Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 207

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 213
Aglio e cipolla, in cucina e non solo, di Maria Stefania Bardi Tesi

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Food

Aglio e cipolla, in cucina e non solo

di Maria Stefania Bardi Tesi

Aglio
E' proprio il caso di dire che, se lo si ama, può accompagnare quasi tutti i piatti a partire dalla bruschetta. La varietà "sativum" coltivata sin dall'antichità (i Romani se cibavano), trova largo impiego in cucina. Considerata pianta magica nella tradizione popolare (teneva lontani vampiri e streghe).

Per il marcato sapore non sempre è apprezzato. La sua patria probabilmante è l'Asia visto che testimonianze Sumeriche lo registrano già circa 5.000 anni fa.
Il nome di questo bulbo composto da vari bulbilli o spicchi (dal punto di vista botanico in realtà gli spicchi non sono altro che foglie che si sono evolute mutandosi in organi di immagazzinamento) ha chiare origini anglosassone derivando da "Garlic". In Inghilterra infatti veniva usata in misura massiccia soprattutto crudo.

Oltre che per l'aroma caratteristico che dona ad ogni portata, da sempre gli sono riconosciute proprietà terapeutiche. E' infatti un ottimo antibiotico naturale, antisettico delle vie respiratorie e gastrointesinali; rafforza le difese immunitarie è inoltre ipotensivo, digestivo, vermifugo.

Svolge importante azione anticancerogena ostacolando la formazione nell'intestino di prodotti di putrefazione, ed effetto neoplastico. Gli zuccheri in esso presenti (circa 8%) sono ben tollerati anche dai diabetici grazie alla sua forte azione ipoglicemizzante.

L'aglio pare che sia utile per:

L'ipertensione
infondere 20 grammi in una tazza di acqua bollente per circa 15 minuti e assumere 3 tazze al giorno per 3 mesi.

Per il raffreddore

spremere 4 gocce di succo in 1/2 bicchiere di acqua fredda e fare gargarismi 4 volte al giorno.

Per le verruche
strofinare 5-6 volte al giorno con spicchi freschi.

Per i reumatismi
macerare 10 grammi di spicchi tritati in 20 ml. Di acqua fredda per 2 ore. Aggiungere tanto zucchero quanto si riesce a scioglierne nella soluzione. Assumere 1-2 cucchiai al giorno.


Questi i rimedi di una volta e tanti altri ancora sicuramente validi tutt'oggi.


Composizione per 100 grammi di parte edibile

   
Acqua Grammi 80
Proteine Grammi 0,9
Grassi Grammi 0,6
Zuccheri Grammi 8,4
Fibre Grammi 0
Sodio Mg 0
Potassio Mg 0
Ferro Mg 1,5
Calcio Mg 14
osforo Mg 63
Zolfo tracce

Vitamina A mcg 5
Vitamina B1 mg 0,14
Vitamina B2 mg 0,02
Vitamina PP mg 1,3
Vitamina C mg 5


Olio essenziale (a base di solfuro di allile e propile Kcal 41



La Cipolla

Bulbo a cui la medicina popolare ha sempre attribuito proprietà terapeutiche (gli antichi Egizi la consideravano addirittura sacra), confermate dalle ricerche recenti. Il premio Nobel Virtanen sostiene che nella cipolla sono presenti 14 sostanze attive in grado di arrecare benessere. E' dunque una specie di "farmacia naturale", il fatto che nella dieta di tanti centenari la cipolla compaia quasi quotidianamente avvalora velocemente essendo molto delicato, provate a seguire queste norme:

1) non rosolare a fuoco vivace, ne in tegame di acciaio e con fondo troppo largo dove la cipolla potrebbe spargersi troppo;

2) usate eventualmente un cucchiaio di acqua (non di più) per inumidire.


E se le dovete frullare inserite la cipolla nel bicchiere del frullatore tagliata a pezzi e mai intera (darebbe origine soltanto ad una poltiglia acquosa). E se vi pare di aver mangiato troppo aglio e/o cipolla ecco come riavere un alito freschissimo:

1) prendete poche gocce di olio essenziale di menta piperita o di eucalipto o di lavanda o di timo mescolato con un cucchiaino di miele grezzo;

2) potete altrimenti masticare alcune foglie di prezzemolo;

3) o ancora masticare chicchi di caffè;

4) e se ne avete ancora voglia … un bel bicchiere di latte bianco (possibilmente caldo).


E poi un’antica ricetta


Liquore di Cipolla

Occorrono 150 g di cipolle, 50 g di gramigna, 40 g di alcol a 95°, 1 litro di vino bianco secco, 30 g di foglie di carciofo, 10 g di scorza di limone.

Si deve lasciare a macerare tutti gli ingredienti in un grosso vaso a chiusura ermetica per 10 giorni, con un mestolo di legno mescolare frequentemente. Filtrare e consumare rapidamente.

Letto 6213 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Maria Stefania Bardi Tesi

Maria Stefania Bardi Tesi

 Sito web
 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area food

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti