Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino

Vino in movimento. Naturalmente... in Liguria!

di Claudia Paracchini

MappaArticolo georeferenziato

Naturalmente in Liguria si è svolta il 30 gennaio nella elegante cornice  dell' Hotel  "Il Poggio" di Arenzano. Come relatore Daniele Barbieri della Fisar delegazione di Varazze e del supporto dell'enologo Giancarlo Stellini e i produttori Andrea Marcesini e Marco Tacchino.
Naturalmente in Liguria perché ?
Per  i vini biologici, per i vini naturali, per i vini  biodinamici; in una parola produrre vini speciali da una terra speciale ! 

Pochi vitigni, tanti diversi vini, secondo natura, divertendosi e nel rispetto dell'ambiente circostante; ambiente che mai come oggi deve essere messo sotto attenzione e che deve risvegliare più di una coscienza.

Ad aprire la degustazione è il Parmaea, vino che nasce dal recupero di un antico vigneto sull'isola Palmaria, oasi verde nel Golfo della Spezia. 1200 bottiglie di vino bianco fresco Albarola Vermentino e Trebbiano prodotto su mezzo ettaro proprio in faccia a Porto Venere. Questo imponente sperone roccioso ricco di vegetazione con oltre 6 km di costa bagnata dal mare è l'isola Palmaria patrimonio dell'UNESCO dove lavora l'Azienda Agricola Possa situata a Riomaggiore. La maggior parte delle bottiglie sono state acquistate dal Grand Hotel Portovenere ma l' intenzione è di aumentare la produzione rinforzando le difese immunitarie delle vigne utilizzando alghe e propoli, veri e propri idratanti e ricostituenti per la pianta (così come per le persone); macerazione sulle bucce per ventiquattr'ore , fermentazione spontanea in vasche di acciaio, si tratta di una piccola produzione in via di sviluppo. Questo è un vino che si abbina a piatti semplici del territorio un pesce al forno o ancora meglio un bel piatto di muscoli alla marinara.

A seguire in degustazione In Origine IGT Liguria di Levante della Azienda Agricola
La Felce di Andrea Marcesini,Ortonovo, Triple A. Blend di Vermentino  Trebbiano toscano Malvasia di Candia non aromatica macerazione sulle bucce 10/15 giorni si tratta del classico taglio dei Colli di Luni esempio di rispetto del terroir, dal suolo di arenaria sedimentaria con l'estensione del vigneto di 1 ha lavorato in biologico impianto a pergola potato  a guyot con un'età media dei vitigni di sessant'anni e una vendemmia manuale, questo vino bianco fruttato resinoso dalla bocca corposa fresca e sapida è adatto ai piatti a base di pesce e crostacei della Liguria.

Vino degustato Luna Antica IGT Liguria di Levante Azienda Agricola Terra  della Luna Ortonovo nata nel 2006. L'Azienda  è stata costruita interamente con materiale bioedile e grazie all'impianto fotovoltaico vuole raggiungere le zero emissioni di anidride carbonica. Ovviamente questi principi si rispecchiano nella cantina e nel suo vino. Situata nella conca formata dall'incontro fra le colline toscane e liguri, il terreno è caratterizzato dall'argilla grigia presente ad 1 m di profondità dove si crea un microclima ideale per lo sviluppo delle uve. Vermentino 100% si tratta di una vendemmia tardiva a fine ottobre con macerazione sulle bucce di 15/20 giorni rifermentato  in bottiglia con un perlage delicato dovuto alla pressione inferiore a 1 am bel colore giallo verdolino lucente nonostante la presenza di lieviti in sospensione gusto intenso sapido e spiccata acidità, la bollicina sottile rende la bevuta piacevole e si accompagna con tutti i piatti di pesce e carne bianca.

Ultimo per presentazione ma non per importanza An Piota chardonnay in anfora da vigne vecchie dell'Azienda Forti  del Vento di Castelletto d'Orba.
Terreni argillosi calcarei, ideali per l' An Piota (nome che deriva dal dialetto piemontese e significa "in gamba") adatto per uno chardonnay cresciuto in anfora e davvero diverso!
Tutto in anfora fino alla bottiglia, vinificazione lunga sulle bucce (circa un paio di mesi) Poi pressatura e permanenza sulle feccie fini. Imbottigliamento che normalmente avviene sei mesi dopo la vendemmia in primavera, proprio come una volta ...
Una curiosità: la degustazione si chiamava Naturalmente in Liguria ma Ovada e' provincia di Alessandria ma siamo sempre nella terra della Repubblica di Genova rubata anni fa dai Savoia e quindi ce la riprendiamo almeno enologicamente parlando ! 

Letto 837 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Claudia Paracchini

Claudia Paracchini

 Sito web
 e-mail

Sono Sommelier Fisar, assaggiatore Onav, Sommelier WSET e giurata al Concours des Vignerons indipendants di Parigi. Ho gia avuto modo di condividere...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti