Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Travel > Viaggi enogastronomici

Viaggi enogastronomici

Cantine d'Italia a Genova

di Luigi Bellucci

MappaArticolo georeferenziato

Dodici nomi, dodici vini, dodici realtà sparse per la penisola si sono date appuntamento all’insegna di GoWine alla Sala Colombo dell’Hotel President per l’inizio d’autunno 2009 in una bella e fresca serata per ricordare agli amici genovesi e liguri e a quelli che “vengono dalla campagna”, le delizie e i sapori di territori anche molto lontani. Una serata diversa, all’insegna di eleganza, classe e struttura per quasi tutti i campioni assaggiati nelle quattro ore di apertura della sala, che sta proprio sopra all’atrio e si raggiunge da una bella scala a chiocciola molto larga che gira attorno alla colonna al centro della reception room.

Giovedì 1° Ottobre 2009.

Ragazzi, si sale!

Sì, si sale e si sale di brutto, come diciamo noi per dire che certi produttori mettono un grande impegno nella vigna e nell’azienda e stanno tirando fuori davvero vini di eccellenza. Una mano importante ovviamente la dà la natura, che da almeno dieci anni sforna annate una più bella dell’altra, ma l’altra mano, non meno importante, la dà chi raccoglie, vinifica, invecchia e affina.
Si cominciano ad assaggiare, ormai sempre più spesso, vini di estrema pulizia olfattiva, di ricchezza di note floreali nei bianchi e fruttate nei rossi, con diversioni frequenti nel balsamico per i primi e nello speziato per i secondi. Evidente anche la persistenza molto lunga, sia al naso, sia al palato. In bocca la struttura è spesso piena ma non esuberante, finezza ed eleganza sono quasi sempre presenti e la complessità olfattiva e gustativa non è più quell’araba fenice che è stata fino a un tempo neanche troppo lontano.
I limiti di legge attuali purtroppo ci costringono a contenere la quantità degli assaggi, tuttavia si riesce ugualmente a farsi un’idea della capacità del produttore anche da solo pochi sorsi.

Le cantine presenti

Regione         Produttore                             Comune (Provincia)
Friuli              Lis Neris                           San Lorenzo Isontino (GO)
Liguria           Cantine Lunae Bosoni        Ortonovo (SP)
Liguria           Le Rocche del Gatto          Albenga (SV)
Lombardia      Ca’ di Frara                      Mornico Losana (PV)
Lombardia      Caminella                        Cenate Sotto (BG)
Lombardia       Nino Negri                       Chiuro (SO)
Lombardia       Provenza W. Contato       Desenzano del Garda (BS)
Piemonte        Adriano Marco e Vittorio    Alba (CN)
Piemonte         Balbiano Melchiorre         Andezeno (TO)
Piemonte         Castellari Bergaglio          Gavi (AL)
Piemonte         Schiavenza                      Serralunga d’Alba (CN)
Sicilia              Gulfi                                Chiaramonte Gulfi (RG)

Assaggi e impressioni

Ho iniziato i miei assaggi dal Friuli. Lis Neris presenta il suo strepitoso Sauvignon 2008 di 14 gradi e mezzo dal lotto L SV 19 e l’altrettanto magnifico Sauvignon Picol da vigne di 40 anni, di 14 gradi, dal lotto L P 19. due prodotti di grande persistenza e complessità aromatica, con la foglia di pomodoro che emerge tra sentori fruttati e floreali e con una lunga durata in bocca.

Sono poi passato in Lombardia da Caminella per il Goccio di Sole, di 14 gradi dal lotto L90345 A 07 e poi per il Ripa di Luna, un passito da uve rosse davvero stupefacente. Di nuovo due bei prodotti che non sfigurerebbero in nessun concorso nazionale o internazionale.

Ancora Lombardia con Provenza. Si inizia con un Brut Sebastian, senza infamia e senza lode. Poi va molto meglio con il Garda Classico DOC Rosso 2008 e con il Garda Classico DOC Riserva 2007 Negresco, di maggior nerbo e soddisfazione. Si raggiunge il top con i due Lugana, sia il 2008 Tenuta Maiolo, sia il 2007, Tenuta Contado. Il Lugana è stato a mio parere il migliore dei prodotti di Provenza. Se andate a trovarli ricordatevi che fanno anche olio e chiedete a Fabio e/o Patrizia di assaggiarlo, possibilmente dal bicchierino e non sul pane!

Ancora un assaggio dedicato al Piemonte dei fratelli Adriano Marco e Vittorio, cui bisognerebbe aggiungere, per il lavoro che fanno e per la simpatia, anche le rispettive consorti, Grazia e Luciana.
Adriano produce diverse tipologie di vini, nei 20 ettari circa di vigneto. Langhe bianco e Moscato d’Asti tra i bianchi, ma la parte del leone la fanno i rossi, con Dolcetto, Langhe Freisa, Barbera d’Alba, Barbera d’Alba Superiore, Langhe Nebbiolo, Barbaresco Sanadaive, Barbaresco Basarin e Barbaresco Basarin Riserva.
Ne ho assaggiati sei del loro repertorio. La qualità va dal buono al molto buono e una scaletta di gradimento personale, dal basso verso l’alto, comprende al terzo posto Langhe Freisa 2008 e Langhe Nebbiolo 2007, al secondo Barbaresco Sanadaive 2006 e Barbaresco Basarin Riserva 2004, mentre al primo posto, a pari merito stanno il Barbaresco Basarin 2006 e il Barbera d’Alba Superiore 2007, con una leggerissima predilezione per quest’ultimo, considerata la zona di produzione e la tipicità.

Non potevo mancare di assaggiare per la Liguria i vini di Lunae Bosoni e quelli di Le Rocche del Gatto. In entrambi i casi i vini assaggiati si sono dimostrati all’altezza della fama e dei premi delle due aziende, che meritano una visita da parte dei cultori del nettare di Bacco, per toccare con mano sentori e persistenza e per dare un’occhiata alle vigne e al territorio da cui nascono quei vini.

La visita in azienda, dal Friuli alla Sicilia, è sempre il modo migliore per capire un vino e chi si sforza per ottenere dalla terra il meglio che questa può dare. È l’occasione per un assaggio sul posto, con i sentori originali dei frutti, dei fiori, dell’aria stessa. È l’occasione per un’immersione nella magia della cantina e dei cibi tradizionali di quella terra, del paese e della gente che ci vive e che vi accoglie sempre con simpatia per dedicarvi con gioia il loro tempo e le loro fatiche.

Foto Credit: Sito www.cantinelunae.it

Letto 6623 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Luigi Bellucci

Luigi Bellucci


 e-mail

Sono nato in una torre malatestiana del 1350 sulle primissime colline del Montefeltro romagnolo. Forse per questo mi ha sempre...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area travel

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti