Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Eventi > Vino

Un angolo di Toscana nel cuore di Milano…Aspettando Bancarel’Vino 2018…

DoveMulazzo (MS) - Ristorante Savini Milano e Borgo di Mulazzo

Quandodal 14 dicembre 2017 al 05 agosto 2018

di Mariella Belloni

MappaArticolo georeferenziato

Si è tenuto presso il Ristorante Savini, da 150 anni uno dei luoghi simbolo e tra i più frequentati della città meneghina tra arredi dantan e il fascino di una moderna cucina a vista, un esclusivo Wine tasting, guidato dal sommelier Marco Bellentani, di quattro nuove etichette toscane prodotte nella Lunigiana storica, territorio ricco di vitigni doc e locali, che abbraccia le Cinque Terre, il Golfo dei Poeti, la Val di Vara, la Val di Magra e le Alpi Apuane, oltre alla presentazione del Premio BancarelVino 35esima edizione che andrà in scena nellestate 2018 a Mulazzo, una  che sa regalare la consueta grande ospitalità declamata da Dante e che ancora oggi fa parte del dna delle persone. E naturalmente i produttori i quali, come sempre, sono i veri protagonisti della kermesse, coloro che attraverso i propri pregiati nettari raccontano la storia di unagricoltura eroica, legata a doppio filo al territorio. Liniziativa è finalizzata alla qualificazione e tipicizzazione delle produzioni toscane con lobiettivo di promuovere e valorizzare, attraverso una mostra mercato le produzioni vinicole, e non solo, della Provincia di Massa-Carrara.

All’evento hanno preso parte Claudio Novoa, Sindaco di Mulazzo, Giorgio Santi, Assessore all’Urbanistica e al Turismo, e Giovanni Tarantola, Presidente della Fondazione “Città del Libro” Pontremoli e il giornalista-sommelier Marco Bellantani. 

Le nuove etichette, nelle declinazioni bianco e rosso abbinate alle portate a cura dello Chef Giovanni Bon, sono state selezionate all’interno dell’edizione 2017 del Premio Bancarel‘Vino, manifestazione nata nel 1983 sulla scia del successo del Premio letterario Bancarella, con l’obiettivo di promuovere e valorizzare, attraverso una mostra-mercato, le produzioni vinicole della provincia di Massa Carrara.

La degustazione ha inizio con un Vermentino 100% che incarna piacevolezza e stile, il Fosso di Corsano 2016 - Terenzuola - Colli di Luni Doc - In abbinamento all’Antipasto: Sformatino di zucca e ricotta, crema di marron glacèe e fonduta di mozzarella di bufala - Colore giallo paglierino luminoso con leggeri riflessi dorati. Profumi freschi e piacevoli sentori di mela e fiori di ginestra. Guato armonico e fresco, morbido ed elegante, dotato di un grande equilibrio. Grande finezza e qualità eccelsa, è come bere un alsaziano non dolce.

Traverso - Vigne Conti - D.O.C. Candia dei Colli Apuani 2016 100% Vermentino - In abbinamento al Primo: Risotto alla bisque di gamberi all’aneto e carpaccio scottato di capesante - Questa versione di Vermentino da vitigni eroici, si presenta con un colore giallo paglierino intenso con riflessi verde oro - Profumi fini ed espressivi con frutta gialla matura, note agrumate di pompelmo, accenni floreali, con minerali ed erbe officinali a chiudere il ventaglio odoroso di grande luminosità. L’impatto gustativo è di notevole complessità, i ritorni di frutta ed erbe officinali innescano una tensione gustativa di grande energia dove la freschezza ne amplifica lo slancio sino al finale lunghissimo lungo e profondo.

Bianco Otto Ottobre 2015 - Ruschi Noceti IGT Val di Magra - In abbinamento al Secondo di pesce:’Tra terra e mare’ - Prodotto sulle colline della Lunigiana con uve Durella e Luadga vendemmiate tardivamente (il nome sta ad indicare per l’appunto la data di inizio della vendemmia) e fermentate in bianco dopo una macerazione fredda di circa 48 ore, è tutto un programma ai primi sentori olfattivi.  Si presenta con un coloro giallo paglierino intenso, tendente al dorato, lucente e di ottima limpidezza e sviluppa un olfatto intenso e persistente, fine ed armonico, ricco di note fruttate tropicali, floreali di fiori di campo e gusto intenso e persistente, di ottima rispondenza gusto/olfatto. Vino opulento, ben equilibrato, di gran corpo, sapido con un finale di estrema piacevolezza che lascia il palato asciutto e morbido al contempo.

Per poi lasciare spazio alle emozioni e alle suggestioni evocate dalla terra di origine di questo  vino rosso proveniente da un vitigno antico. Cybo 2015 - Roberto Castagnini - Vini Apuani, uvaggio Massaretta 100% - In abbinamento al Secondo di carne: Brasato di manzo al vino rosso su polenta rustica - Un vino molto sorprendente, se pur ancora molto giovane, che si presenta con un colore rosso rubino intenso concentrato con profumi abbastanza persistenti sia nell’intensità che nella complessità. Fruttato con profumi di frutti di bosco, ribes, spezie e leggero il sentore del legno. Un’entrata un pò astringente simile al sangiovese, tannino che avanza prepotentemente, uscita dolce in bocca, al naso note speziate di pepe nero. Nei vini di Roberto Castagnini trovi la sua sincerità, la matrice territoriale espressa con grinta, caparbietà e la sensibilità alle sfumature necessarie. Produttore verace, autentico.

Si conclude così a Milano il percorso di valorizzazione delle produzioni di qualità iniziato con Vetrina Toscana nel corso del 2017. Una significativa occasione, anche per la promozione di tutto il territorio Lunigianese, una splendida valle contornata dallAppennino Tosco-Emiliano, valorizzandone le bellezze naturali, culturali e culinarie.

Apprezzamenti diffusi anche da parte dei partecipanti per l’ottima riuscita dell’evento e per la qualità degli interventi, ma un particolare riconoscimento va a questi vini con una qualità organolettica eccellente, che ad ogni sorso riescono a far assaporare i caratteri legati a un territorio da sempre “portato” e proteso ad un futuro ricco di energie e opportunità.

Aspettando il Premio 'Bancarel'VINO' 2018...

il borgo di Mulazzo, che sorge sopra un colle prossimo alla riva destra del Magra e tiene un posto rilevante nella storia di Lunigiana, ha visto nascere sotto i suoi archi due importanti manifestazioni culturali: il Premio Letterario Bancarella, nel 1953, e negli anni successivi il Premio Bancarel’VINO. L’universo del libro è da sempre legato al destino di questo territorio che ha visto emigrare numerose famiglie di mulazzesi con “gerle” piene di libri da vendere nei mercati delle piazze d’Italia e, in certi casi, anche all’estero. Alcuni di questi emigranti, grazie all’esperienza acquisita, fondarono case editrici e aprirono librerie in varie parti del mondo. E’ in questo contesto che è cresciuto il Premio Bancarella, manifestazione di rilevanza notevole per tutto l’ambiente letterario italiano e non solo, che ha portato a Mulazzo ed alla vicina Pontremoli, rinomati scrittori e giornalisti. Il Premio Bancarelvino fu ideato dall’allora sindaco Gian Lorenzo Rosi, dal comm. Mario Mengoli e da due ristoratori, Gianni e Dorina, titolari del ristorante lunigianese, “Da Giannì”, a Milano. La finalità inconfessata era quella di sottrarre il vino Lunigianese, ad un’immagine che lo vedeva, per lo più, associato alla vita contadina: una bevanda per le classi subalterne. Riserva energetica nel duro lavoro dei campi e pozione scacciapensieri nel tempo trascorso in osteria. Poco curato enologicamente e distante da ogni forma di cultura alta. Pertanto In accordo con l’ Unione Librai Pontremolesii e l’ Accademia della Vigna Bianca e della Vigna Rossa, si decise di assegnare il Premio Bancarelvino ad un vino ma anche ad un libro inerente questa bevanda, e, quindi in grado di conferirle un valore culturale. Nell’estate del 1983, sulla scia del successo del Premio Bancarella, si svolge a Mulazzo la prima edizione del Bancarel’VINO.

“Il Premio Bancarel’Vino, nonostante le numerose perplessità iniziali, ha riscontrato con il passar degli anni sempre più consensi e riconoscimenti di pubblico e critica, guadagnandosi il patrocinio del MIPAF e uno spazio di prim’ordine tra gli operatori e gli appassionati del settore -ha dichiarato Claudio Novoa, Sindaco di Mulazzo. “I produttori, inizialmente pochissimi, hanno saputo affermarsi nel corso degli anni, portando alla Provincia di Massa Carrara due DOC, quella del Vermentino dei Colli di Luni e quella dei Colli di Candia, nonché una IGT Val di Magra”. 

Numerose le aziende agricole e le agrituristiche che hanno contribuito negli anni al miglioramento del paesaggio e allo sviluppo di una importante economia vinicola, attraverso un’evoluzione e un rafforzamento della produzione: una viticoltura eroica, poiché si tratta di realtà piccole che, seppur con caratteristiche analoghe, rispecchiano nei vini ciascuno la personalità del produttore e la sua tradizione.

 “Ad oggi Bancarel’Vino  è occasione d’incontro tra giornalisti, addetti ai lavori e pubblico ed è arricchito da numerose iniziative correlate sul tema del vino e delle produzioni tipiche e tradizionali. Il successo della manifestazione è dovuto alle sinergie fra le Istituzioni che hanno visto, in primis della Regione Toscana, della Provincia di Massa Carrara, dell’Unione di Comuni Montana Lunigiana, della Camera di Commercio di Massa Carrara e di sponsor privati, elementi che ad ogni edizione confermano le grandi potenzialità dell’iniziativa e la sua validità”- ha concluso Giovanni Tarantola, Premio Bancarella.

L’iniziativa negli ultimi anni si è ritagliata anche uno spazio all’interno delle eccellenze della Toscana, inserendosi nel prestigioso Circuito di Vetrina Toscana, un progetto nato con lo scopo di far conoscere ed apprezzare le eccellenze della filiera agroalimentare della Regione Toscana ed allo stesso tempo il circuito dei ristoranti e delle botteghe del gusto dove il consumatore locale ed il turista possono trovare questa produzione di alta qualità.

In questo modo - afferma l’assessore Giorgio Santi - vogliamo avvicinare mondo della ristorazione e mondo della produzione e tenere accesi i riflettori sulle produzioni tipiche della nostra provincia anche dopo i tre giorni della kermesse”.

 

Letto 454 voltePermalink[0] commenti

Tags


Warning: min() [function.min]: Array must contain atleast one element in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/tags_articolo.php on line 7

Warning: max() [function.max]: Array must contain atleast one element in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/tags_articolo.php on line 8

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Mariella Belloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti