro il 9 maggio 2010
     
  3. I garagisti dilettanti che decideranno di partecipare dovranno garantire almeno 1 bottiglia per la degustazione di TigullioVino (tappata con tappo silicone per evitare sorprese), almeno 4-6 bottiglie per la degustazione alla cena di Vinix Unplugged e almeno 4-6 bottiglie per Terroir Vino 2010.

Ulteriori dettagli sul sito dedicato a TerroirVino nei giorni a venire.
L'idea è ampiamente in nuce, e come ogni "prima" potrà anche essere parzialmente modificata e migliorata in corso d’opera accogliendo ogni vostro suggerimento. Quindi datevi da fare e aiutateci a far girare la voce.

Garagisti dilettanti, siete tutti invitati!

Letto 8639 voltePermalink[30] commenti

30 Commenti

Inserito da Gianni Lovato

il 25 novembre 2009 alle 13:21
#1
Questa potrebbe diventare veramente una idea fantastica! Data la genialita' degli Italiani (ed un pizzico di innata pazzia, embedded nella specie), chissa' che non diventi un fenomeno simile a quello delle "microbreweries" degli USA? Ci sarebbe da divertirsi!
Da parte mia, purtroppo, potro' solo fare lo spettatore alla lontana e mandarvi un paio di parole di incoraggiamento. Percio', comer al solito:
FORZA ITALIANI!

Inserito da Luca Risso

il 25 novembre 2009 alle 13:28
#2
Stavo per dirti di dirlo ai tuoi amici, ma vedo che abiti un po' fuori mano...
:-)
Ma fa lo stesso, grazie dell'incoraggiamento
Luk

Inserito da Filippo Ronco

il 25 novembre 2009 alle 13:29
#3
Caro Gianni, l'idea è di cominciare a radunare i primi (più coraggiosi) vignaioli dilettanti e dare loro un luogo preciso dove potersi ritrovare e confrontare come ogni cosa che nasce dal basso, è bello vederla crescere sulle sue gambe, piano piano, sempre con i piedi molto ben piazzati per terra. Chiediamo ai nostri amici appassionati di non aver paura del confronto che può solo arricchire, il clima dell'incontro sarà assolutamente gioviale, informale, di condivisione delle gioie e dei dolori che questa fantastica passione comporta.

Speriamo comunque di incontrarti a Genova Gianni, TerroirVino e Vinix Unplugged, già da soli, varrebbero il viaggio (chiedi all'amico Terry Hughes che è già stato da noi molte volte anche se si è perso l'ultima) e questo contest penso possa ulteriormente arricchire i motivi perché sia una grande festa.

Ciao, Fil.

Inserito da Gianni Lovato

il 25 novembre 2009 alle 14:02
#4
Ci saro', ci saro'. E sarebbe davvero interessante portare indietro negli USA un reportage sui "garagisti" del vino.
Qui purtroppo ne hanno fatte di tutti i colori nel passato. Varrebbe la pena di provare a civilizzare gli Yankees anche su questo.
Dopotutto, sia con vino che con cibarie hanno dimostrato di sapere imparare.
Mica tutti mangiano solo a MacDonald e bevono Pepsi!!

Inserito da Luigi Bellucci

il 25 novembre 2009 alle 14:47
#5
Luca, ho dato un'occhiata in giro e ho trovato questo link interessante http://en.wikipedia.org/wiki/Garagistes che spiega come sono nati i "Garagistes", e soprattutto il successo che hanno avuto dopo i riconoscimenti di un certo Robert Parker " ... Such wine is referred to as "super-cuvée" or "microchâteau". The wines produced by these estates often receive very high wine ratings from Robert Parker, and are usually sold at prices driven high by rarity, hyperbole, and fashion".
Mi sembrano geniali sia l'idea di Luca sia la disponibilità di Fil di dare loro spazio a TerroirVino 2010. Grandissimi!

Inserito da Filippo Ronco

il 27 novembre 2009 alle 11:14
#6
Ringraziamo i primi garagisti dilettanti che si sono fatti avanti prenotando l'invio della campionatura per le selezioni di Garage Wines Contest ! A breve inseriremo tutti i dettagli anche su http://www.terroirvino.it

Fil.

Inserito da Paolo Carlo Ghislandi

il 27 novembre 2009 alle 13:58
#7
Questa si che è una superidea !

Ma... valgono anche i vini fatti in casa con il kit ????

Posso far parte della giuria visto che l'articolo 3 del regolamento esclude il mio fragolino fatto nel lavandino di casa ?

Ciao
Paolo

Inserito da Luca Risso

il 27 novembre 2009 alle 14:49
#8
Grazie Paolo,
farai sicuramente parte della giuria che alla cena della unconference acclamerà il vincitore!
Purtroppo il fragolino non è ammesso.... Non vorrai mica avere due banchetti al meeting!
:-)
Luk

Inserito da Paolo Carlo Ghislandi

il 27 novembre 2009 alle 14:54
#9
:-D

Si dai, ci tengo alla giuria, sono supercuriosissimo !

Hai considerato la categoria KIT ?

Ciao
Paolo

Inserito da Luca Risso

il 27 novembre 2009 alle 14:57
#10
Tipo il Kit Amarone, Chianti eccetera? Ma sono commercializzati in Italia?
Luk

Inserito da Paolo Carlo Ghislandi

il 27 novembre 2009 alle 16:17
#11
Mai porre limiti alla provvidenza !
Esiste pur sempre il caro buon vecchio e-commerce !
:-)

Inserito da Angelo Mignosa

il 27 novembre 2009 alle 17:52
#12
io sono della partita. ....e adesso capo chino e al lavoro sul nostro vino.
un saluto a tutti

Inserito da Filippo Ronco

il 27 novembre 2009 alle 18:31
#13
Grande Angelo, mi raccomando, segui le istruzioni e invia la mail con i tuoi dati per la preselezione. A presto !

Fil.

Inserito da Paolo Rusconi

il 27 novembre 2009 alle 18:50
#14
Sono ammesse prove di botte? Vorrei andare in bottiglia dopo l'estate col mio bianchetto ...

Inserito da Filippo Ronco

il 27 novembre 2009 alle 19:25
#15
In linea di massima direi proprio di si Paolo, l'importante è che sia una produzione dilettantistica, Luca probabilmente potrà essere più preciso sui paletti. Se nel frattempo vuoi prenotarti per la preselezione, segui la procedura indicata nel post.

Un caro saluto e piacere di leggerti qui !


Fil

Inserito da Luca Risso

il 27 novembre 2009 alle 21:02
#16
@Paolo
beh, direi proprio di si, fatto salvo quanto ha ribadito Filippo sulla produzione dilettantesca.
Luk

Inserito da Paolo Rusconi

il 27 novembre 2009 alle 21:06
#17
beh più dilattentisca di così... ho diraspato 600kg di uva a santa manina... non ha visto macchine ad esclusione di una pompa per un travaso...

Inserito da Luca Risso

il 28 novembre 2009 alle 09:30
#18
OK Paolo, sei dentro!
Luk

Inserito da Antonio Traficante

il 29 novembre 2009 alle 22:56
#19
ciao amici, grazie della bella idea che avete avuto e della possibilità di trovarsi per un confronto, essere valutati è fonte di crescita e di apprendimento. appena sarò pronto invierò la mia produzione.
a presto, spero...
antonio

Inserito da Luca Risso

il 29 novembre 2009 alle 23:46
#20
@Tutti
cari miei Garagisti, grazie per il vostro entusiasmo!
Vi ricordo di seguire la procedura indicata nel post, ed in particolare di ufficializzare la vostra intenzione di partecipare spedendo una mail all'indirizzo:
gwc@tigulliovino.it
avente per oggetto "Garage Wine Contest". Può sembrare una inutile formalità, ma è importante per programmare tutta una serie di cose tuttaltro che banali!
Vi aspettiamo.
Luk

Inserito da Filippo Ronco

il 29 novembre 2009 alle 23:57
#21
Si sarebbe ancora meglio cliccare sulla e-mail presente nel post che è già settata in modo da chiedervi alcuni campi necessari. E' importante ribadire che saremo assolutamente fiscali e maledettamente brutali in tutte le fasi organizzative di terroirvino, vinix unplugged unconference e garage wines contest, questo per il bene finale supremo, la libidine di tutti.

Ciao, Fil.

Inserito da Luca Risso

il 30 novembre 2009 alle 07:07
#22
Volevo segnalare che alcune cose sono ancora in evoluzione. Molti mi hanno chiesto ad esempio se si possono mandare bottiglie del 2008. La mia idea era di fermarsi al 2009 per consentire la partecipazione a chi è "nato garagisticamente" con questa rubrica, il cui primo post risale a gennaio 2009. Se le adesioni saranno numerose però si potrà senzaltro aprire anche al 2008.
Luk

Inserito da Filippo Ronco

il 30 novembre 2009 alle 11:15
#23
Si Luk, io sarei per aprire al 2008 ed anche prima per i Garagisti dilettanti di più vecchia data, piuttosto, renderei obbligatorio specificare sulla bottiglia il contenuto (almeno approssimativamente), con un'etichetta anche artigianale o un pennarello indelebile, non ci formalizziamo. Che ne dici ?

Ciao, Fil.

Inserito da Luca Risso

il 30 novembre 2009 alle 11:48
#24
Non sono contrario, ma bisogna creare una base di confronto omogenea. I dettagli di etichettatura li definiremo meglio in seguito, ma un minimo sarà necessario. Si dovrà creare una scheda con tutte le informazioni in possesso, ma almeno annata e tipo di vitigno IMHO saranno indispensabili. Gradazione e altri dati analitici welcomed. ma avremo modo di ritornarci. Il mio scopo è avere chiare le adesioni in modo da creare un forum dei partecipanti con cui discutere di tutto. Troppo ambizioso?
Luk

Inserito da Filippo Ronco

il 30 novembre 2009 alle 11:56
#25
Credo che non avremo definita la lista definitiva dei partecipanti almeno fino alla chiusura adesioni che è per il 9 di maggio. Tra l'altro calcola che non appena metteremo la notizia anche sul sito di Terroir Vino, dove starà per diversi mesi, potrebbero arrivare richieste anche da là. Quello che possiamo fare è annotare per bene tutte le candidature che arrivano da qui alla data chiusura candidature (9 maggio) cercando di portarci avanti con l'assaggio dei campioni a mano a mano che arrivano (ho già inviato i dati di spedizione ai primi che hanno inviato l'adesione via e-mail). Uno ad uno, li possiamo mettere in una mailing list per tutte le comunicazioni.

Ciao, Fil.

Inserito da Alberto Tattarletti

il 07 dicembre 2009 alle 10:12
#26
mi sono iscritto ora !!!!!!!!!!!!!!
unico problema !!
al mio merlot 100% faccio fare la malolattica in maniera naturale e questo comporta tempi lunghi come posso fare ???? aiutatemi altrimenti rischio di mandare vino che non ha ancora concluso per intero la "vinificazione" !!!!

Inserito da Filippo Ronco

il 07 dicembre 2009 alle 10:54
#27
Ciao Alberto, abbiamo ricevuto la tua candidatura, Luca ti risponderà a brevissimo sul punto. In ogni caso hai tempo fino al 9 maggio (ultimo giorno) per far pervenire i tuoi campioni alla commissione.

Ciao, Filippo.

Inserito da Luca Risso

il 07 dicembre 2009 alle 11:02
#28
@Alberto
Presto definiremo alcuni dettagli oggetto di un prossimo post.
Hai diverse possibilità.
#1 manda un campione 2008
#2 pasqua 2010 è il 4 Aprile. Se imbottigli subito dopo (luna calante) hai un mese di bottiglia prima dei nostri assaggi. Se non ha fatto la FML al limite sarà un po' più fresco. Non è grave.
Luk

Inserito da Alberto Tattarletti

il 07 dicembre 2009 alle 11:09
#29
grazie mille
2008 non ne ho più !
seguirò il tuo consiglio del dopo pasqua!
p.s. sono tentato dal venire di persona a portarvele perchè le mie bottiglie le tratto con la massima "cura" .....
ciao a tutti

Inserito da Paolo Carlo Ghislandi

il 09 dicembre 2009 alle 12:01
#30
Suggerimento : Quasi tutte le farmacie sono in grado di titolare i volumi d'alcool con una spesa minima..

Ciao
Paolo

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Luca Risso

Luca Risso

 Sito web
 e-mail

Il mio interesse per il vino è cosa relativamente recente. Risalgono a ottobre 2001 i miei primi due post per chiedere informazioni sul...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti