Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > News > Food

Su "Sapori d'Italia" il documento conclusivo del G8 agricolo

di Redazione di TigullioVino.it

Un accordo importante che non ha avuto il giusto risalto sui media. In vista del prossimo incontro tra i capi di Stato dei maggiori Paesi, l’Accademia delle 5T chiede al governo italiano di sostenere a fondo l’idea di un’agricoltura sostenibile, vocata alla sicurezza alimentare e in grado di combattere fame e povertà nel mondo.  I ministri dell’Agricoltura dei Paesi del G8 (oltre all’Italia: Canada, Francia, Germania, Giappone, Russia, Regno Unito e Usa) insieme ad alcuni colleghi dei Paesi emergenti si sono riuniti lo scorso aprile a Cison di Valmarino nella collina trevigiana, a due passi dalla casa del ministro italiano delle Politiche Agricole, Luca Zaia.

Il bimestrale “Sapori d’Italia” sull’ultimo numero in edicola (giugno/luglio) ha pubblicato il documento conclusivo dei lavori, uno strumento importante e determinante per il prossimo G8 dei capi di Stato, in programma a l’Aquila nel mese di luglio. Secondo l’Accademia delle 5T (Territorio, Tradizione, Tipicità, Trasparenza, Tracciabilità), i responsabili dell’agricoltura mondiale hanno dimostrato una presa di coscienza e di buon senso che ha ricondotto l’uomo e la terra al loro ruolo primario, usurpato dalla finanza creativa distaccata dalla realtà.

“Ci dispiace che l’opinione pubblica abbia dovuto attendere Sapori d’Italia per conoscere in modo esaustivo i punti del documento conclusivo – sottolinea il presidente dell’Accademia delle 5T, Guido Stecchi -. I mass media a nostro avviso hanno sottovalutato l’importanza di questa notizia, relegando il documento a insignificanti trafiletti. Con tutto il rispetto dei lavoratori Fiat e delle proposte di Marchionne, costoro sono tanti ma anche pochissimi in rapporto a coloro che operano in agricoltura. Ed è molto più essenziale – continua Stecchi – che loro mangino ciò che i contadini producono, piuttosto che con quale auto i contadini andranno in giro. Eppure sui fatti Fiat si sono spesi fiumi d’inchiostro e di parole. Sacrosante, ma non c’è proporzione”.

Ecco una sintesi del documento conclusivo approvato ad aprile. Entro il 2015 è stato fissato l’obiettivo di ridurre della metà la percentuale di persone in condizioni di povertà e denutrizione. L’incremento della produzione agricola dovrà essere finalizzato a rispondere alle esigenze immediate delle popolazioni più vulnerabili, con particolare attenzione alle misure per l’adattamento e la mitigazione dei cambiamenti climatici. Oltre al riconoscimento del bisogno di aiutare i Paesi in via di sviluppo ed emergenti a espandere la propria produzione agricola e alimentare, è stata sottolineata la necessità di fare di più per aumentare la quantità e migliorare la qualità dei raccolti, per dare a tutti la possibilità di avere accesso economicamente e fisicamente ad alimenti salubri e nutrienti.

In vista del G8 dell’Aquila l’Accademia delle 5T chiede al governo italiano di farsi portavoce dei seguenti obiettivi:
1) Che l’agricoltura e la sicurezza alimentare siano messe al centro dell’agenda internazionale;
2) Garantire l’accesso a una quantità adeguata di acqua e cibo, essenziali per lo sviluppo sostenibile e il nostro futuro;
3) Un aumento di investimenti pubblici e privati nell’agricoltura sostenibile;
4) Solide politiche agricole e strategie concrete per sostenere gli investimenti a livello nazionale, regionale e globale;
5) un maggior sostegno che comprenda investimenti nella scienza, ricerca, tecnologia, istruzione, divulgazione e innovazione in agricoltura;
6) Restituire agli agricoltori il ruolo di protagonisti del settore agricolo;
7) Il sostegno al ruolo di mercati ben funzionanti come mezzo per migliorare la sicurezza alimentare;
8) Porre l’agricoltura e lo sviluppo rurale al centro della crescita economica sostenibile;
9) Aumentare la produzione di energia rinnovabile da biomasse;
10) Dare meccanismi adeguati agli agricoltori per la gestione dei rischi e delle crisi di mercato;
11) Piena realizzazione della riforma in atto del sistema internazionale per la sicurezza alimentare;
12) Sostegno al processo consultivo e di rapida costituzione della global partnership;
13) Sostegno al coordinamento svolto dalla task force di alto livello sulla sicurezza alimentare delle Nazioni unite.


Fonte news: Ufficio stampa Accademia delle 5T

Letto 4157 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Redazione di TigullioVino.it

Redazione di TigullioVino.it

 Sito web
 e-mail

Nell'arco di molti anni di lavoro, da piccolo progetto amatoriale TigullioVino.it si è trasformato in una vera e propria testa web sul mondo...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area food

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti