Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Eventi > Vino

Sapaio 2015 diventa Toscana IGT

DoveCastagneto Carducci, Castagneto carducci (LI) - Podere Sapaio

Quandodal 31 ottobre 2017 al 30 aprile 2018

di Luigi Bellucci

MappaArticolo georeferenziato

Un cambio di denominazione per elevare ancora di più il vino icona dell’azienda bolgherese
Castagneto Carducci, ottobre 2017 –
È in arrivo una grande novità dal Podere Sapaio: a ottobre uscirà sul mercato Sapaio 2015 che per la prima volta riporterà in etichetta la denominazione Toscana IGT.
Il vino icona dell’azienda di Massimo Piccin non sarà più quindi un Bolgheri DOC Superiore, ma lascerà alla seconda referenza di Podere Sapaio, Volpolo, l’onore di rappresentare in solitaria il territorio (Bolgheri DOC).
“Fin dagli inizi, ogni mia scelta, è stata ispirata dalla volontà di ricercare la qualità assoluta – racconta Massimo Piccin, titolare dell’azienda nata nel 1999 – e oggi continuo su questa direttrice cambiando denominazione al Sapaio per poter usare le uve provenienti dal nostro vigneto di Bibbona, che ci sta regalando una qualità eccellente. L’obiettivo è uno solo: non scendere a compromessi ma fare tutto quello che è nelle nostre possibilità per elevare ancora di più il Sapaio”.
Una decisione, quella di contemplare nel blend del Sapaio la produzione di Bibbona, condivisa dall’enologo Carlo Ferrini che spiega: “ Questa scelta, per noi importante e coerente con la filosofia di Podere Sapaio, è stata perseguita per uscire dall’anonimato, per far emergere l’azienda e in un certo senso scoprirsi. Una decisione che nasce dal desiderio di avere un disegno tutto nostro, senza essere legati a un disciplinare, per poter lavorare con maggiore libertà”.
Il comune di Bibbona è fuori dal territorio di Bolgheri per cui l’utilizzo di quelle uve rendeva necessario un cambio di denominazione. A fronte però della possibilità di produrre un vino ancora più ricco, profondo ed elegante, Piccin non ha avuto alcun dubbio e ha preferito la qualità del vino al brand Bolgheri in etichetta, che, tra l’altro, era già riportato solo in contro-etichetta.
Rimarranno invariati gli uvaggi (cabernet sauvignon, cabernet franc e petit verdot) e la vinificazione: 18 mesi in barriques francesi e circa 12 mesi in bottiglia.

Marta Sobrino – WELL COM srl
Via Rio Misureto, 8 - 12051 Alba (Cn) – Italy
tel. +39 0173 362958 - mob. +39 338 8100520

Letto 308 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Luigi Bellucci

Luigi Bellucci


 e-mail

Sono nato in una torre malatestiana del 1350 sulle primissime colline del Montefeltro romagnolo. Forse per questo mi ha sempre...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti