Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > News > Food

Assemblea annuale di Federalimentare: La crisi e i consumi

di Redazione di TigullioVino.it

MappaArticolo georeferenziato

La spesa alimentare degli italiani in tempo di crisi. Un dossier realizzato dal Centro Studi di Federalimentare ci fa scoprire che i consumatori - anche in tempi di scelte difficili e tagli al budget familiare - non rinunciano alla qualità e al contenuto di servizio: i prodotti alimentari di marca registrano, a sorpresa, una crescita delle vendite del +7%. Mentre una ricerca realizzata da GPF per conto di Federalimentare conferma previsioni di tagli al budget familiare nel corso del 2009, che però in questo momento sembrano toccare marginalmente i generi alimentari.

La crisi c’è e si sente, ma solo 2 italiani su 10 prevedono di ridurre la propria spesa alimentare nel corso del 2009. E se il consumatore - facendo la spesa nella GDO - continua ad avere fiducia soprattutto nei prodotti di marca (+7% a fine 2008), 7 piccole e medie imprese del settore alimentare su 10 guardano al 2009 con la speranza di veder confermato (o in qualche caso in crescita) il proprio fatturato. E questo, a dispetto del fatto che il fatturato complessivo 2009 dell’industria alimentare sembra avviato verso una forte stagnazione. Sono chiaroscuri di una crisi complessa, difficile da decifrare e poco incline alle generalizzazioni. In un periodo difficile per l’economia del nostro Paese, Federalimentare - la Federazione italiana dell’Industria alimentare, che con le sue 19 Associazioni di categoria rappresenta e tutela l’Industria alimentare in Italia, ha voluto fotografare lo spaccato della produzione e dei consumi alimentari in tempo di crisi, raccogliendo le tendenze in atto in un focus (“La spesa in tempo di crisi”) elaborato dal proprio Centro Studi.

PRODUZIONE INDUSTRIALE: NEL PRIMO TRIMESTRE L’ALIMENTARE SCENDE DEL -4,3%
La produzione del settore alimentare nel primo trimestre dell’anno, a fronte di un crollo del settore industriale nel suo complesso (– 21,0% a parità di giornate lavorative), ha segnato una flessione molto più contenuta del -4,3%. Un dato che, letto in parallelo ai risultati del tessile, dell’industria del legno, del comparto chimico e del metallurgico, oscillanti tra il -10% e il -30%, testimonia una migliore tenuta per le ben note doti anticicliche del settore. In particolare a marzo, con un -1,0% a parità di giornate lavorative sullo stesso mese 2008, il settore ha segnato la migliore performance, anche se va detto che essa è dovuta in gran parte agli spunti produttivi dei comparti legati ai prodotti di ricorrenza per l’imminenza della Pasqua.

Questo significa che la crisi esiste, è molto netta ma l’alimentare sembra risentirne meno degli altri settori industriali. “In un momento difficile per l’industria alimentare italiana, segnato da un forte calo della produzione industriale e alimentato da segnali ancora negativi per l’anno in corso - afferma Gian Domenico Auricchio Presidente di Federalimentare – la fiducia riposta dal consumatore verso i prodotti di marca e ad alto contenuto di servizio, assieme alla dichiarata prospettiva di un mantenimento dei consumi alimentari, senza tagli sostanziali alla spesa nel 2009, rappresentano un motivo di speranza per tutto il comparto”.

2009, I TAGLI AVVERRANNO SOPRATTUTTO IN SVAGHI E TEMPO LIBERO MA NON NELL’ALIMENTARE
Una ricerca realizzata da GPF per conto di Federalimentare (sulla base del “Food monitor” ma anche attraverso un campione on line di 400 casi rappresentativi della popolazione italiana adulta), dal titolo “Gli italiani e la crisi economica”, conferma che i nostri connazionali sono molto preoccupati per gli effetti della crisi soprattutto in termini di disoccupazione (95%), precarietà del lavoro giovanile (90%), incertezza, paura del futuro e pessimismo (86%), ma anche per la tangibile, innegabile e concreta perdita del potere d’acquisto (84%). Che ha già causato nell’ultimo anno una riduzione delle spese generali (alimentare e non) – rivela la ricerca Federalimentare GPF - da parte dell’81% degli italiani e che nei prossimi 12 mesi vede spaccarsi il campione (esattamente al 50%) tra i pessimisti (che pensano di spendere un po’ o molto di meno) e i più ottimisti, che al contrario contano di spendere di più (11%) o perlomeno la stessa cifra (39%) di quest’anno.

Vale però la pena di esaminare le voci sulle quali si concentrano le previsioni di risparmi e tagli rispetto al budget familiare – dagli svaghi e tempo libero fuori casa (nel quale prevedono tagli il 61% degli italiani), all’abbigliamento (55%), viaggi e vacanze (51%); arredo della casa (47%); strumenti tecnologici per il tempo libero (41%); automobile (35%) – per scoprire che sono appena 2 su 10 (19%) gli italiani che nel 2009 pensano di ridurre le spese per acquisti alimentari. Penultima voce della graduatoria, subito prima delle intoccabili spese mediche e sanitarie (2%). Mentre altrettanti – 18% - pensano addirittura d’incrementare il budget dedicato a cibo e bevande.

Accano all’84% dei nostri connazionali attenti – per ragioni di budget – a sconti e offerte speciali, resta infatti lo zoccolo duro (più o meno attorno all’80%) di quanti cercano sempre e comunque la migliore qualità. Trovandola nelle garanzie offerte dalla marca: il “faro” (sinonimo anche di sicurezza e innovazione) al quale continuano a guardare, nonostante l’attenzione al fattore prezzo, oltre il 70% degli italiani. Uno dei livelli più alti registrati negli ultimi 30 anni; basti pensare che per tutti gli anni Ottanta questo indice ha viaggiato tra il 55% e il 65%. Il mangiare - conferma la ricerca della GPF – resta “uno dei piaceri della vita” per 8 italiani su 10. Ma risulta in flessione il piacere di cucinare: oggi avvertiti da 5 italiani su 10 (10 anni fa erano 6). Per concludere: la crisi, per più di 6 italiani su 10 (il 64%) è però anche uno stimolo alle persone “a diventare più creative e innovative, inventare soluzioni, lavori, prodotti”.

PER LE MEDIE IMPRESE ALIMENTARI INNOVAZIONE COME RICETTA ANTICRISI
Che è esattamente quanto sta accadendo nel comparto alimentare. Il 79% delle piccole e medie imprese di questo settore (secondo l’ottava indagine Unioncamere e Mediobanca sui bilanci aziendali) - in perfetta controtendenza rispetto al totale delle piccole e medie imprese che prevedono una contrazione di fatturato e produzione nel 67% dei casi – si attendono una conferma o in alcuni casi un aumento di fatturato nel 2009. Le strategie che stanno attuando per raggiungere questo obiettivo sono abbastanza chiare: il 71% (contro il 40-50% di quelle degli altri comparti industriali) ha messo in cantiere investimenti, mentre il 43% ha attuato una strategia di upgrading dei prodotti.

Si tratta di scelte coraggiose, se si pensa che nel 2008 gli acquisti alimentari delle famiglie italiane hanno raggiunto i 144,3 miliardi di euro, con un calo a valori costanti del -2,4% sull’anno precedente e che nello stesso anno il valore aggiunto espresso dal settore (sempre a valori costanti) è arretrato dell’1%. Comunque, in generale, chi prevede investimenti nell’anno in corso pensa soprattutto a formule di promozione o pubblicità (42,6%) ma anche all’introduzione di nuovi prodotti sul mercato (49,1%) o al miglioramento di prodotti esistenti (57,5%), sia in termini di qualità che di packaging. Anche in virtù di questo approccio guardano all’export con fiducia: l’83% vede possibile una conferma o un aumento di ordini (la percentuale scende al 30% circa nel caso d’imprese di settori come quello della meccanica, dei beni per la casa e la persona o del chimico-farmaceutico). Si tratta di proiezioni e di speranze che andranno verificate in rapporto all’evoluzione della crisi. Va detto, infatti, che a livello macro, i dati dell’export alimentare 2009 stanno esordendo con tagli prossimi al –6/7 % in quantità e ancora superiori in valuta.

TIENE LA MARCA GRAZIE AD UN VISSUTO CHE ISPIRA QUALITÀ E FIDUCIA
Se le piccole e medie imprese alimentari guardano con sempre maggiore determinazione alla qualità e all’innovazione di prodotto come a una strada obbligata per uscire dall’impasse attuale, i grandi brand hanno avuto la conferma che questo genere d’investimenti paga anche in momenti difficili di crisi e di tentazioni di risparmio ad ogni costo. I consumi alimentari nel 2008 hanno tenuto anche grazie all’exploit delle vendite al dettaglio dei prodotti di marca: +6,8% a fine 2008, ribaltando il -1,6% di fine 2007(dati Centromarca). I grandi brand continuano a rappresentare il 70% dei beni di consumo acquistati nei super e negli ipermercati italiani. Una leadership costruita puntando sull’innovazione di prodotto e di processo…

Secondo un’ indagine Eurisko sugli orientamenti del consumatore nei confronti delle diverse tipologie di offerta, gli italiani hanno aumentato la propria considerazione verso alcuni valori fondamentali della marca come qualità, innovazione, sicurezza e – elemento fondamentale in questo momento - il prezzo corretto. In Italia, alla fine degli anni 70, circa il 50% dei consumi riguardava beni di marca, mentre oggi ogni 4 prodotti acquistati, 3 sono di marca. Se una volta le innovazioni arrivavano in media ogni 25 anni, adesso arrivano in 24 ore. Circa il 70% dei servizi e prodotti odierni non esistevano 25 anni fa… Sono processi strategici che si spera non vengano intaccati in un periodo difficile come quello presente, caratterizzato dall’affacciarsi sempre più evidente di tendenze low cost della spesa.


Fonte news: Ufficio stampa Federalimentare

Letto 4185 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Redazione di TigullioVino.it

Redazione di TigullioVino.it

 Sito web
 e-mail

Nell'arco di molti anni di lavoro, da piccolo progetto amatoriale TigullioVino.it si è trasformato in una vera e propria testa web sul mondo...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area food

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti