Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Eventi > Food

Le Radici del Gusto! Ad Alba va in scena l’86ª edizione della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba

DoveAlba (CN) - strade, cortili, palazzi del capoluogo delle Langhe

Quandodal 08 ottobre 2016 al 27 novembre 2016

di Mariella Belloni

MappaArticolo georeferenziato

Una tradizione alla scoperta dell’oro bianco di Langhe, Roero e Monferrato

 

Ad Alba l’86ª edizione tra l’8 ottobre e il 27 novembre: una fiera green, crowdfunding per il tartufo, il grande design internazionale, le mostre, grandi ospiti,   l’Alba Truffle Show ed esperienze sensoriali 

Quasi due mesi di eventi celebrano il Tuber magnatum Pico, il Tartufo Bianco d’Alba, gioiello e mistero del territorio di Langhe, Roero e Monferrato. Dopo il tradizionale preludio del Palio degli Asini, in programma il 2 ottobre, tra l’8 ottobre e il 27 novembre l’86ª Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba invade le strade, i cortili, i mercati e  i palazzi del capoluogo delle Langhe. La fiera di Alba sarà il cuore principale dell’evento che nel 2016 è stato inserito tra le maggiori manifestazioni nazionali dal MIPAAF, il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali. Sono proprio i segreti del territorio e dei terreni, le ragioni per cui il tartufo bianco nasce qui e non altrove, come mai gli ambienti delle Langhe, Roero e Monferrato portano al suo sviluppo e altri, con caratteristiche simili, non gli siano congeniali.

 

La Fiera del Tartufo Bianco d’Alba sarà il grande contenitore di una serie di eventi legati alla valorizzazione del tartufo come patrimonio culturale collettivo: entro il 2016 il Tartufo Bianco d’Alba sarà ufficialmente candidato a diventare Patrimonio Immateriale dell’Umanità UNESCO. L’86ª edizione rinnova l’immagine della Fiera Internazionale del Tartufo di Alba: un nuovo logo, dedicato al «Re dei Funghi», icona studiata per diventare un segno duraturo in cui leggere fascino, rarità, preziosità del tartufo e parallelamente l’albero, immagine di questa edizione 2016, metafora del paesaggio straordinario, Patrimonio dell’Umanità UNESCO, nel quale il Tartufo Bianco d’Alba nasce e si riproduce in maniera enigmatica e sfuggente. L’albero è il legame imprescindibile con la natura, perché è tramite la simbiosi con le radici che il tartufo può svilupparsi e prosperare. La natura come simbolo e anche come salvaguardia: la Fiera del Tartufo Bianco d’Alba inizia un percorso che nei prossimi anni condurrà a ridurre sensibilmente l’impatto ambientale della manifestazione, una fiera green che si impegna a contenere i rifiuti immessi al consumo, aumentare la raccolta differenziata, formare gruppi di eco-volontari. La tutela dell’ambiente è anche la missione di Breathe the Truffle, la prima campagna crowdfunding che nasce per salvaguardare l’ambiente naturale del Tartufo Bianco d’Alba: una campagna online attraverso la quale chi ama il territorio potrà in prima persona salvare il patrimonio tartufigeno piemontese e il suo habitat. Ad amare il tartufo sono sicuramente alcuni tra i protagonisti globali del design. Nel corso della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, Alberto Alessi, fondatore dell’Alessi S.p.A., ha coinvolto grandi firme del design internazionale per un workshop che in due anni realizzerà un «Kit per il Tartufo Bianco d’Alba» comprensivo di tagliatartufo, espositore e contenitore.

 

Tra l’8 ottobre e il 27 novembre, il Mercato Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, allestito all’interno del Cortile della Maddalena, è il luogo dove vedere, toccare, annusare, conoscere, sperimentare e scoprire il Tuber Magnatum Pico, la mecca del tartufo bianco d’Alba, un’area espositiva di 1500 m². Luogo perfetto per apprezzare e comprare i migliori tartufi cavati dai boschi di Langhe, Roero e Monferrato, grazie alla commissione AlbaQualità – i tartufi superiori ai 10 grammi sono venduti all’interno di un sacchetto numerato che dà garanzia e diritto a un cambio qualora il tartufo non risultasse soddisfacente – il mercato è il posto dove incontrare l’eccellenza enogastronomica piemontese, aperto ogni sabato e domenica, tutti i weekend della fiera, dalle 9.00 alle 20.00. Il 13 novembre è invece il giorno in cui si terrà la 17ª edizione dell’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba: nel Castello di Grinzane Cavour eccezionali lotti del «Re dei Funghi» vengono battuti di fronte a un pubblico internazionale.

 

L’86ª Fiera internazionale del Tartufo bianco d’Alba è anche grandi mostre: dal futurismo italiano di Giacomo Balla alla transavanguardia del pittore Francesco Clemente, fino all’antologica del pittore ed editore Mario Lattes. Al Tartufo Bianco d’Alba e alla Fiera del Tartufo è dedicata una grande mostra nata fortunosamente quando la fiera ha commissionato a Gillo Dorfles un disegno per un “manifesto d’autore” della fiera. È così che l’artista e maestro dell’Estetica italiana del Novecento ha scoperto la collezione dei manifesti che nel 1955 furono realizzati per la XXV edizione della Fiera del Tartufo Bianco da Lucio Fontana, Farfa, Aligi Sassu, Emanuele Luzzati, Tinin Mantegazza, Bruno Sandri, Leandro Sciutto, Luigi Caldanzano e Mario Porcù. La mostra, Da Fontana a Dorfles. I manifesti d’autore della Fiera del Tartufo, realizzata dal Centro Studi Beppe Fenoglio Onlus e dal Comune di Alba, sarà allestita presso la sede del centro studi dal 1° ottobre all’11 dicembre. Il Centro Studi intitolato al grande scrittore albese, insieme all’assessorato alla Cultura del Comune, rinnova l’appuntamento con la Maratona Fenogliana: dal 18 settembre tre tappe nel territorio, tre scrittori che faranno da guida nella lettura degli scritti di Fenoglio. Il 25 settembre è la data d’inizio di librINalba, la rassegna dedicata all’editoria di qualità che avrà il suo cuore in piazza Michele Ferrero.

A cura di Ester Coen, FUTURBALLA, che inaugura il 29 ottobre, è la mostra che la Fondazione Ferrero dedica alla straordinaria figura del pittore che ha connesso l’arte italiana con le avanguardie storiche. AFTER OMEROS, prodotta dalla famiglia Ceretto, Comune d’Alba e Fiera internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, è la mostra in cui Francesco Clemente, uno dei più alti espressionisti dell’arte di oggi, dialoga con gli ambienti barocchi del Coro della Maddalena attraverso l’esposizione (15 settembre-13 novembre) di 41 acquarelli e due installazioni ispirate al poema epico di Omero.  Per approfondire il legame tra l’arte di Clemente e il pensiero di Walcott la famiglia Ceretto ha stretto una sinergia con POETICA – Festival della Poesia, Città di Alba, promosso dalla Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba. Nel corso della mostra – venerdì 21 ottobre e venerdì 11 novembre alle ore 18,30 – sarà possibile associare la visita ad un’esperienza performativa. In occasione della fiera, la Fondazione Bottari Lattes propone numerosi appuntamenti, tra arte e letteratura. Presso il Palazzo Banca d’Alba, da venerdì 14 ottobre al 2 novembre, Mario Lattes. Antologia Personale è la retrospettiva dedicata al pittore ed editore torinese, a cura di Vincenzo Gatti. Il 14 ottobre presso il Teatro sociale “Giorgio Busca”, il maestro della letteratura israeliana Amos Oz terrà una grande lectio magistralis in occasione della consegna del Premio internazionale Bottari Lattes Grinzane nella sezione “La Quercia”. Il giorno seguente, sabato 15 ottobre, il Castello di Grinzane ospiterà la cerimonia finale Premio Bottari Lattes Grinzane. Altra mostra, la prima in Italia dedicata alla cucina italiana d’autore e ai suoi protagonisti, Regine & Re di Cuochi sarà allestita all’interno della Chiesa di San Domenico ad Alba tra l’8 ottobre e il 27 novembre.  Frammenti e materiali, uniti a scarti della produzione industriale, acquistano un nuovo significato e reinventando oggetti quotidiani, a metà strada tra arte e design: è il codice creativo di Giovanni Cagnoli su cui si focalizza S’OGGETTO, la personale dell’artista presso la Chiese di San Giuseppe, dal 12 al 27 novembre. 

 

Arte e letteratura, ma anche spettacolo: l’Alba Truffle Show è un grande contenitore di eventi culturali ed enogastronomici che celebrano l’oro bianco delle Langhe, in programma per tutto il corso della fiera. Dedicati ai gourmet, i Foodies Moments celebrano il matrimonio tra la grande cucina e il Tartufo Bianco d’alba con showcooking di grandi chef stellati, come Matteo Baronetto, Davide Oldani, Enrico Bartolini. Ogni weekend della fiera, declineranno i profumi del tartufo in dibattiti, incontri, talk, presentazioni di libri. Tra gli ospiti delle passate edizioni Gualtiero Marchesi, Joan Roca, La Pina, Alessandro Cattelan e molti altri. La Fiera del Tartufo è anche grande musica: martedì 8 novembre la signora del jazz,  Dee Dee Bridgewater arriva ad Alba insieme ad una band di giovanissimi leoni capitanati da Theo Crocker, trombettista scoperto dalla stessa Bridgewater, che sta conquistando le attenzioni di tutto il mondo.

 

A integrare e arricchire l’esperienza dell’oro bianco, non mancheranno per il pubblico le esperienze sensoriali come il wine tasting e l’analisi sensoriale del tartufo. In collaborazione con la Strada del Barolo e grandi vini di Langa, la fiera organizza le wine tasting experience, una degustazione dedicata allo sterminato patrimonio vitivinicolo di Langhe e Roero. Parallelamente, per comprendere i segreti del tartufo, un giudice di analisi sensoriale dell’OIAT, l’Organizzazione Internazionale Assaggiatori di Tartufo, guida in degustazione olfattive, test sensoriali e prove pratiche.

 

La Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba è l’occasione di scoprire, attraverso il folclore, le tradizioni millenarie del capoluogo delle Langhe. Domenica 2 ottobre, come consuetudine, il Palio degli Asini inaugurerà la fiera: la celebre corsa dei ciuchini che si rincorrono per i nove borghi della città per la conquista del drappo dipinto da un artista contemporaneo. Il banchetto  alla corte del Podestà di Alba, la Bela Trifolera, la Fashion Truffle Night, l’Investitura del Podestà che precede il palio e il Baccanale del Tartufo sono alcune delle altre rievocazioni della storia e della tradizione del territorio in programma nel periodo della fiera.

 

La fiera è anche didattica per i bambini: l’Alba Truffle Bimbi è il padiglione della fiera dedicato ai bambini che visitano la fiera con le loro famiglie. Attività, laboratori e giochi di un tempo costruiti in legno, i bambini giocano, imparando e divertendosi. 

 

Tutte le informazioni, gli eventi e le novità dell’86ª edizione della Fiera Internazionale sul sito www.fieradeltartufo.org

 

Letto 650 voltePermalink[0] commenti

Tags


Warning: min() [function.min]: Array must contain atleast one element in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/tags_articolo.php on line 7

Warning: max() [function.max]: Array must contain atleast one element in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/tags_articolo.php on line 8

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Mariella Belloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area food

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti