Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 208

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 214
Meglio parlare di filiera leggera e non di filiera corta, di Redazione di TigullioVino.it

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > News > Food

Meglio parlare di filiera leggera e non di filiera corta

di Redazione di TigullioVino.it

Filiera “leggera”. E’ questo il termine che Confagricoltura preferisce usare per evidenziare la necessità di razionalizzare e di ottimizzare i passaggi “dalla terra alla tavola”, con reciproco vantaggio per i produttori e per i consumatori. “Non necessariamente la filiera lunga favorisce speculazioni – ha detto il direttore generale, Vito Bianco, intervenendo al Workshop organizzato da Consumers’ Forum. – E’ un’inutile caccia alle streghe. Confagricoltura non ha mai accusato nessuno. Né si è impegnata in questo esercizio: semplicemente ha sempre chiesto che si facciano i dovuti controlli e si colpisca chi è eventualmente colpevole di accaparramento dei beni per far aumentare i prezzi o di trust in grado di influenzare le quotazioni.”

Per questo preferisce parlare di “filiera leggera” anziché di “filiera corta”. Ed ha già messo in opera una serie di contatti e di rapporti con l’industria alimentare e la distribuzione moderna per creare quelle condizioni di maggiore efficienza di cui si avvantaggiano tutti: gli operatori, grazie ad una stabilità delle quantità e delle quotazioni, ed i consumatori. “Abbiamo in corso contatti anche con Esselunga, Conad, Coop – ha detto Bianco - ed abbiamo chiesto un confronto a tutto campo a Federdistribuzione. Crediamo che questa, non la strada delle accuse reciproche, sia la chiave di volta dell’efficienza del sistema.”

Una maggiore o minore concentrazione (e quindi “lunghezza”) della catena distributiva non sembra, a parere di Confagricoltura, avere effetti neppure sull’inflazione. Dai dati Ocse aggiornati a novembre 2008, si evidenzia infatti che l’indice dei prezzi al consumo per gli alimentari è aumentato in maniera diffusa – in Italia meno che rispetto alla media Ocse – e l’incremento è stato anche maggiore in Paesi, come il Regno Unito, dove è anche più forte la concentrazione delle quote di mercato nelle mani di pochi operatori della Gdo.


Fonte news: Confagricoltura

Letto 4471 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Redazione di TigullioVino.it

Redazione di TigullioVino.it

 Sito web
 e-mail

Nell'arco di molti anni di lavoro, da piccolo progetto amatoriale TigullioVino.it si è trasformato in una vera e propria testa web sul mondo...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area food

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti