Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > California Wines

California Wines

Pinot e Cabernet in California

di Max Roher

MappaArticolo georeferenziato

La zona del Russian River si sta imponendo come una delle più promettenti per la viticoltura americana


Sonoma, vicino alla foce del Russian River


Cento chilometri a nord di San Francisco, dalle tumultuose acque dell'oceano le montagne costiere svettano verso il cielo. Le gocce di questo mare diventano nebbia che viene trasportata sopra le colline, per poi ricadere sotto forma di pioggia sulle pendici boscose di sequoie. In questo territorio quasi inaccessibile scorre, sinuoso, il Russian River, che durante il suo viaggio lungo centottanta chilometri attraversa cinque diverse fasce climatiche fino a ritornare al mare dove ha avuto origine. Così è stato per milioni di anni.
Nella storia del vino, molti fiumi famosi hanno identificato la terra dove scorrono: il Reno, la Loira, il Duero, la Saône. Anche il Russian River fa parte di questa élite. Il clima varia così tanto che può esserci una differenza di trenta gradi dalle sorgenti del fiume fino alla sua foce. Tutto questo si traduce in un'ampia scelta di vitigni adatti alla coltivazione: le varietà di Bordeaux crescono nell'Alexander Valley all'interno, quelle del Rodano intorno al Crucible, mentre i vitigni di Borgogna dominano il Middle Reach.

Il Russian River domina l'estremità settentrionale della Sonoma American Viticultural Area (AVA). La Sonoma County è il paese natale della vinicoltura americana di qualità, e sebbene la Napa Valley abbia guadagnato posizioni durante il boom degli anni '60, la Sonoma County sta tornando prepotentemente di moda, vista la maggiore varietà di vitigni che qui possono essere coltivati. Senza dimenticare l'impressionante estensione territoriale della contea, e il fatto che gran parte di essa sia ancora inesplorata.
I primi abitanti della zona intorno al Russian River furono gli indiani Pomo, che non a caso chiamarono il fiume Shabakai, "lungo serpente". I Pomo pescavano salmoni durante l'inverno e cacciavano alci e cervi, presenti in grandi quantità nei boschi. A quei tempi la California era una terra selvaggia, anche se ancora per poco. Nella corsa alla sua conquista, la Spagna fondò molte missioni lungo la costa, la più a nord San Francisco Solano. Nel tentativo di evitare un'ulteriore espansione degli spagnoli, i russi costruirono Fort Ross alla foce del fiume, sperando che la California fosse più calda e secca dell'Alaska da dove arrivavano. Vivevano in pace coi nativi, come dimostrano i molti matrimoni misti durante la permanenza russa; molti russi impararono il linguaggio Pomo, cosa che gli spagnoli non si sarebbero mai sognati di fare.


Armstrong Woods, affluente del Russian River


Naturalmente, la California è più secca dell'Alaska. Eppure ogni anno cadono sulla costa ben 2000 mm di pioggia, spesso più di 2500. I russi provarono a coltivare il terreno, ma non c'era sole d'estate a causa della nebbia e d'inverno il suolo si trasformava in una sorta di fango franoso. Inoltre, durante i mesi invernali il fiume diventa un torrente in piena che cambia il suo corso ogni anno, distruggendo tutto quello che incontra sulla sua strada. La durezza delle condizioni di vita, unita alla crescente presenza degli spagnoli, fece ritirare i russi a nord nel 1842. Alcuni rimasero e si spostarono verso l'interno, ma a parte questo, il nome del fiume (il "fiume russo") è tutto ciò che rimane di quell'epoca.

Gli spagnoli non riconobbero mai l'autorità russa su queste zone. Dopo che il Messico si rese indipendente dalla Spagna, il nuovo governo inviò Cyrus Alexander e il capitano Henry Delano Fitch a nord, per trovare terra adatta per l'allevamento del bestiame. Furono i primi coloni permanenti; Cyrus Alexander diede il suo nome all'Alexander Valley. La California cambiò padrone ancora una volta quando divenne parte degli Stati Uniti e arrivarono migliaia di immigrati in cerca dell'oro. Quando questi nuovi venuti non riuscirono a trovarlo, cercarono terra adatta per la coltivazione. La vicinanza del Russian River a San Francisco lo rese una scelta perfetta. Inoltre, i coloni non mancarono di notare la rossa terra vulcanica, nota come buon terreno per la vite fin dai Romani. Sorse in pochi anni una città, Healdsburg, che divenne in fretta la piccola capitale del vino della regione.


Colline e vigne a Sonoma


Oggi, la varietà principale coltivata nell'Alexander Valley è il Cabernet Sauvignon. Si tratta di vini che tendono a essere più morbidi e semplici dei loro corrispettivi della Napa Valley. Facendo un parallelo con il Bordeaux, si può dire che l'Alexander Valley è la St. Julien della costa nord mentre la Napa Valley è Pauillac. Non è sempre stato così; fino a trent'anni fa, qui il padrone era lo Zinfandel. Con la vertiginosa crescita di San Francisco dopo la corsa all'oro del 1849, la richiesta di vino per la popolazione aumentò costantemente, isolata com'era dal resto dello stato. Le vigne furono piantate con campi misti (field blends) di più vitigni. Il risultato più apprezzato era il Claret, un vino secco, rosso e corposo. Altre varietà popolari all'epoca erano il Sangiovese, il Mourvedre, il Petite Sirah, il Tempranillo e il Nebbiolo. Molte delle vigne risalenti a quell'epoca sono ancora field blends e molti Zinfandel della Sonoma County di vecchio vitigno non sono puri al cento per cento.

Negli anni Ottanta dell'800, gli Stati Uniti attraversarono un boom di crescita dopo la guerra civile, e ora che c'era una ferrovia che univa la California con la popolosa costa est, le richieste per vino e uva divennero più elevate che mai. Molti italiani arrivarono proprio in questo periodo e si insidiarono nell'area del Russian River. Nelle loro lettere a chi era rimasto in patria, descrivevano uno splendido fiume e una campagna che ricordava le colline dell'Italia settentrionale. Si viveva in relativa prosperità fino al 1919, anno dell'avvento del proibizionismo. Con l'alcool ora illegale, molti coltivatori fecero bancarotta e se ne andarono. Quando il proibizionismo finì, nel 1933, ripartire di nuovo col vino sembrava impossibile; gli americani ora puntavano su birra e distillati. Ma durante gli anni '60 ci fu un grande cambiamento nei vini più apprezzati: le grandi botti da un gallone di Claret passarono di moda, sostituite da bottiglie da 750 ml di varietà singole.


La Sonoma Valley


Più o meno in questo periodo si scoprì che i vitigni borgognoni, e particolarmente il Pinot nero, crescevano bene nella valle. Vennero piantate vigne nei ricchi depositi di ghiaia vicini al fiume che garantivano un eccellente drenaggio. Il clima fresco permette al Pinot nero di esprimere la sua delicatezza e i suoi terroir, e la maggioranza del grande Pinot di California arriva proprio dai confini della valle del Russian River. La regione ha conservato per lungo tempo una tradizione borgognona di imbottigliamento per cui un coltivatore vende le uve a uno o più produttori che in cambio indicano il frutto sulla bottiglia.
Il Pinot nero è una delle più antiche varietà della vite ed è stato coltivato almeno per duemila anni. A causa della sua lunga storia, c'è stato più tempo per lo sviluppo di cloni. Esistono attualmente più di cento tipi diversi di questo vitigno. Molti di questi sono stati sviluppati a Digione. Nei primi anni '80 si diffuse la voce dell'esistenza di queste varietà e molti californiani si recarono in Francia per tornare con le talee; i cloni 5, 115 e 777, così come i cloni del Pommard, divennero i migliori della California. Ora si discute se questi singoli cloni diano origine al vino migliore o se le vecchie selezioni siano superiori.


Le spiagge sabbiose della contea di Sonoma


Poiché il Pinot nero riflette i terroir, le condizioni in cui è stato coltivato, si sono visti emergere nella passata decade due diverse tipologie. Uno è più corposo e scuro e può crescere in un'ampia varietà di climi. I livelli Brix medi (la percentuale di zucchero presente nell'uva quando viene raccolta) di questa tipologia sono aumentati almeno del 10% negli ultimi dieci anni, passati alla ricerca di un vino più ricco e maturo. L'altro Pinot è più elegante e raffinato, simile ai Pinot di Borgogna. Questi vini sono caratterizzati da un'acidità più alta e una gradazione alcolica minore, con sfumature più delicate. Spesso i coltivatori della regione ne producono almeno uno di ciascun tipo per soddisfare i diversi gusti delle persone.

È interessante notare come due vini diversi, ma fatti con uve di uguale vitigno che vengono dallo stesso terreno, possano avere un gusto completamente differente. Il Pinot nero necessita di un lungo tempo di maturazione e temperature miti. Se è troppo caldo, il vino risultante sarà troppo alcolico e con bassi tannini. Se è troppo freddo, il vino avrà un retrogusto "vegetale" vagamente simile all'asparago. Una cosa, comunque, è sicura: dieci anni fa, i produttori americani di vino avevano un rapporto controverso con il Pinot, citato spesso come il vitigno più difficile da coltivare. Oggi è di gran lunga il più promettente, e il meglio deve ancora venire.

Letto 9127 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Max Roher

Max Roher


 e-mail

Max Roher scrive di vini statunitensi e in particolare californiani dal 2005. Dopo la laurea in architettura, si è innamorato della ricca...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti