Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Vino in garage

Vino in garage

La vendemmia del Garagista ... finalmente!

di Luca Risso

MappaArticolo georeferenziato

Il giorno 9 settembre dell'anno di grazia 2009 il Garagista ha vendemmiato! Due giorni dopo il 2007 e quattro giorni prima del 2008. Sono stati utilizzati 40 Kg di uva Merlot acquistata qui, proveniente da Velletri e con 19 gradi babo, e circa 50 Kg di uva autoprodotta, in gran parte Merlot con un saldo di Baco Noir e qualche ciocca di Ciliegiolo. I gradi qui variavano dai 21 babo di alcune viti di Merlot e Baco, ai 18 del Ciliegiolo. Complessivamente alla fine il mosto ha avuto una gradazione di 19,5 babo, con un pH stimato con la cartina tornasole compreso tra 3,5 e 4.

Siamo in presenza di uve con una notevole carica zuccherina e acidità piuttosto bassa, come era facile prevedere sia dalle caratteristiche del vitigno, sia dal torrido agosto che ci siamo lasciati alle spalle. Dal punto di vista sanitario invece le uve erano in ottimo stato, senza marciumi e con pochi acini appassiti o attaccati da insetti.

E' utile ricapitolare brevemente l'andamento dell'annata in Liguria. Le piogge primaverili sono state abbondanti, ma regolari e cadenzate, rendendo agevoli i trattamenti contro la peronospora. I mesi di luglio e agosto hanno invece registrato un progressivo calo delle precipitazioni ed un costante e regolare aumento della temperatura e dell'umidità, determinando qualche attacco di oidio. Ad agosto l'assenza di pioggia ha determinato notevoli stress idrici nei vitigni più suscettibili laddove non era disponibile l'irrigazione.

Si tratta di una buona annata dal punto di vista qualitativo? Secondo me no, al massimo così così, anche se i media grideranno al miracolo, a causa delle alte gradazioni e della elevata produzione.

L'uva è stata vendemmiata a mano, diraspata a mano e pigiata con piedi stivalati, a parte l'uso coreografico dei minori mostrato nel video, ottenendo circa 80 litri di mosto. Non è stato impiegato alcun lievito selezionato (speriamo bene..), ma al mosto sono stati aggiunti 2 grammi di metabisolfito di potassio; poco, molto poco in verità, ma lo stato sanitario dell'uva secondo me lo consentiva. Ora il tino giace nel suo angolino in attesa che il cappello (cioè lo strato di bucce dell'uva) si sollevi per lo sviluppo di anidride carbonica da parte dei lieviti, denunciando l'inizio della fermentazione tumultuosa (il famoso ribollir dei tini). Da allora in poi occorrerà almeno due volte al giorno rimestare e affondare il cappello, con un bastone o anche con le mani volendo, affinché colore e sostanze vengano estratte dolcemente. Il tutto durerà più o meno una settimana, fino alla svinatura, ma questa è un'altra storia...

Letto 10447 voltePermalink[12] commenti

12 Commenti

Inserito da Paolo Carlo Ghislandi

il 11 settembre 2009 alle 12:27
#1
Rinnovo anche qui i miei sinceri complimenti.

Complessivamente da noi la concentrazione zuccherina è più elevata ma non possiamo ancora vendemmiare per via della maturazione fenolica che sta arrivando ora e che sarà conclusa non prima di una settimana/10 giorni.

Invochiamo la proverbiale alta acidità tipica delle uve dei nostri territori perchè quest'anno ci servirà tutta a sostenere questi mosti ricchissimi.

Buona follatura, è già ora no ?

Ciao
Paolo

Inserito da Luca Risso

il 11 settembre 2009 alle 13:02
#2
Auguri Paolo! Già, bisogna che senta il mio cantiniere!
;-)
Luk

Inserito da Francesco Manna

il 18 settembre 2009 alle 10:22
#3
Posso chiederti se hai pagato l'uva a 20 centesimi al kg.? Piccola curiosità dopo aver letto il tuo post su wineblog.net (appropò non sono riuscito a commentare mi dice che è spam :( ) . Io la pago 1,00 € al kg. direttamente in vigna .

Ciao
Francesco

Inserito da Luca Risso

il 18 settembre 2009 alle 10:52
#4
@Francesco

Ho pagato i 40 Kg di merlot 26 €, quindi 65 cent/Kg.
Tieni conto che era uva proveniente dai Castelli Romani e che io l'ho comperata direttamente dai produttori saliti fino in provincia di Spezia, quindi con l'incidenza del trasporto e del viaggio.

Luk

Inserito da Luca Risso

il 18 settembre 2009 alle 10:56
#5
@Francesco
Il sito è ora www.thewineblog.it, prova con l'indirizzo corretto
Luk

Inserito da Paolo Carlo Ghislandi

il 18 settembre 2009 alle 12:28
#6
Il Consorzio quest'anno ha abbassato ancora le quotazioni. ( da 20 a 30 cent )

Io sento in giro che l'uva di qualità da noi si paga intorno ai 50.

L'uva da vino ha un valore, provate a fare un conto di quanto pagate quella da tavola dall'ortolano..

Ciao
Paolo

Inserito da Luca Risso

il 18 settembre 2009 alle 12:53
#7
Ho letto in giro di 8 €/ql per l'uva in Sicilia.
Meglio coltivare erba, il fieno non costerà tanto meno.
Luk

Inserito da Paolo Carlo Ghislandi

il 18 settembre 2009 alle 13:10
#8
Per forza che poi la gente è tentata di usare i campi come discariche abusive..

Io sono per il libero mercato, ma qui secondo me c'è qualcosa che non torna nei conti..

Inserito da Francesco Manna

il 18 settembre 2009 alle 19:48
#9
Mi viene in mente la produzione, a 1,00 €. al kg. acquisto uva da 50 q. a ettaro (Donnici - CS)in perfetta media regionale (fonte: I numeri del vino).

@Luk
wineblog è nei preferiti da tempo e fa il reindirizzamento al .it , metto la mia mail nel secondo campo forse è qui che sbaglio? (scusa l'OT)

Ciao
Francesco

Inserito da Luca Ferraro

il 19 settembre 2009 alle 22:05
#10
il Prosecco, sebbene sia passato docg, è sceso come prezzo a circa 85 cent.
Le aziende serie che comprano uva mantengono comunque il prezzo del'anno scorso (1€ circa)
I rossi invece qui da noi non li ritirano neppure,un vino rosso discreto si trova a 20 cent al litro.
mah!

Inserito da adriano gardin

il 10 settembre 2012 alle 22:56
#11
Riesumo questa vecchia discussione, che spero venga ancora letta dagli esperti, per porre una domanda. Quest'anno,in barba all'estate torrida (ma non quì da me purtroppo) il mio merlot non arriva a toccare i 17 babo, perciò temo assai che dovrò aggiungere un po' di zucchero nel mosto. Ma quanto? inoltre, l'aggiunta di zucchero altererà il gusto del vino o si limita ad elevare il grado alcolico?
Grazie

Inserito da Bernardo Camboni

il 11 settembre 2012 alle 19:10
#12
Adriano, se ti consola (o compiaccia) ho pigiato il merlot quanche giorno fa con media zuccherina 21. ironia a parte il caldo torrido specie di metà agosto da noi nel profondo sud sardegna ha fatto "bollire" quel poco di chardonnay che ho cominciato a produrre. ho dovuto anche ombrarlo per non fare fare due vendemmine separate.

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Luca Risso

Luca Risso

 Sito web
 e-mail

Il mio interesse per il vino è cosa relativamente recente. Risalgono a ottobre 2001 i miei primi due post per chiedere informazioni sul...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti