Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 208

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 214
Fine del mondo nel 2012. Si, ma il vino..., di Enzo Zappalà

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Vino

Fine del mondo nel 2012. Si, ma il vino...

di Enzo Zappalà

Libri, trasmissioni televisive, siti web, articoli vari stanno ormai annunciando in tutti i modi possibili che ci stiamo lentamente avvicinando alla fine del mondo. La data? La sanno ormai tutti: Il 21 dicembre del 2012. L’hanno previsto i Maya con il loro esattissimo calendario e come ben sappiamo i Maya non sbagliano mai! Poco importa se non ci sono motivazioni scientifiche a riguardo e nemmeno che in fondo i celebri abitanti dello Yucatan tutto volevano fare e dire, meno che prevedere una cosa del genere. Ormai i santoni dei mass media ne sono sicuri ed a noi non resta che accettare la triste verità.

L’uomo non potrà più vedere l’evoluzione dell’Universo che ci ha coccolato fino ad adesso (se mai questo continuerà ad esistere) e scomparirà per sempre. Probabilmente il futuro non manterrà il benché minimo ricordo della razza umana. Di errori e di peccati ne abbiamo fatti tanti, è vero….ma ci meritiamo davvero questa terribile punizione e questo triste destino? Non sono certo io a potervi dare una risposta. Vorrei perciò limitarmi a poche considerazioni, forse le ultime che mi sono permesse.

Tralasciando il fatto che i bambini saranno costretti a non diventare mai adulti (forse questo è addirittura un male minore, visto cosa li aspetta...), cosa ne sarà dei serial televisivi che vanno avanti da anni ed anni? Dovranno cercare di completare in fretta e furia le centinaia di intrecci amorosi che hanno estasiato gli spettatori o saranno improvvisamente sospesi, lasciandoli con il dubbio più atroce sulla sorte dei protagonisti? E cosa dire del Grande Fratello e degli altri “reality show” che illuminano le nostre, altrimenti squallide, serate? Possiamo veramente pensare che ci saranno soltanto altre tre edizioni? Non avremo più nuove elezioni, nuovi volti di politici che si dedicheranno anima e corpo al bene dei cittadini? E niente più Carabinieri 12, Scuola di Polizia 29 e Vigili del Fuoco 47? Cosa ne sarà degli amori tra veline e calciatori? Solo altre tre scudetti e poi il nulla?

No, no è inutile continuare cari amici. Tutto ciò che ha fatto la nostra felicità terrena non esisterà più: i Maya non perdonano! Nessuno sa esattamente cosa succederà nell’inverno del 2012. Il Sole si spegnerà o ci inghiottirà in un solo boccone? O sarà un asteroide gigantesco a porre fine ai nostri giorni? Magari invece si invertirà il campo magnetico (ma poi qualcuno sa bene cosa vuol dire)? Oppure il maligno Nibiru, il pianeta misterioso fotografato da tutti, ci strapperà dalla nostra orbita per gettarci nel gelo dello spazio infinito? Insomma, modi ce ne sono tanti e tutti catastrofici e spaventosi. Peccato solo che non ci potrà più essere la televisione a riprendere le innumerevoli macchie di sangue che appariranno un po’ ovunque. Che stupenda “audience” buttata al vento!

Si, si, sono pensieri terribili e angosciosi, lo capisco. Personalmente però io sono più addolorato e tormentato al pensiero delle nuove annate dei grandi vini da invecchiamento. Ma ci pensate? Cosa ne sarà dei barolo e dei barbaresco del 2005 e del 2006? Dovremo berli ancora in balia di quei tannini ruvidi ed allappanti? O sarà meglio farli soccombere con noi, al chiuso delle loro piccole bare di vetro? E che dire delle future vendemmie come il 2010, 2011 e 2012? Sarà meglio lasciare l’uva a marcire sulle piante o raccoglierla comunque anche se dal suo amore materno nessun figlio potrà arrivare sulle tavole dei degustatori? Potremo mica andare a bere direttamente nelle botti!

Cari miei, questo sì che è un vero dramma. Che fare? Consigliare ai viticoltori di dedicarsi solo e soltanto ai “novelli”? Oppure far cambiare velocemente il disciplinare dei vini più longevi? Soluzioni ridicole, palliativi infantili! No, no, non possiamo permettere che un barolo venga bevuto pochi mesi dopo la sua vendemmia! E nemmeno che i grandi e piccoli produttori lascino improvvisamente il loro mestiere, attendendo sconsolati e inoperosi quel fatidico 21 dicembre del 2012.

Il mio grido di disperazione è uno ed uno solo: “continuate a produrre come se niente fosse!” Fate nascere comunque i vostri capolavori. So che probabilmente non riuscirete a venderli a nessuno. Chi infatti spenderebbe mai i suoi soldi in qualcosa che non avrà futuro? Ed allora vi faccio una proposta: regalateli a me. Li terrò e li coccolerò con dedizione ed amore fino all’ultimo secondo.

Come mai? Beh, essendo un povero astrofisico che stupidamente non riesce a credere nella fine del mondo, continuo infatti a sognare di bermeli tranquillamente il 22 dicembre del 2012 , del 2013, del 2014 e via dicendo…… Si, lo so, vi faccio ridere, ma lasciatemi almeno questa misera illusione! In fondo cosa vi costa?

Letto 8570 voltePermalink[2] commenti

2 Commenti

Inserito da Giovanna Rizzolio

il 24 novembre 2009 alle 00:44
#1
grazie per il link Enzo: se andrà male come dicono... godiamoci tutto in santa pace fino all'ultimo facendo ciò che più ci piace (ovvero il vino vero), se è vero che ci si reincarna... potrei essere un gatto dedito al vino nella prossima vita, ma se tutto è un bluff, non ci saremo persi nulla e ci gusteremo ogni santa vendemmia insieme!
Come te, ho tanta fede!

Inserito da Enzo Zappalà

il 24 novembre 2009 alle 05:21
#2
cara Giovanna,
esattamente!! Sono sicuro che voi grandi amici e produttori avete altro a cui pensare che alle "balle" spaziali del 2012. Il grande nebbiolo non mancherà anche ne 2013!!

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Enzo Zappalà

Enzo Zappalà

 Sito web
 e-mail

Astrofisico per 40 anni, ho da sempre coltivato la passione per il vino e per il mondo che lo circonda. Vedo di traverso la seriosità che...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti