Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > News > Marketing

Le grandi firme del vino diventano ambasciatrici del Made in Italy

di Redazione di TigullioVino.it

Accordo tra Farnesina e Istituto del vino Grandi Marchi. Frattini: “Alla cultura il compito di promuovere, accanto all’immagine, anche l’impresa italiana”.

 Il grande vino italiano diventa ambasciatore del “made in Italy” nel mondo. Al via l’accordo fra il ministero degli Esteri e l’Istituto del vino italiano di qualità Grandi Marchi, che riunisce 17 cantine storiche della Penisola, per la fornitura gratuita di doni di rappresentanza da offrire ai “grandi della Terra” in visita al nostro Paese. Si tratta di una speciale cassetta in legno di ciliegio - con il logo del Ministero - contenente una selezione di etichette di prestigio che avranno il compito di ricordare ai leader del mondo il gusto italiano anche al termine del loro viaggio ufficiale.

“Il vino rappresenta a pieno titolo e in modo eccellente la cultura del nostro Paese, e il Ministero degli Affari esteri considera la promozione della lingua e della cultura italiana uno degli strumenti di politica estera ancora non sufficientemente utilizzati, eppure tra i più efficaci a disposizione dell’Italia - ha commentato il ministro Franco Frattini. - L’idea di affidare alla cultura il compito di promuovere, accanto all’immagine, anche l’impresa italiana, d'altronde, ha già caratterizzato la mia precedente esperienza alla Farnesina, sotto l’impulso del Presidente Berlusconi, al quale prima di tutti - ha ricordato il titolare della Farnesina - si deve il nuovo indirizzo di una diplomazia italiana al servizio dello sviluppo del Paese. Ne sono tanto convinto che ho tenuto sotto la mia diretta responsabilità le deleghe della cultura”.

L’Istituto Grandi Marchi, nato per iniziativa dei massimi esponenti dell’enologia nazionale (Biondi Santi, Michele Chiarlo, Ambrogio e Giovanni Folonari, Pio Cesare, Tenuta San Guido, Cà del Bosco, Umani Ronchi, Carpenè Malvolti, Lungarotti, Masi, Mastroberardino, Alois Lageder, Rivera, Jermann, Donnafugata, Marchesi Antinori, Tasca D'Almerita) e presieduto da Piero Antinori, nel 2008 ha rappresentato complessivamente un fatturato pari a circa 550 milioni di euro, con una quota di prodotto esportato pari al 60 per cento.


Fonte news: Istituto del vino italiano di qualità Grandi Marchi

Letto 3651 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Redazione di TigullioVino.it

Redazione di TigullioVino.it

 Sito web
 e-mail

Nell'arco di molti anni di lavoro, da piccolo progetto amatoriale TigullioVino.it si è trasformato in una vera e propria testa web sul mondo...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area marketing

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti